Da non perdere
Home / Spazio bimbi. Crescendo con i libri, i cartoni e il film e telefilm / Recensione: “Il ladro di fulmini Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo” #1 di Rick Riordan

Recensione: “Il ladro di fulmini Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo” #1 di Rick Riordan

 

Autore: Rick Riordan

Editore: Mondadori

Genere: Fantasy, dai 12 anni

Formato: e-book, copertina rigida, copertina flessibile

Pagine: 361

Percy Jackson non sapeva di essere destinato a grandi imprese prima di vedere la professoressa di matematica trasformarsi in una Furia per tentare di ucciderlo. Le creature della mitologia e gli dei dell’Olimpo, in realtà, non sono scomparsi ma si sono semplicemente trasferiti a New York. L’ultimo dei loro bisticci rischia di trascinare il mondo nel caos: qualcuno ha rubato la Folgore di Zeus e qualcuno dovrà ritrovarla entro dieci giorni. Sarà proprio Percy a dover indagare sull’innocenza di Poseidone, dio del mare e padre perduto, che l’ha generato con una donna mortale facendo di lui un semidio. Nuove gesta e antichi nemici lo aspettano, e non saranno solo lo sguardo di Medusa e i capricci degli dei a ostacolare la ricerca della preziosa refurtiva, ma le parole dell’Oracolo e il suo oscuro verdetto: un amico tradirà, e il suo gesto potrebbe essere fatale… Gli dei dell’Olimpo sono ancora vivi.

Il ladro di fulmini” è il primo volume della saga per ragazzi Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo di Rick Riordan, un’avventura che trasporterà il giovane Percy nel cuore della mitologia greca. Gli Dei ed i Semidei esistono eccome!

Perseus Jackson ha dodici anni e vive a New York, anche se la sua vita l’ha passata rimbalzando da una scuola ad un’altra, sempre cacciato per comportamenti inadatti, o strane manifestazioni. Certo la sua dislessia non lo ha mai aiutato a prendere bei voti.

In ogni singola scuola, era successo qualcosa di pauroso o di pericoloso, ed ero stato costretto a trasferirmi.”

Una vita difficile, senza un padre al suo fianco, ma con una madre che gli vuole davvero bene. Insomma, se non fosse per un patrigno ai limiti della realtà che puzza e pensa solo al poker, andrebbe anche meglio. Eppure molte cose iniziano a prendere una piega ai confini della realtà quando una Furia tenta di ucciderlo ed una penna si trasforma in una spada. È successo realmente? Oppure è stata solo la sua immaginazione? Perché nessun altro sembra essersene accorto?

Poi successe una cosa pazzesca. I suoi occhi si incendiarono come due tizzoni del barbecue. Le sue dita si allungarono in artigli. Il giubbotto si fuse in grandi e ruvide ali di pelle. Non era più umana. Era una megera avvizzita con le ali da pipistrello, gli unghioni e la bocca piena di zanne ingiallite, e stava per ridurmi in pezzettini!

Percy si ritroverà così catapultato in un’avventura che non ha scelto lui. Un combattimento dietro l’altro, fra le Benevole, le Parche, gli Dei e le loro controversie, miti perduti e Semidei. La folgore di Zeus è stata trafugata ed ha soltanto dieci giorni per respingere le accuse a suo carico. Chi è realmente a muovere i fili nei recessi dell’oscurità? Chi lo tradirà?

Un padre, che non ha mai neppure immaginato e che sembra non curarsi di lui, salirà dagli abissi. Fortunatamente ci sarà chi gli sarà accanto, amici che prenderanno nuove sembianze dinanzi a lui. Grover: un amico, ma anche un sorvegliante. Chirone: un professore dalle indubbie capacità. Dioniso (uno dei miei personaggi preferiti in assoluto). E molti, moltissimi Semidei!

Quando chiusi di nuovo gli occhi, l’ascensore non era più un ascensore. Eravamo su una chiatta di legno. Caronte ci stava traghettando attraverso un nero fiume oleoso in cui turbinavano ossa, pesci morti e altri oggetti inquietanti: bambole di plastica, garofani schiacciati, fradici diplomi dai bordi dorati.

Lo Stige — mormorò Annabeth. — È così…

Inquinato — finì Caronte. — Da migliaia di anni, voi umani ci gettate dentro di tutto, durante la traversata: speranze, sogni, desideri che non si sono mai realizzati. Una gestione dei rifiuti irresponsabile, se volete la mia opinione.”

Percy ed i suoi amici riusciranno nella loro Impresa? Le accuse a suo carico cadranno? E chi è davvero il ladro? Risposte che avrete soltanto seguendo i ragazzi in questa avventura.

Personalmente mi sono divertita tantissimo leggendo questo libro per ragazzi, che ho trovato piacevole ed interessante. Alcune battute sono spassosissime! Ad essere sincera erano anni che non rispolveravo la mitologia greca e questo libro permette sicuramente ai ragazzi di farlo svagandosi, senza il peso di pagine e nomi da imparare a memoria.

Promosso sicuramente! Non vedo l’ora di leggere il secondo!

Della stessa serie:

  • Il mare di mostri (# 2),
  • La maledizione del Titano (#3),
  • La battaglia del labirinto (# 4),
  • Lo scontro finale (# 5)

 

  Autore: Rick Riordan Editore: Mondadori Genere: Fantasy, dai 12 anni Formato: e-book, copertina rigida, copertina flessibile Pagine: 361 Percy Jackson non sapeva di essere destinato a grandi imprese prima di vedere la professoressa di matematica trasformarsi in una Furia per tentare di ucciderlo. Le creature della mitologia e gli dei dell'Olimpo, in realtà, non sono scomparsi ma si sono semplicemente trasferiti a New York. L'ultimo dei loro bisticci rischia di trascinare il mondo nel caos: qualcuno ha rubato la Folgore di Zeus e qualcuno dovrà ritrovarla entro dieci giorni. Sarà proprio Percy a dover indagare sull'innocenza di Poseidone, dio…

Score

4

Voto Utenti : 1 ( 1 voti)

baby.ladykira

Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Recensione: “Witch” di Elisabetta Gnone

Lingua originale: italiano Paese: Italia Autore: Elisabetta Gnone Char. Design: Alessandro Barbucci, Barbara ...

error: Contenuti di proprietà di RFS