Home / Recensione libri / Recensione: “L’enigma dell’ultimo templare” di Daniele Salerno

Recensione: “L’enigma dell’ultimo templare” di Daniele Salerno

TITOLO: L’enigma dell’ultimo templare
AUTORE: Daniele Salerno
GENERE: Thriller storici
EDITORE: Newton Compton Editori
COLLANA: Nuova narrativa Newton
DATA DI PUBBLICAZIONE: 12 Marzo 2020

L’ultimo mistero dell’ordine sta per essere svelato
1127. Nove cavalieri raggiungono l’abbazia di Clairvaux. Papa Onorio II ha appena riconosciuto l’Ordine dei Templari, nato in Terrasanta a protezione dei pellegrini. I cavalieri che lo hanno fondato vogliono capire se si possa uccidere in nome di Cristo. Il frate Bernardo di Chiaravalle, raffinato teologo, li rassicura: non si tratta di omicidio, ma di malicidio.
1314. A Parigi due templari vengono arsi vivi alla presenza di re Filippo IV il Bello e di papa Clemente V. Sono Jacques de Molay, gran maestro dell’Ordine, e Goeffrey de Charney, accusati di eresia, idolatria e sodomia. Prima di morire Jacques de Molay lancia il suo anatema.
Giorni nostri. Il maresciallo dei carabinieri Giacomo Mola e il suo aiutante, l’appuntato Goffredo Chiarni, entrano in contatto con tre nobiluomini che vogliono affidare loro un compito della massima importanza: impedire a ogni costo che si compia la profezia di Jacques de Molay.
Tra Dan Brown e i sotterranei di Notre-Dame
La profezia del Gran Maestro dei Templari sta per avverarsi

«Un romanzo storico dal quale si riemerge solo dopo aver girato l’ultima pagina. FAVOLOSO!»
«Una maledizione secolare. Intrighi e misteri in un romanzo dal ritmo serratissimo.»

Con la scelta di questo libro ho voluto riscoprire il piacere di immergermi in un romanzo classico, un bel poliziesco ricco di mistero. Se in passato vi ha appassionato “Il Codice Da Vinci” di Dan Brown, non potete assolutamente farvi scappare questo libro sui segreti dei templari.

I primi capitoli del romanzo fanno fare al lettore un salto nel passato nel lontano 1100 d.C. La descrizione dell’ambientazione storica è talmente accurata da risultare a tratti un po’ pesante agli occhi di un lettore inesperto, che potrebbe pensare di avere a che fare con un libro storico più che con un romanzo; nulla di più sbagliato cari amici, abbiate pazienza e confidate in questo talentuoso scrittore italiano.

Il concentrato di informazioni iniziali serve, infatti, a introdurre e comprendere la complessità del mistero su cui si fonda poi l’intero romanzo.

La storia si sviluppa su tre diverse epoche storiche: una prima ambientazione nell’ XI secolo in Terra Santa durante la nascita dell’ordine, una seconda nel XIII secolo a Parigi con l’uccisione dell’ultimo capo templare e una terza nel XXI secolo in una Roma teatro di una serie di misteriosi omicidi. Il protagonista principale è il maresciallo dei carabinieri Giacomo Mola, aiutato da Goffredo Chiarni, un collega appuntato piuttosto pittoresco. I due uomini vengono chiamati a investigare su una serie di omicidi riconducibili all’antico ordine dei monaci guerrieri e verrà affidato loro un compito della massima importanza: impedire a ogni costo che si compia un’antica profezia, lanciata proprio dal capo dei templari contro Papa Clemente V ed il re di Francia, Filippo IV detto il Bello, il giorno in cui lo condannarono al rogo per distruggere l’ordine templare.

Dalla sinossi non potete neppure lontanamente immaginare l’evolversi della storia. Ci saranno omicidi, tradimenti, colpi di scena continui e non mancheranno nemmeno le lotte di potere e i segreti vaticani a tenervi incollati al libro fino alla fine.

L’autore è riuscito a interpretare e attualizzare il genere mescolando la fantasia con alcuni argomenti di grande realtà contemporanea, narrando in questo modo una vicenda talmente credibile da farvi riflettere anche dopo aver terminato la lettura.

L’ideatore di questo romanzo ha saputo trasmettere la sua grande conoscenza con una scrittura scorrevole e accattivante; personalmente ho apprezzato il ripasso di storia in chiave moderna che offre la lettura di quest’opera, ma avrei preferito non ci fossero continue interruzioni per la ripetizione degli stessi argomenti in più parti del romanzo.

È un libro che, nel complesso, mi è piaciuto e lo consiglierò sicuramente.

TITOLO: L’enigma dell’ultimo templare AUTORE: Daniele Salerno GENERE: Thriller storici EDITORE: Newton Compton Editori COLLANA: Nuova narrativa Newton DATA DI PUBBLICAZIONE: 12 Marzo 2020 L’ultimo mistero dell’ordine sta per essere svelato 1127. Nove cavalieri raggiungono l’abbazia di Clairvaux. Papa Onorio II ha appena riconosciuto l’Ordine dei Templari, nato in Terrasanta a protezione dei pellegrini. I cavalieri che lo hanno fondato vogliono capire se si possa uccidere in nome di Cristo. Il frate Bernardo di Chiaravalle, raffinato teologo, li rassicura: non si tratta di omicidio, ma di malicidio. 1314. A Parigi due templari vengono arsi vivi alla presenza di re Filippo IV il…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Come non innamorarsi del capo (The Coffee Series Vol. 2)” di Whitney G.

      TITOLO: Come non innamorarsi del capo ...