Da non perdere
Home / Historical Romance / Recensione “La Signora della tentazione” di Lara Adrian (serie Warrior #1)

Recensione “La Signora della tentazione” di Lara Adrian (serie Warrior #1)

Care Fenici, oggi Emanuela ci parla di La Signora della tentazione di Lara Adrian

Recensione "La Signora della tentazione" di Lara Adrian (serie Warrior #1)

Progetto grafico a cura di MariHel

Lei è stata promessa a un altro… A un passo dall’altare, l’ereditiera Isabel de Lamere viene portata via senza sapere che l’artefice del rapimento altri non è che il mitico eroe della sua infanzia: Griffin, il Leone Bianco. Isabel si sente perduta ma al tempo stesso non può negare che Griffin popoli ancora i suoi sogni, risvegliando la passione nel suo cuore indifferente. Lui non è mai stato un eroe per nessuno. È un uomo solitario, dal carattere forte e determinato. Poi, per uno scherzo del destino, viene messa una taglia sulle loro teste, ed entrambi vengono coinvolti in un inseguimento e in una fuga imprevedibili, che costringeranno Griffin a scegliere tra la propria libertà e il feroce desiderio per la donna che potrebbe redimerlo. E per recuperare il suo onore perduto, il Leone Bianco dovrà correre il rischio di perdere per sempre Isabel…

Sinossi un pochino scontata per questo primo romanzo della trilogia” Warrior” della Adrian, composta da tre romanzi autoconclusivi con piccoli legami creati dai personaggi  che li collegano uno con l’altro.

Molto belli gli attori di questa storia creati dalla scrittrice, che ci ha abituato a vampiri spietati e impavidi e che porta in una lontana epoca medievale uomini coraggiosi, feroci, violenti e spesso senza scrupoli e donne forti che non si piegano di fronte agli affronti della vita e combattono per i loro ideali.

Proprio una donna impavida e bellissima è Isabel che, nonostante la vita non le abbia regalato molte gioie, non ha perso il dono di amare e provare sentimenti di pietà e comprensione; il suo rincontro con Griffin, biondo angelo eroe della sua infanzia, metterà a dura prova questa sua qualità. Griffin è certamente un personaggio poco raccomandabile che ha conservato ben poco di angelico: è un assassino, un rapinatore, un oppressore dei poveri, il tirapiedi di un uomo vigliacco e gradasso, eppure Isabel riuscirà a guardare oltre questa patina lorda di sangue e con il suo amore tirerà fuori quello che di buono c’è ancora nel giovane.

Numerose saranno le loro avventure durante una fuga rocambolesca e da questa forzata convivenza scoppierà la grande passione che la Adrian è così brava a descrivere. Le sue scene di sesso sono sempre molto hot senza essere volgari e lasciano poco all’immaginazione del lettore,tenendolo incollato alla storia.

Il ritmo è crescente e scivola verso un finale di alta tensione dove verranno sciolti molti dubbi arrivando al sospirato happy ending d’obbligo.

Un bel romanzo scorrevole e appuntamento imperdibile per gli amanti del gothic romance con una strizzatina d’occhio a uomini e donne con caratteristiche “modernissime”.

 

Kiki

x

Check Also

Recensione: “The Selection Saga: The Prince, The Guard, Il mondo di The Selection” di Kiera Cass

Care Fenici, oggi Danny ci parla di “The Selection Saga: The Prince, The ...

error: Contenuti di proprietà di RFS