Home / Recensioni MM / Recensione: “Misfits (Urban Soul #1)” di Garrett Leigh

Recensione: “Misfits (Urban Soul #1)” di Garrett Leigh

Il ristoratore Tom Fearnes ama il suo compagno Cass da una vita, ma spesso il lavoro li tiene lontani l’uno dall’altro. Quando conosce un sorprendente ragazzo di nome Jake nel vivace quartiere di Camden Town, il loro primo e inebriante incontro prende una piega inaspettata.

Il giorno in cui si risveglia nel letto di Tom, Jake Thompson non riesce a credere di essere stato così fortunato. Tom è splendido, gentile e… impegnato. Scoprire che l’uomo vive una relazione aperta lo sconvolge, ma lui è una tentazione troppo forte e, quando le difficoltà lo spingono a dover accettare l’aiuto di Tom, Jake si ritrova in mezzo a due uomini che hanno smarrito la loro strada.

Cass Pearson è un’anima inquieta. Ama Tom con tutto se stesso, ma a volte pensa di non avere nulla da offrirgli. Jake gli appare, dunque, come la soluzione perfetta. Rischia tutto ciò che ha pur di far mettere Jake e Tom assieme, ma il ragazzo resiste, scettico, fino a quando l’oscurità del passato di Cass torna a farsi viva.

A quel punto, Jake capirà di essere lui quello forte, e di dover combattere per riportare la luce nelle vite dei due uomini che ha imparato ad amare.

Fonte della trama: Triskell Edizioni

«Ti andrebbe bene?»
L’altro scrollò le spalle. «Perché no? Tu capisci sempre quando qualcuno ha bisogno di aiuto. Hai una specie di sesto senso. Il fatto che sia anche sexy è un di più. Trovalo. Scopatelo. Aggiustalo. È quello che fai.»
«Non è quello che faccio.»
«Sì, invece.» Cass si infilò la forchetta in bocca come se la conversazione fosse finita, ma poi gli allungò la mano. «Mi aggiusti tutte le volte che ti ascolto e se lui… se Jake vuole vedere come ci riesci, portalo qui. Mi piacerebbe conoscerlo.»

Cass e Tom sono una coppia aperta, solida, che ha alle spalle già nove anni di relazione. L’onestà e il dialogo sono un punto di forza, così come l’assenza di possessività e gelosia nel sapere delle reciproche esperienze di una notte.
Jake si inserisce fra loro in punta di piedi, mettendo in crisi i lati più fragili di una relazione frustrata da ritmi di lavoro asfissianti e da muri eretti a proteggere il proprio passato, ma allo stesso tempo tamponandoli con la sua tenace dolcezza.
Jake non conosce il threesome, non è aperto o predisposto a questo, e i due ragazzi non forzano nessun tipo di relazione, né gli chiedono di sperimentare più di quanto lui non sia disposto o interessato a fare, inizialmente con un interessamento nei confronti di Tom, ma presto, partendo da un’amicizia e dall’affinità, si sviluppa in un’infatuazione anche nei confronti di Cass.
La gradualità e la pazienza concedono spazio a un grande lavoro di approfondimento caratteriale e psicologico, in grado di rendere realtà questo rapporto a tre, che viene a instaurarsi in modo unico, distinto e personale tra loro, in base alle diverse caratteristiche individuali. Precisi e accurati gli equilibri tra ogni coppia e nel triangolo, delizioso il modo in cui il terzo lato viene a consolidare un rapporto che prima sembrava insufficiente.

A questo intreccio ben pianificato e ben realizzato, si aggiunge il tema della disabilità di Jake, che soffre della Sindrome di Tourette. Senza pietismo, prenderemo confidenza con gli aspetti che rendono difficoltosa la vita a chi ne soffre; impareremo ad accettarlo e a sorvolare sui tic e sulle frasi ricorrenti, arrivando ad apprezzare l’esternazione di imprecazioni volgari, inopportune quanto perfette nel momento in cui “scappano”. Scopriremo un Jake insicuro ma allo stesso tempo deciso nell’esigere la considerazione e il ruolo che gli spetta nel rapporto. Non accetterà di essere un terzo incomodo tra Tom e Cass, ed esigerà che tutti si prendano cura l’uno dell’altro, dedicando tempo, dialogo e rispetto, ed esternando i propri desideri.

Pur non essendo una storia casta, ho apprezzato molto che all’aspetto erotico sia stata affiancata una corposa parte relazionale e introspettiva, capace di dare spessore a tutti e tre i personaggi. Alla storia romantica, a quella caratterizzata dalla Sindrome per Jake, alla nuova sfida lavorativa che mette sotto pressione Tom, si aggiunge anche una questione personale che Cass deve affrontare per liberarsi completamente dal punto di vista emotivo e poter vivere la vita con più serenità, sentendosi in diritto di amare.

Il pensiero di Tom e Cass che ponevano fine alla loro relazione aperta, chiudendola per lui… attorno a lui, come una fortezza calda e sicura, gli fece girare la testa. In senso buono. Forse. Probabilmente.

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...
x

Check Also

Recensione: “Bones (Blue Boy #2)” di Garrett Leigh

Cam è un pornodivo veterano del Blue Boy ...