Home / Recensione libri / Recensione: La profezia del principe di Judith Sparkle

Recensione: La profezia del principe di Judith Sparkle

Titolo: La profezia del principe.

Autrice: Judith Sparkle.

Genere: Romanzo rosa contemporaneo.

Edito: Self Publishing, 4 gennaio 2020.

Formati:  digitale e cartaceo

Nel piccolo e moderno regno del Silberland, all’interno della regione dei Monti Metalliferi, esistono miniere d’argento e di pietre preziose famose in tutto il mondo.
Kaitlin vive nel castello della famiglia reale perché è la “cercatrice” ufficiale: colei che conosce l’uso e i benefici delle gemme preziose e dei cristalli che sono il simbolo dello stato.
Da sempre intima confidente del principe Caspar Winkler, l’erede al trono, ha un’infatuazione segreta per lui. E quando al castello, per Natale, giunge la sua promessa sposa da un regno vicino, Kaitlin teme di venire soppiantata nel cuore del giovane principe.
La principessa Ingrid ha tutte le carte in regola per diventare la futura regina e tuttavia, per un motivo sconosciuto, a un certo punto le trattative per l’accordo matrimoniale saltano.
Il paese piomba nel caos proprio nel momento più magico dell’anno, a Natale.
In più un’arcana profezia ritrovata, che si tramanda di cercatrice in cercatrice, avvisa Kaitlin di un serio pericolo che il regno corre.
Aiutata dal misterioso principe Aksel, un uomo affascinante quanto sfuggente, e dal diario di sua madre (la cercatrice prima di lei), Kaitlin dovrà sfidare prima di tutto se stessa e accettare il proprio destino. Un destino che s’intreccerà con le sorti del Silberland e con le vite dei due principi, entrambi attratti da lei.

“L’amore è l’unica forza che ti risveglia, figlia mia.
In questo diario ti parlo dei cristalli: l’eredità che ti lascio,
abbine cura.
Ma abbi ancora più cura di custodire
l’amore quando lo troverai.”

Bentrovate mie Fenici e benvenute nel regno di Silberland. Situato tra la Germania e la Repubblica Ceca, questo piccolo territorio a regime monarchico, vanta paesaggi meravigliosi e leggende uniche, come quella che regola la longevità del principe prescelto.
Kaitlin è una cercatrice, o per meglio dire, l’unica cercatrice del regno. Il suo compito è servire la famiglia reale, attraverso lo studio e l’uso delle pietre. Molti anni prima i suoi genitori rimasero uccisi in un brutto incendio, avvenuto nelle stanze del palazzo reale. Magda, la tata di Kaitlin, riuscì a mettere in salvo la piccola, che riportò comunque una grave lesione oculare, tanto grave da renderla ipovedente. Nonostante le molte cure prestate dai reali, la bambina, seppur stabile, mantenne parte della lesione. Rimasta orfana e cresciuta a palazzo, divenne a sua volta consigliera; la sua voce però non era poi così ascoltata, nonostante le sue grandi capacità e la sua frustrazione, causata soprattutto dall’ambiente così selettivo e severo che sembrava crescere di giorno in giorno. Se non fosse stato per il principe Caspar, di cui lei era profondamente infatuata, avrebbe cercato delle alternative, ma il suo affetto per lui e la riconoscenza per i reali, la tenevano legata a quel posto. Un fatto triste incrinò il Natale in arrivo, la festa da lei più amata fra tutte: il suo principe si stava preparando per convolare a nozze con la principessa Ingrid. La legge voleva, che prima del compimento del trentesimo anno di età, l’erede al trono dovesse scegliere una sposa di sangue reale, se non l’avesse fatto, il regno sarebbe andato al ramo cadetto della famiglia. Per questo, nonostante i suoi sentimenti, la cercatrice aveva impegnato tempo e fatica per scegliere la moglie giusta per Caspar, ai suoi occhi il massimo della perfezione. Il Natale non porterà solo la sposa del principe, ma anche un meraviglioso incontro inaspettato. Infatti, insieme alla principessa, a palazzo farà l’ingresso anche suo fratello, il principe Aksel Halvorsen. Tra i due scoccherà il classico colpo di fulmine e in un attimo l’amore, sconvolgerà la vita di Kaitlin, aprendole gli occhi su chi sono davvero le persone che per una vita ha considerato care. Colpi di scena e rivelazioni sulla leggenda del prescelto faranno della nostra cercatrice la pedina più importante su di una vasta scacchiera politica, questi cambieranno gli equilibri delle piccole monarchie.
Una storia d’amore e d’avventura dolce e intrigante. Ci terrà con il fiato sospeso fino alla fine, regalandoci un finale a sorpresa sopra le righe. La perizia nel realizzare le descrizioni e la cura nel riportare le introspezioni emotive della protagonista mi hanno profondamente coinvolto. Il romanzo nasce e si evolve intorno alla protagonista che sembra l’unica persona vera in un mondo di comparse. Persino il suo innamorato vive ai margini della sua sfera d’azione, non abbastanza importante d’avere una sua storia descritta e cominciando la sua esistenza con lei.
La storia comunque rimane molto interessante, colorandosi di note noir alla fine, con rivelazioni fuori le righe.
Pollice in su quindi per Otto, il fedele compagno a quattro zampe di Kaitlin, un cagnolone insostituibile in tutti i sensi, che ci accompagnerà per tutto l’arco del romanzo. Pollice in giù per i monarchi di Silberland, che nonostante il loro ruolo, mi sembra che abbiano veramente una parte troppo riduttiva. Avrei dato più spazio e più spessore almeno a loro e al contesto relativo. In ogni caso, un libro che mi ha regalato momenti molto piacevoli, che consiglio a ogni fascia d’età.
A presto Fenicette!

 

ladykira

ladykira
Admin founder RFS

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: Merry Kiss Christmas di Francesca Palamara

TITOLO: Merry Kiss Christmas AUTRICE: Francesca Palamara EDITORE: ...