Home / Recensione libri / Recensione: “La ragazza del sole” di Lucinda Riley

Recensione: “La ragazza del sole” di Lucinda Riley

Electra d’Aplièse è una delle modelle più famose: bellissima, ricca e desiderata. Ma dietro l’immagine glamour e la fastidiosa attenzione dei paparazzi si cela una donna fragile, che fatica a reggere lo stress e le pressioni di un mondo in cui contano solo le apparenze. Electra è la più giovane delle sorelle e mentre tutte le altre sembrano aver superato la morte del padre e aver trovato la felicità, lei si sente sempre più persa e sola. L’unico modo per andare avanti è anestetizzare il dolore, rifugiandosi in alcol e droghe, specialmente da quando è stata mollata dal suo fidanzato. Ma c’è qualcuno che sta cercando di entrare a far parte della sua vita e tenta di contattarla in tutti i modi; si tratta di Stella Jackson, noto avvocato impegnato nella difesa dei diritti umani, che dice di essere sua nonna… Grazie ai suoi racconti, Electra scoprirà la storia travagliata della sua famiglia e l’importanza di lottare per coloro che ami. Il sesto capitolo della saga delle Sette Sorelle vi porterà dai grattacieli di New York alle magnifiche pianure del Kenya degli anni ’40.

Sesto appuntamento con la saga delle sette sorelle D’Apliése con protagonista stavolta la sorella più scapestrata della famiglia, Electra; l’abbiamo già vista in fugaci incontri nei libri precedenti e devo dire che l’ho trovata subito odiosa.

Modella di successo e ricchissima, non ha completato i suoi studi perché a sedici anni viene notata in un bar di Parigi e sbattuta in copertina, con grande rammarico del padre adottivo, Pa’ Salt, misterioso padre adottivo di tutte le ragazze, ricchissimo e con una vita enigmatica alle spalle, della quale le sue figlie sanno poco o niente e neanche l’affezionato personale di servizio nella casa di famiglia in Svizzera sembra conoscere nulla.

Electra è il tipico prototipo della fotomodella: isterica, drogata e alcolizzata. Sin dall’inizio il suo consumo libero di Vodka e cocaina viene immediatamente rivelato al lettore, il suo modo di trattare collaboratori e familiari è duro e odioso. Insomma. da sbatterla al muro…

Il fidanzato l’ha lasciata e questo è la ciliegina sulla torta in una vita sregolata…

Le sue sorelle adottive hanno trovato ognuna un equilibrio e una realizzazione nella propria vita, e questo percorso è iniziato per ciascuna con una lettera che Pa’ Salt lascia a ciascuna di loro dopo la sua improvvisa e misteriosa morte, avvenuta mentre era da solo e con una frettolosa sepoltura in mare.

Anche Electra ha ricevuto la sua lettera, contenente un indizio sulle sue origini, ma sembra averla persa in uno dei suoi viaggi intorno al mondo.

Nel suo caso il passato busserà alla sua porta nella persona di una bellissima donna afroamericana che le comunicherà di essere sua nonna; sinceramente preoccupata dallo stato in cui Electra vive, arriva nella sua vita in modo opportuno e assisterà al cambiamento della ragazza che si renderà conto, dopo un’overdose di sonniferi e droghe, di aver bisogno di aiuto per disintossicarsi e accetterà di recarsi in un ranch-casa di cura per lottare contro le sue dipendenze e comprenderne le ragioni.

Nel frattempo, la nonna inizierà a raccontarle la storia di Cecily, una giovane donna americana che, alla vigilia della seconda guerra mondiale, si recherà in viaggio in Africa, nello stato del Kenia, lasciandoci intuire che le origini di Electra saranno proprio in quella terra di forti contraddizioni.

Romanzo complesso ed elaborato com’è nello stile della Riley, La ragazza del sole tratta numerosi temi e la scrittrice costruisce abilmente i labirinti psicologici nei quali sono prigionieri la mente e il cuore di Electra: il razzismo del quale è stata vittima al college, la paura di restare sola e l’incomprensione della quale si sente vittima sono le principali cause del disagio del personaggio.

Le dipendenze sono certamente al centro del romanzo poiché riemergono sia nel presente che nel passato di Electra e l’autrice fa compiere alla ragazza un percorso di riscatto e analisi non indifferente.

Non voglio rivelare altro per non guastare la sorpresa a tutte le fan di questa bella serie ma devo dire che senz’altro questo sesto libro della serie è il più complesso e il più maturo.

Aspettiamo impazienti il finale della saga sperando che tutti i segreti saranno svelati.

Visitate il sito dell’autrice ricco di spunti interessanti sulla serie, sulla sua ispirazione e sui contenuti:

http://it.lucindariley.co.uk/

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Il tatuatore di Auschwitz” di Heather Morris

Non esiste luogo in cui l’amore non possa ...