Home / Recensione libri / Recensione: ”L’ultima principessa del deserto” di Kristel Ralston

Recensione: ”L’ultima principessa del deserto” di Kristel Ralston

Titolo: l’ultima principessa del deserto
Autore:Kristel Ralston
Editore:Amazon Media
Genere:Romance
Data di pubblicazione: il 19 Marzo 2020

La principessa Aisha Al-Sabagh era stata data per morta durante una ribellione nel suo paese, il Bhareib. Tutta la sua famiglia era stata assassinata, ma lei era riuscita a restare in vita nel corso di una sanguinaria rivolta. Quando era stata sul punto di crollare tra le dune, una tribù nomade l’aveva adottata e aveva curato le sue ferite. Lei è una sopravvissuta e, adesso che sono passati anni, Aisha vuole recuperare quello che le è stato crudelmente usurpato. Non importa dover affrontare l’attuale re del Bhareib, che lei comunque considera un idiota e un volgare donnaiolo. Come potrebbe essere altrimenti, con la storia che lo precede? Lei è disposta a sacrificare tutto quello che possiede, compreso il proprio cuore, per vendicare la memoria dei suoi.

Abituato a lottare sui tavoli di trattativa più complessi del mondo, il re del Bhareib, Sayeb Al-Kahalel, si sente sopraffatto per la mancanza di investimenti stranieri nel suo paese; nessuno sforzo può andare sprecato in questo settore, perché ogni minuto conta. Il giorno in cui è sul punto di suggellare il suo futuro, una tormenta spazza via i suoi piani e lo fa sottoforma di una bellissima guerriera dagli occhi ammalianti. Sayeb non ha mai pensato alla possibilità di incontrare nuovamente Aisha, e tanto meno che lei abbia la capacità di destabilizzare il suo ferreo autocontrollo e indurlo a credere che le sue emozioni, forse, non sono del tutto arrugginite.

Le dune saranno testimoni di una storia che non solo determinerà il destino del Regno del Bhareib, ma anche quello dei due impulsivi amanti, la cui passione si confronterà con il proposito di ridonare splendore alla terra che li ha visti nascere.

Ben trovate, Fenici!

Oggi parleremo del nuovo romanzo di Kristel Larson: L’ultima principessa del deserto.

Aisha Al-Sabagh è la figlia minore del re del Bhareib, una delle più importanti famiglie degli Emirati Arabi, nonché una delle più amate e stimate dal popolo.

Il romanzo si apre con la scena della giovane principessa che, a soli dieci anni, vede l’assassinio dei genitori e del fratello maggiore, avvenuta in seguito a una ribellione da parte di un tiranno. La piccola, spaventata, si nasconde nel palazzo in cerca di una via di fuga, ma viene scoperta da un ragazzo dai magnetici occhi neri e con un tatuaggio sul polso sinistro. Contro ogni aspettativa, l’adolescente che si presenta col nome di Najib, che quasi subito scopriamo essere il principe Sayeb, aiuta Aisha a scappare nel deserto; qui, grazie alla tribù beduina dei Talippa, trova rifugio e un nuovo scopo nella vita: vendicare le barbarie subite dal suo popolo e l’omicidio della sua famiglia.

Passano tredici anni, l’ormai ventitreenne principessa sta per attuare il suo dettagliato e scrupoloso piano di rivalsa: l’attuale re, Sayeb (figlio minore del traditore che cospirò contro gli Al-Sabagh) sta per sposare una principessa di un altro paese arabo, ma con l’aiuto dei beduini, Aisha ne prenderà il posto.

Appena sposata, rivelerà la sua vera identità e, grazie a delle vecchie leggi ancora in vigore, solo lei può annullare la validità del matrimonio. Ovviamente, l’attuale re non è per nulla contento dell’improvviso e inaspettato cambio di programma, ma a differenza del sanguinario e violento padre, è un uomo molto razionale. Per il bene del paese che tanto ama, si adatta alle circostanze. I due in fin dei conti, seppur nemici di famiglia, hanno lo stesso identico scopo: far crescere e prosperare il Bhareib. Così, tra una lite e l’altra, finalmente trovano i giusti compromessi per tirare avanti quest’accordo matrimoniale… in fondo è solo un lavoro, no? Ahimè, nessuno dei due ha fatto i conti con l’attrazione e la forte chimica tra loro, che esploderà improvvisa e sorprendentemente dolce.

Come molti libri di questo genere, è pieno dei classici cliché, delle tante frasi fatte, e del tipico punto di rottura che porta a una riappacificazione duratura. Uno dei tanti romanzi rosa degli ultimi anni, insomma. Devo ammettere che, per quanto poco originale, è comunque una storia molto piacevole, resa ancor più gradevole dallo stile dolce e fluido dell’autrice; la Larson riesce, anche nelle scene più hot, a non essere mai volgare e trascina il lettore in un vortice continuo di emozioni.

Unica pecca è la ripetizione degli stessi argomenti a più riprese. Sì, ho capito già alla seconda volta che lo hai detto che Sayeb è diverso dal padre! E, no, non lo dice con queste semplici parole. C’è la solita tiritera dei motivi che li distinguono… e fidatevi, non sono pochi. Ma non è questa la parte peggiore.

Adesso veniamo alle dolenti note. Kristel Larson è ecuadoriana, quindi immagino che il romanzo sia stato tradotto per Amazon Media. Ora, mi chiedo: come cavolo è possibile che Amazon si faccia pagare per un lavoro così scadente? E nemmeno poco! Nulla da togliere alla storia e all’autrice, che, ripeto, ha scritto un romanzo davvero piacevole e di cui avrei volentieri letto altro, ma devo dire che traduzione e editing sono veramente PESSIMI! Non ho mai letto niente di peggio, giuro! Errori di battitura, ripetizioni su ripetizioni, gravissimi refusi grammaticali, punteggiatura pressoché inesistente o messa a caso… insomma, dal punto di vista editoriale è un vero fallimento. Sono rimasta davvero molto delusa. Per un attimo ho seriamente creduto di star leggendo una bozza e non la versione ufficiale! Mi duole ammetterlo, ma da lettrice mi sento quasi “offesa”. Se non fosse stato gratis su Kindle Unlimited, personalmente, non avrei mai pagato per uno scempio simile. Sembra quasi che abbiano preso il testo originale, l’abbiano caricato su Google Translate e abbiano copiato la traduzione per poi pubblicarla così. Ho fatto una fatica immane a finirlo, vi ho detto tutto!!! È un grandissimo peccato perché, con gli accorgimenti giusti, sarebbe stato davvero un ottimo libro, che non avrei esitato a consigliare.

Titolo: l’ultima principessa del deserto Autore:Kristel Ralston Editore:Amazon Media Genere:Romance Data di pubblicazione: il 19 Marzo 2020 La principessa Aisha Al-Sabagh era stata data per morta durante una ribellione nel suo paese, il Bhareib. Tutta la sua famiglia era stata assassinata, ma lei era riuscita a restare in vita nel corso di una sanguinaria rivolta. Quando era stata sul punto di crollare tra le dune, una tribù nomade l’aveva adottata e aveva curato le sue ferite. Lei è una sopravvissuta e, adesso che sono passati anni, Aisha vuole recuperare quello che le è stato crudelmente usurpato. Non importa dover affrontare…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Come non innamorarsi del capo (The Coffee Series Vol. 2)” di Whitney G.

      TITOLO: Come non innamorarsi del capo ...