Home / Recensione libri / Recensione: “La vendetta di Mick Trewlove” di Lorraine Heath (serie Gli Illegittimi Trewlove #1)

Recensione: “La vendetta di Mick Trewlove” di Lorraine Heath (serie Gli Illegittimi Trewlove #1)

Buongiorno Fenici! Ecco Lucia con uno dei suoi amati romanzi storici, “La vendetta di Mick Trewlove” di Lorraine Heath (serie Gli Illegittimi Trewlove #1)

Londra, 1871.

Figlio illegittimo di un duca, Mick Trewlove è stato affidato appena nato alle cure di una comune cittadina. Nonostante le modeste possibilità economiche, è diventato un uomo d’affari di successo, ma la ricchezza e la posizione ottenute non hanno soddisfatto il suo desiderio di rivalsa contro l’uomo che lo ha abbandonato e che ancora si ostina a non riconoscerlo. Per ottenere vendetta, decide allora di distruggere la vita dell’erede legittimo del duca, sfruttando la debolezza che questi mostra per il gioco d’azzardo e corteggiandone la promessa sposa, la dolce e proba Lady Aslyn Hastings. Troppo tardi, però, proprio quando il piano sta per avere successo, Mick si accorge di essere caduto nella sua stessa trappola.

Se i Duchi avessero avuto una mentalità più aperta e non fossero stati pronti a vietarle di uscire insieme a Mick Trewlove a causa delle umili origini, lei avrebbe detto la verità. L’unica cosa su cui non aveva avuto bisogno di mentire era l’entusiasmo per la piccola avventura. Non per il viaggio in treno, che la terrorizzava ancora, ma per la possibilità di godere della compagnia di un uomo che dialogava davvero con lei, che le poneva domande e ascoltava le risposte. Aslyn dubitava persino che Kip fosse al corrente della sua paura delle ferrovie. Di sicuro non conosceva i sui gemiti quando veniva baciata con passione.

Adoro Lorraine Heath, in qualche modo riesce sempre a sorprendermi. In questa nuova serie, assistiamo alle vicende dei figli della vedova Trewlove, una di quelle donne che si occupavano, per denaro, di far sparire i bambini colpevoli di essere nati fuori dal matrimonio. Una prassi comune per i nobili del tempo, che di solito si concludeva con la morte prematura dell’infante, ma i bambini di Ettie hanno avuto una sorte diversa. Dopo aver perso due dei suoi figli naturali, la donna ha temuto che questa fosse la punizione di Dio per i suoi crimini e, da quel momento, si è impegnata per essere una madre modello per i bambini che le sono stati affidati.

Mick è diventato molto ricco e stimato, ma è tormentato dal desiderio di essere riconosciuto dal padre, il Duca di Hedley, di cui ha conosciuto l’identità a 15 anni, e, dato che ogni sua richiesta di incontro è stata negata, ha deciso di vendicarsi e fare in modo che il nobile sia costretto a incontrarlo. Per questo sta tenendo d’occhio il figlio legittimo del Duca, Kip, un giovane troppo temerario e amante delle carte; intende rovinarlo e portargli via ogni proprietà, per poter ricattare il padre, e vuole anche togliergli la donna che intende sposare: Lady Aslyn Hastings, la pupilla dei Duchi sin dalla morte dei suoi genitori. Trovare un modo per incontrare il fratello non è difficile, così come insinuarsi nelle loro vite, ma più conosce Aslyn, meno desidera la sua rovina come aveva progettato. Lei è diversa, non lo guarda mai dall’alto in basso, ma nonostante i sentimenti che comincia a provare per lei, non intende fermarsi. Ma questo, a lungo andare, gli si ritorcerà contro e ciò che scoprirà poi sulla sua identità rivolterà la sua intera vita.

Se la trama dovesse sembrarvi simile a molte altre, leggere le prime pagine, e il momento della sua nascita, vi farà cambiare idea. Non vi è un nobile che si vuole liberare di un bambino indesiderato, ma un uomo che sta soffrendo per la donna che lo sta mettendo al mondo, una donna che non riesce nemmeno a guardare suo figlio e che grida di portarlo via. Scoperta l’identità della donna, si intuisce che qualcosa è terribilmente stonato, ma per scoprire la verità dovremo attendere a lungo.

Nonostante la sua determinazione e i modi subdoli con cui tenta di portare il fratello alla rovina, il personaggio di Mick à fantastico. Ha creato un impero grazie alla sua determinazione e al suo acume per gli affari. Ama la madre adottiva e la sorella Fancy, unica fra di loro a essere figlia naturale di Ettie. L’ha mandata in un costoso collegio per poterle regalare, grazie al suo denaro, un futuro luminoso e un marito rispettabile, ed è convinto che con l’appoggio del Duca questo sia possibile. Ma ama nello stesso modo anche Aiden, un altro dei bambini affidati a Ettie, ora proprietario di un club in cui i nobili perdono i loro patrimoni, ed è con il suo aiuto che intende rovinare Kip. Alla sorella più grande, invece, ha comprato una taverna; Gillie è una ragazza molto particolare: veste sempre come un uomo, impreca come uno scaricatore di porto e non intende sottostare a nessuno, ma la conosceremo meglio nel prossimo capitolo, dove la vedremo alle prese niente meno che con un Duca. Con il suo denaro, inoltre, Mick sta costruendo quartieri e negozi migliori per la gente meno abbiente e ha allestito una casa in cui i bambini indesiderati vengono cresciuti con grande cura dalle persone che lui paga.

Insomma, se non fosse eroso dalla vendetta, sarebbe praticamente perfetto. Aslyn, quando lo incontra, rimane affascinata dalla sicurezza dei suoi modi. Abituata a uomini sempre controllati e senza passione, ha sempre desiderato poter andare in luoghi che le sono proibiti e, nonostante il fidanzamento con Kip, non può evitare di fare paragoni fra di loro, specie dopo aver scoperto, a sue spese, l’insana passione del ragazzo per il gioco d’azzardo.

È un libro che mi è piaciuto molto e ne ho apprezzato sia la storia d’amore che i protagonisti, ma non è privo di piccole pecche, come la tranquillità con cui Aslyn riesce a incontrarsi ripetutamente con Mick, nonostante i suoi tutori non lo possano neppure sentire nominare, e, anche se l’autrice si è basata su un fatto accaduto realmente, non sono in grado di dirvi se vi fosse davvero un Duca coinvolto, ma la cosa mi sembra molto improbabile. Questo, però, non toglie nulla alla scorrevolezza della storia che si legge con grande piacere. La scrittura dell’autrice è molto bella e riesce a essere originale anche su una trama molto sfruttata come quella del “figlio della colpa in cerca di vendetta”. I personaggi che ha creato sono molto intriganti sia come carattere che per la loro personalità e sono convinta che le loro storie mi terranno buona compagnia anche nei prossimi capitoli di questa serie che è cominciata davvero bene.

#1  La vendetta di Mick Trewlove

#2  When a Duke Loves a Woman (inedito)

#3  The scoundrel in Her Bed (inedito)

 

 

 

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Recensione: Merry Kiss Christmas di Francesca Palamara

TITOLO: Merry Kiss Christmas AUTRICE: Francesca Palamara EDITORE: ...