Home / Recensione libri / Recensione: “La ragazza nel giardino del tè” di Janet MacLeod Trotter (India Tea #3)

Recensione: “La ragazza nel giardino del tè” di Janet MacLeod Trotter (India Tea #3)

Adela Robson è una studentessa che sogna di calcare il palcoscenico, in un’India in cui l’impero è prossimo alla morte. Quando scappa dalla scuola con Sam Jackman, sa che sta andando incontro a una nuova vita. Ma quello che il futuro ha in serbo per lei non è ciò che Adela immaginava. Anni dopo, a Simla, la sede estiva del governo del Raj, Adela può abbandonarsi a ogni tipo di divertimento che la società degli anni Trenta è in grado di offrirle. Ma proprio quando le sue ambizioni sembrano sul punto di diventare realtà, conosce un principe, affascinante ma viziato, e quell’incontro scatena una serie di eventi dalle conseguenze devastanti. Allo scoppio della seconda guerra mondiale, Adela è in Inghilterra, in un Paese in cui ha vissuto da bambina, ma di cui non ha ricordi. La sua vita ormai sembra senza speranza, non ha nemmeno un amore a cui aggrapparsi. E ha un terribile segreto da nascondere. Solo il coraggio e la volontà di resistere la terranno a galla in tempi tanto bui, fino a quando potrà tornare a quella che, almeno nel suo cuore, è la sua vera patria.

“La ragazza nel giardino del tè” è il terzo volume della serie India Tea, libro indipendente che quindi può esser letto senza aver sfogliato i precedenti, dell’autrice best-seller Janet MacLeod Trotter. Un romanzo che mi ha catturata con la magia dell’India e la capacità di rialzarsi della giovane Adela Robson.

L’opera racconta il viaggio di Adela, tredicenne all’inizio del libro, nell’India delle colonie sotto l’impero britannico, un impero che sta per cadere. Adela crescerà affrontando ostacoli fra le due nazioni: la convivenza e la diversità fra i popoli, l’amore, la campagna di disobbedienza di Gandhi, la seconda guerra mondiale e le sue conseguenze.

Adela è la figlia di un coltivatore di tè, nata in Inghilterra, ma vissuta sempre in India, che reputa ormai la sua patria. Vedremo l’India dal suo punto di vista e da quello della sua famiglia, quindi da quello delle colonie britanniche, una popolazione che ha messo radici e si è integrata con quella del luogo. Durante la narrazione, l’autrice ha usato una serie di termini indiani, che possono essere facilmente compresi grazie al mini-dizionario in fondo al libro e che aiutano a intrecciarsi alla realtà dell’epoca e alla cultura indiana.

È una ragazzina solare, affascinante, sognatrice, di etnia-mista (all’inizio a sua insaputa) e per questo dovrà combattere ogni giorno con le sue compagne di scuola alla Saint Ninian. I pregiudizi sono difficili da eliminare e questo la porterà a scappare da scuola, insieme a Sam Jackman, verso la sua adorata Belgoree.

Adela ha un sogno: calcare il palcoscenico e diventare una grande attrice. Nuove amiche e una nuova scuola le apriranno le porte del teatro. La vedremo crescere durante gli anni trenta, la seguiremo nei divertimenti e gli amori, per poi vederla partire per l’Inghilterra, alla fine di una serie di sfortunati eventi. Un’Inghilterra che non sente sua, ma che la accoglierà e dove tenterà di rialzarsi, di ricucire i pezzi. Un Paese che però non vuole lasciare, all’inizio della seconda guerra mondiale, perché non vuole separarsi da qualcosa che la trattiene ancora lì.

Cosa succederà durante la guerra? Tornerà in India? Riabbraccerà i propri cari e il suo amore di una vita? Riuscirà a ricongiungersi a un amore che è nato quando era adolescente, oppure la vita le donerà altro?

Capitolo dopo capitolo, la vita di Adela vi sorprenderà. Una ragazza decisa, che si rialza, che si tira su le maniche per superare le difficoltà della vita, che sa nascondere e superare le sue fragilità per non soccombere alla disperazione della chiusura mentale del periodo storico in cui il libro è ambientato.

Purtroppo ho trovato l’inizio del libro lento, faticando a leggerlo, per questo motivo non ho dato un punteggio pieno, ma, appena la piccola Adela ha iniziato a crescere, le sue avventure mi hanno affascinata. Ho riso e pianto con lei, mi sono emozionata. Sono stata trasportata nell’India e nell’Inghilterra di quegli anni.

Cosa aspettate a viaggiare con lei?

Della stessa serie: La figlia del mercante di tè (India Tea vol. 1), La promessa sposa del mercante (India Tea vol. 2)

A cura di:

Adela Robson è una studentessa che sogna di calcare il palcoscenico, in un'India in cui l'impero è prossimo alla morte. Quando scappa dalla scuola con Sam Jackman, sa che sta andando incontro a una nuova vita. Ma quello che il futuro ha in serbo per lei non è ciò che Adela immaginava. Anni dopo, a Simla, la sede estiva del governo del Raj, Adela può abbandonarsi a ogni tipo di divertimento che la società degli anni Trenta è in grado di offrirle. Ma proprio quando le sue ambizioni sembrano sul punto di diventare realtà, conosce un principe, affascinante ma viziato,…

Score

Voto Nivienne 4 e mezzo

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Recensione: “Andare oltre – Serie: All cocks #3” di TM Smith

Jon Brennan viene da una lunga stirpe di ...