Home / Recensione libri / Recensione: L’ora della verità – KGI # 1 – di Maya Banks

Recensione: L’ora della verità – KGI # 1 – di Maya Banks

Da quando l’ex marine Ethan Kelly ha appreso la notizia della morte di sua moglie Rachel in un incidente aereo, la sua vita è precipitata nella disperazione. Sopraffatto dal senso di colpa per non averle dimostrato quanto l’amava, Ethan si è chiuso in sé stesso. Ma un giorno riceve un pacchetto con una mappa e delle foto che gli dimostrano che Rachel è viva; è in ostaggio in uno sperduto villaggio al confine tra la Colombia e il Venezuela. Rabbia e speranza insieme lo travolgono e gli unici a cui può chiedere aiuto per un’operazione militare così temeraria sono i suoi fratelli. Né i proiettili, né la giungla, né le minacce di morte di uno dei più potenti cartelli della droga potranno fermarli. Dopo la liberazione rimarrà la parte più dolorosa della missione: convincere Rachel a ritrovare i suoi ricordi, quelli dell’ora più buia della sua cattura, che dovrà avere il coraggio di rivivere se vuole salvare le loro vite e il loro amore.

Serie KGI

1. L’ora della verità – The darkest hour
2. No place to run
3. Hidden away
4. Whispers in the dark
5. Echoes at dawn
5.5 Softly at sunrise
6. Shades of gray
7. Forged in steel
8. After the storm
9. When day breaks

Grande esordio della fortunata serie di Maya Banks, si tratta del primo capitolo military suspense del KGI Group, pubblicato da Leggereditore nel 2014.
In America questa serie vanta già circa una dozzina di volumi pubblicati. Ci catapulta nelle vicende avventurose del Kelly Group International, un’agenzia privata paramilitare, con agganci praticamente ovunque, soprattutto tra le più alte cariche della politica americana ed è fondata e guidata dalla famiglia Kelly.
Imparerete a conoscere i fantastici fratelli Kelly, uomini intelligenti, determinati e protettivi che, di missione in missione, accompagnerete a liberare ostaggi, sedare rivolte, o piegare regimi dittatoriali e che vedrete nel frattempo soccombere inevitabilmente al potere dirompente dell’amore.
Al di là di questi meravigliosi fratelli Kelly, ognuno di loro militare e provenienti da settori diversi dell’esercito americano, facciamo la conoscenza ti tutti i personaggi, uomini e donne che costituiscono le squadre di supporto. Insomma, abbiamo sì, i protagonisti assoluti, ma la storia lascia spazio anche ad altri personaggi creando un effetto di coralità che rende le scene di azione ben costruite e facili da amare.
Fatta questa premessa per presentarvi il filo conduttore dell’intera collana parliamo del primo volume che vede protagonisti Ethan Kelly e sua moglie Rachel.
I preamboli non sono dei migliori: il protagonista è in preda allo sconforto assoluto, a un anno dalla scomparsa della moglie, morta in un disastro aereo, Ethan è cosciente del fatto di aver trascurato quell’amore che ora gli manca come l’aria, per questo si crogiola nel dolore e nei sensi di colpa negandosi una vita dignitosa. Proprio quando crede di aver toccato il fondo… accade qualcosa di sconcertante: riceve la prova che la moglie è ancora viva e tenuta prigioniera nella giungla sudamericana. Così, preparato un piano più basato sulle emozioni che su altro, la missione di salvataggio del KGI ha inizio.
La liberazione di Rachel conclude la prima parte del romanzo fatta di azione per passare alla seconda molto più ricca di pathos, fatta di dolore e riflessione, dove proprio la donna sarà la protagonista. Durante la sua prigionia le sono state somministrate tante di quelle droghe che la sua testa è letteralmente piena di buchi, non ricorda molto della sua vita, né di quell’uomo che cerca in ogni modo di dimostrarle il suo amore.
Insomma, alla fine quello che era iniziato come romanzo d’azione si trasforma in qualcosa di totalmente diverso, un viaggio di coppia che cerca in ogni modo di restare a galla, due persone ferite in modi diversi che tentano disperatamente di salvare il loro matrimonio.
Certo le domande su chi e perché sia stata rapita sono ancora lì, lo scopriremo?

Un libro che regala molto, soprattutto ci dà una bella lezione di vita: l’Amore è qualcosa che non va dato per scontato né sottovalutato, perché come ci è stato dimostrato proprio in queste pagine, non sempre le cose vanno come si vorrebbe, cercare quindi di comprendere e accettare l’importanza di questo sentimento è fondamentale.

Per chi ama questo genere, è il libro che fa per voi, lo amerete dalla prima all’ultima pagina!

Enjoy

 

ladykira

ladykira
Admin founder RFS
x

Check Also

Recensione: “La Ragazza di Cracovia” di Pam Jenoff

In una Cracovia sconvolta dall’occupazione nazista, Emma e ...