Da non perdere
Home / Recensioni libri cult / Recensione: “L’unica per me” di Gena Showalter (serie Original Heartbreakers #0.5)

Recensione: “L’unica per me” di Gena Showalter (serie Original Heartbreakers #0.5)

Care Fenici, oggi Lucia ci parla di “L’unica per me” di Gena Showalter (serie Original Heartbreakers #0.5)

Dane ritorna nella piccola città in cui è nato dopo sedici anni di assenza. Ricco e bellissimo, incarna il sogno di ogni donna, ma lui è sempre stato innamorato solo di una, Kenna.
Sa che per averla dovrà tentare di abbattere le sue difese ma l’impresa non si preannuncia facile: come tutte le rosse, Kenna ha un animo ribelle, anche quando si tratta di dire di sì al destino.

«Quel dolce bocconcino una mangiauomini?» West gli diede un leggero colpetto sul braccio. «Non me la bevo. L’hai vista anche tu ritirare i bicchieri vuoti per dare una mano al personale.»
Nemmeno Dane voleva credere alle chiacchiere. Dire che provava dispiacere per ciò che gli avevano raccontato era come definire un oceano una pozzanghera. Eppure… se era anche lontanamente come la madre…Già. Alla fine, si tornava sempre a quello, sebbene lui sapesse meglio di chiunque altro che non era giusto far ricadere sui figli le colpe dei genitori. Il che era precisamente il motivo per cui lui si trovava lì: non per sostenere la stolta decisione del padre di sposare la donna che aveva contribuito a distruggere la loro famiglia, bensì per chiedere perdono alla bambina dai capelli rossi che lui aveva ferito tanti anni prima. Non aveva mai dimenticato il modo in cui su quel viso picchiettato di lentiggini si fossero disegnati dolore e paura, quando sua madre si era messa a sbraitare contro Roanne, il giorno in cui aveva scoperto la tresca. O di come il corpo minuto di Kenna avesse cominciato a tremare. O di come, nonostante tutto ciò, lei avesse cercato di confortarlo, sebbene lui l’avesse coperta di ogni sorta di insulti

L’unica per me è una breve novella che introduce alcuni dei personaggi della serie Original Heartbreakers, dove vediamo Dane Michaelson tornare nella cittadina di Strawberry Valley dopo 16 anni. È arrivato per il fidanzamento del padre in compagnia dei suoi soci, che stanno cercando una proprietà da acquistare nella zona. La sua infanzia è finita il giorno in cui la madre ha scoperto il marito con la sua amante, la madre di Kenna Star, una bambina di 7 anni che voleva disperatamente essere sua amica. Ma in quel giorno lontano, il dolore gli aveva fatto pronunciare parole orribili verso lei e la madre, ed andandosene dal paese poco dopo, non aveva mai potuto ritrattarle. Ora però è ben cosciente del fatto che la rivedrà spesso; il padre, infatti, dopo tanti anni ha deciso di divorziare da sua madre, e ora la madre di Kenna, Roanne, sta per diventare finalmente la sua fidanzata ufficiale.

Se Dane ha avuto una vita ricca di soddisfazioni, quella di Kenna non è stata semplice. La scoperta che sua madre aveva mandato all’aria quello che sembrava un matrimonio solido, ha inciso moltissimo sulla sua vita. Timida e presa di mira, ha commesso un’unica leggerezza, una notte di cui non ricorda quasi nulla, che ha portato nella sua vita la figlia Norrie, di sette anni. Da quel momento la sua esistenza è stata dedicata al lavoro e alla ricostruzione della sua reputazione, lavorando come cameriera e studiando, mantenendo sé stessa e la figlia, senza accettare l’aiuto della madre. Dane è fermamente deciso a scusarsi, e per di più appena uno dei suoi soci tenta di conoscere Kenna, si scopre inaspettatamente geloso.

Rivedersi permette loro di chiarirsi, e ben presto iniziano ad uscire insieme. Nonostante il loro rapporto sembri procedere nel verso giusto, Dane tiene la ragazza a distanza, incapace di relazionarsi con lei. E per quanto Kenna possa cominciare a provare qualcosa per lui, non è disposta ad avere una relazione con un uomo che non ama sua figlia.

Nelle poche pagine di questo racconto l’autrice ci permette di conoscere in modo molto superficiale alcuni dei personaggi che troveremo poi nei prossimi capitoli. Kenna vive infatti con Jessie Kay e Brook Lyn, due sorelle che avremo modo di conoscere molto approfonditamente più avanti.

Kenna una ragazza che ha pagato per colpe non sue; solo una volta, a sedici anni, ha commesso un errore di valutazione che ha scontato duramente, fomentando ancora di più la cattiva fama che le si è appiccicata addosso grazie alla madre. È una grande lavoratrice, che con difficoltà e determinazione continua a studiare per poter dare alla figlia una vita migliore; è una buona amica e una buona madre. Dane è un uomo che passa di avventura in avventura, detesta essere toccato, e nel suo passato c’è una tragedia che nessuno conosce e che è la chiave di quello che sembra il suo disinteresse per Kenna. Sono tante le donne che hanno tentato di avere qualcosa di più da lui che una notte di sesso, ma è sempre sembrato incapace di provare sentimenti. Ora si trova completamente ammaliato proprio dalla donna che dovrebbe evitare più di tutte. E la vendetta della madre di Dane, una volta scoperto che la figlia della donna che lei odia più al mondo è entrata nella vita del figlio, non tarderà ad arrivare.

È una storia piacevole, ma il prezzo dell’ebook per me è eccessivo per così poche pagine; inoltre il fatto che la storia contenuta non sia assolutamente necessaria per apprezzare appieno i libri successivi, me lo fa consigliare solo a chi, come me, di una serie vuole sapere tutto. I protagonisti di L’unica per me vengono sì menzionati ogni tanto nelle storie successive, dato che le ragazze rimarranno molto amiche, ma non hanno una parte così rilevante da essere indispensabile conoscerli; ma questa come sempre è la mia opinione strettamente personale. Carino, ben scritto, ma un po’ troppo breve.

#0.5  L’unica per me

#1  Sempre più vicini

#2  Solo per questa volta

#3  Ancora più stretto a te

#4  Non lasciarmi

#5  Non te ne andare

 

 

 

Kiki

x

Check Also

Recensione: “Perfetto con troppi difetti” di Samantha Towle (serie The Storm #3.5)

Buongiorno Fenici, oggi Nayeli ci parla di “Perfetto con troppi difetti” di Samantha ...