Home / Fantasy / Recensione: “La magica terra di Slupp” di Antonia Romagnoli

Recensione: “La magica terra di Slupp” di Antonia Romagnoli

Trama

Slupp è un luogo incantato: si produce buon vino, si mangia bene, si può usare la magia. Tutte queste meraviglie, però, rischiano di finire, se il Signore delle Tenebre L’Oscuro Signore riuscirà a prendere il potere e a conquistare il regno: intanto, ha già trasformato il re in un cappello, gettando la corte nel più totale scompiglio. Solo una magica spada, da secoli usata come schiaccianoci, potrà sconfiggerlo. Peccato che si sia persa. Ma a difesa di Slupp, ecco si erge un gruppo di eroi: sono gli squinternati apprendisti maghi (e aspiranti scrittori) della scuola di magia, arruolati a forza da una fata e dall’autrice in persona.
Saranno loro a partire alla ricerca della spada schiaccianoci, affrontando mille ostacoli e rocambolesche avventure. Durante il loro viaggio incontreranno guai d’ogni tipo e persino i personaggi di famosi romanzi, capitati, per caso o per sventura, fuori dalle loro più note pagine. La magia del fantasy si fonde con l’umorismo per creare una piccola, divertente storia in cui realtà e immaginazione perdono i loro confini.

Recensione

Vi invito tutti nel magico mondo di Slupp a mangiare le croccolose unghie di drago al cioccolato. Mentre i nostri eroi partiranno per un’avventura fantastica alla ricerca di una spada schiaccia noci di nome Taran Bilah Comah Geran Katalbabes forgiata dai nani, dagli orchi, dagli elfi, dalle fate e dai giganti della cooperativa Fabbri Riuniti, all’alba dei tempi.

Un spada, ancora? Direte voi amanti del fantasy classico. No. La genialità di questo romanzo sta nel mescolare tutti i principi base a cui siamo abituati e dargli nuova vita. Frizzante, allegro, coinvolgente, innovativo, la storia ti cattura dalla prima pagina e ti risucchia. Divertente fino alle lacrime. L’autrice descrive luoghi e personaggi nel dettaglio, s’immerge in una storia avventurosa, sovverte le regole e parla in prima persona con i protagonisti che, come attori consumati, rispondono a tono. Un’idea geniale. Una penna di tutto rispetto. Se avete letto o visto i film di Harry Potter, Il Signore degli anelli e la storia infinita troverete assolutamente fantastico questo romanzo che di tanto in tanto fa riferimento a questi capolavori senza mai nominarli davvero.

I PERSONAGGI

Kya :una dei quattro apprendisti maghi designati per la missione segreta. La sua specialità è quella di fare delle profezie.

Morlok: apprendista mago che l’autrice invischia in una storia amorosa con la principessa dalla coda di rettile.

Fradan: apprendista mago dotato di un potere speciale sui rettili.

Theodora: principessa trasformata in lucertola e salvata da Fradan che vive una pseudo storia d’amore con Morlok.

Edluc: apprendista mago ghiotto di croccolose

Sherit: specializzata in pozioni e tisane

Clah e Fedy: consulenti in stelle e pianeti

Fator e Janì: anch’essi dotati di poteri “speciali”

Marlab e Fabiene : fratelli in arme

Elbys: è l’esperto nella lingua bradlèy

La nostra autrice nel corso della lettura ci aiuta a ricordarli in modo del tutto simpatico e divertente.
Essendo una divoratrice di fantasy in tutte le sue sfaccettature mi sono avvicinata a questo genere perplessa, non avevo mai letto un Fantasy umoristico e ammetto che ero sospettosa. Ebbene: mi sono ricreduta dopo le prime pagine, alla decima ridevo, alla locanda ero innamorata e quando i sovrani incantati sono stati liberati dagli apprendisti ero del tutto e in tutto immersa nel magico mondo di Slupp.
Quindi vi invito nella magica terra di Slupp nota per gli ottimi vini, per il clima mite, le coste sabbiose e le croccolose.

Fiamme-Sensualità-Nulla NUOVA

Recensione a cura di:

LadyLuna

Editing a cura di:

AleLale

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Eternal Night: DARK ROMANCE” di Debora C. Tepes

Nadir Nadir è solo un ragazzino quando è ...