Home / Recensione libri / Recensione: “Malizia” di Maisey Yates

Recensione: “Malizia” di Maisey Yates

Care Fenici,Queen ci racconta un nuovo romanzo bollente !

 

 

Quando Addison Treffen si ritrova a lavorare per Logan Black, famigerato miliardario, non ha idea di cosa davvero la aspetti… e neppure di quanto, fino a quel momento, ha ignorato dei piaceri del sesso. Sarà proprio Logan a farle provare quelle sensazioni proibite di cui ha solo sentito parlare…

Mi aspettavo un erotico con il solito clichè del miliardario che seduce l’innocente ragazza in difficoltà, ma pian piano che la storia procedeva, mi sono imbattuta in qualcosa di molto diverso.

Dopo una parte introduttiva e il racconto delle premesse che portano Addison a lavorare per lui, viene svelata la storia del vero protagonista cioè Logan Black, un miliardario che soffre di Agorafobia.

Logan è il superstite di una disgrazia avvenuta in mare, dove hanno perso la vita la sua amante e alcuni suoi amici. Rimasto in un’isola deserta per quattro lunghi anni, una volta tornato alla civiltà, non è più l’uomo libertino e spensierato di una volta.

Addison è una studentessa di buona famiglia, con un fidanzato, molti amici e un futuro roseo, ma all’improvviso la sua vita cambia repentinamente.

La ragazza vive un momento terribile: assiste  all’uccisione del padre che sembra gestisse un losco giro di prostituzione, viene allontanata dalla confraternita, il suo fidanzato l’abbandona, non ha più amici ed i giornalisti la perseguitano.

L’unico che si offre di aiutarla è suo fratello, che la manda a lavorare come stagista nell’ufficio del suo amico Logan Black. Rifugiatasi nell’albergo dove dovrà fare da segretaria al famoso miliardario e, dove si svolgerà quasi tutto il racconto, Addison si scontra con un’anima tormentata che si infligge la privazione dei propri desideri per i peccati commessi in passato.

 

#“Respiri, il tuo cuore batte. Mostra un po’ di rispetto per questo. Hai detto che sei stato egoista. Che hai sempre scelto te stesso, ma ora stai scegliendo un cadavere e non è la stessa cosa”#.

 

Addison è una donna emotivamente bloccata che rinuncia ai suoi desideri per delle scelte più rassicuranti e fa tutto quello che è in suo potere, per guadagnarsi l’approvazione degli altri.

Il percorso che affronteranno insieme e che li porta a conoscere l’amore vero, farà loro capire  che le regole non hanno poi così tanta  importanza e così riusciranno a superare tutte le difficoltà e a trovare uno scopo per vivere.

Durante la lettura mi ha intrigato molto  il mistero intorno a Logan e al dramma che ha vissuto.

La storia forse sarebbe stata più avvincente se  la scrittrice avesse elaborato meglio anche la vicenda della protagonista e se avesse cambiato un po’ l’ambientazione, che è rimasta a mio avviso troppo statica; anche se la paura di uscire di casa del protagonista era un elemento importante, mi aspettavo comunque una capatina nella famosa isola con Addison o la presenza di qualche altro personaggio secondario che interagisse con loro , invece nel romanzo i dialoghi si svolgono essenzialmente solo tra loro due.

Nell’insieme l’ho trovato un po’ cupo e nonostante qualche scena erotica, visto anche quanto il titolo e la copertina mi avevano attratto,  mi aspettavo di più!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Emanuela

Emanuela
x

Check Also

Recensione: “Andare oltre – Serie: All cocks #3” di TM Smith

Jon Brennan viene da una lunga stirpe di ...