Home / Fantasy / Recensione: “La scala urlante” di Jonathan Stroud (serie Lockwood & Co #1)

Recensione: “La scala urlante” di Jonathan Stroud (serie Lockwood & Co #1)

Care Fenici, un libro per un pubblico più giovane ha appassionato la nostra Maljka: “La scala urlante” di Jonathan Stroud (serie Lockwood & Co #1)

Da più di cinquant’anni, Londra è scossa da quello che i suoi abitanti chiamano genericamente ‘Il Problema’, ovvero un’epidemia di fantasmi che ha infestato tutta l’Inghilterra. Gli unici a poter vedere, sentire e combattere gli spiriti maligni sono i ragazzini, arruolati nelle numerose agenzie di acchiappafantasmi. Armati di spade d’argento, bombe di sale, limatura di ferro e Fuoco Greco, questi ghostbuster bambini devono affrontare le più terribili infestazioni. Ed è proprio alla ricerca di un lavoro che Lucy Carlyle, una giovane e talentuosa agente, si reca nella capitale, ma finisce per essere assunta dall’agenzia più piccola e sgangherata di tutte. Nonostante la guida dell’affascinante e carismatico Anthony, la Lockwood & Co. è sull’orlo del fallimento. Per salvarla c’è solo una possibilità, accettare un incarico molto speciale. Peccato che preveda di trascorrere la notte nella casa più infestata d’Inghilterra e nessuna garanzia di uscirne vivi…

“Mai stato al maniero?” Chiese Lockwood.

“Che cosa? Mi prende per matto?”

“Ne saprà qualcosa però, delle sue infestazioni.”

“Assassinati, nascosti e mai trovati. È così che è iniziata direi. Qui intorno lo sanno tutti. Una morte tira l’altra, e il risultato è una catena che continuerà a crescere finché resterà in piedi quella casa.”

Dal finestrino vedevo la distesa di un parco punteggiato di querce e faggi. Tutto aveva un aspetto selvaggio a trascurato. L’erba era alta e la riva del lago fitta di larici. Il Maniero di Combe Carey si ergeva vasto e alto sopra di me.

Partiamo dal presupposto che difficilmente leggo YA, a meno che non conosca molto bene l’autore e di conseguenza so già cosa potrò trovare, diciamo inoltre che i ragazzini dodicenni “di oggi” è già tanto se al mattino trovano i calzini, figuriamoci se hanno un lavoro! E partiamo anche dal presupposto che ho sentito moltissimo parlare di questo scrittore, grazie alla nota serie Bartimeus, che ovviamente ho in lista, e quindi…dico che… Jonathan Stroud scrive davvero bene!!

E’ una serie che ti mette i brividi, ricca di suspense, ironia e fantasmi a non finire! Il libro è ambientato in Inghilterra dove il Problema è un bel problema!! La Scala Urlante vi catturerà, vi divertirà e vi farà tremare. Le vostre notti non saranno più le stesse! Alcuni giornali inglesi dicono che: Rimarrete a leggere fino a notte fonda, poi però dovrete dormire con la luce accesa. Ve lo confermo, è la verità.

Questo libro mi ha davvero imprigionata tra le sue pagine!

L’Inghilterra è infestata dai fantasmi, che i cittadini chiamano “Il Problema”, e le agenzie di Investigazione Metapsichica, ovvero agenzie specializzate nel contenimento e nella distruzione dei fantasmi gestite da supervisori adulti, fanno affidamento sulla sensibilità dei bambini dotati di un forte talento metapsichico collegato alla vista, all’udito o al tatto, abilità che però tendono a sparire con la crescita, per annientare i fantasmi o le sorgenti da cui si originano.

Le tre difese principali utilizzate sono argento, ferro e sale, ma anche la lavanda dà una lieve protezione, così come l’acqua corrente o un fascio di luce molto forte. Queste sono le armi a disposizione. Nulla più e nulla di meno.

In questo primo romanzo della serie vediamo la Lockwood&co, una delle più piccole agenzie metapsichiche londinesi, composta da tre ragazzini Lucy dotata del tatto, Antony il capo dell’agenzia stessa, e George, colui che tutto cerca e tutto trova, qualunque caso debbano affrontare, che li vede combattere contro una delle più temute case di Londra: il Maniero di Combe Carey. Una di quelle case ricche di uccisioni, suicidi e omicidi, dove ogni stanza è un richiamo di morte e dove ogni luogo pullula di freddo ed orrore.

Dovranno trovare la sorgente delle infestazioni e, cosa più importate, riuscire nell’impresa dove le più grandi agenzie metapsichiche del paese non sono riuscite: restare vivi fino all’alba. Solo così potranno riscuotere la loro paga e saldare i debiti dovuti ad un grosso incendio causato durante un loro ingaggio.

#1  La scala urlante

#2  Il teschio parlante

 

 

 

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Recensione: “Gli architetti di Auschwitz” di Karen Bartlett

Care Fenici, oggi Mumù ci parla di un ...