Home / Recensione libri / Recensione: “La fattoria dei nuovi inizi” di Devney Perry (serie Jamison Valley #1)

Recensione: “La fattoria dei nuovi inizi” di Devney Perry (serie Jamison Valley #1)

Care Fenici, oggi Kiki ci parla di un libro che le è piaciuto tantissimo: “La fattoria dei nuovi inizi” di Devney Perry (serie Jamison Valley #1)

Gigi aveva solo bisogno di un nuovo inizio.
Jess non la voleva nella sua città.
Ma un’eredità li unirà come un filo invisibile.
Georgia, per tutti Gigi, è una mamma single, risoluta e combattiva, che anela a lasciare la solitudine e la freddezza della vita in una grande città.
L’occasione per ricominciare da capo si presenta quando riceve un dono totalmente inaspettato da parte di un caro vecchio amico: una fattoria immersa nel verde a Prescott, in Montana, non lontano dal parco di Yellowstone.
Georgia non ha idea di cosa aspettarsi da una cittadina così piccola, in cui non conosce assolutamente nessuno ma il desiderio di essere parte di una comunità, per sé e sua figlia, è troppo potente da ignorare.
Jess Cleary ritiene che la fattoria dei Coppersmith, di cui per anni si è preso cura, avrebbe dovuto essere sua ed è convinto che la bella forestiera abbia raggirato il vecchio Ben per farsi regalare la sua tenuta.
Ma presto Jess si renderà conto che il disegno di Ben era molto più complesso, e la sua eredità qualcosa di molto più importante per il suo cuore: una famiglia.
Mentre Jess e Gigi iniziano a conoscersi e a piacersi sempre più, nella tranquilla Prescott si verificano strani incidenti, e lo sceriffo dovrà presto impegnarsi con tutte le sue risorse per difendere la città e il suo nuovo amore dal misterioso pericolo che li minaccia.

 

Prendi i soldi, Brick. Non metterti a litigare con Gigi perché non li vuoi. Non cederà, perché le ho chiesto di non mollare finché non li avrai. È una donna maledettamente testarda.
Sono orgoglioso di averti conosciuto, ragazzo. Di averti visto diventare un brav’uomo.
Prenditi cura delle mie ragazze. E lascia che loro si prendano cura di te. Non te ne pentirai.
Ben

Oggi vi parlo del primo volume di una nuova serie appena arrivata in Italia: grazie alla Always Publishing ho potuto leggere La fattoria dei nuovi inizi, primo volume della serie Jamison Valley di Devney Perry. Ecco cosa ne penso!

Care Fenici, vorrei poter concretizzare in stelline quanto questo libro mi sia piaciuto, ma non ne ho abbastanza… Un voto non riuscirebbe comunque a spiegare la piacevolezza della lettura che ho appena concluso, quindi non vi resta che ascoltarmi e giudicare da voi.

Devney Perry: un nome che non conoscevo, ma che ora mi rimarrà impresso. Una giovane autrice che mi ha catturata fin dalle prime battute e che mi ha regalato emozioni inaspettate. La fattoria dei nuovi inizi può tranquillamente rivaleggiare con i libri scritti dalle grandi penne del romance made in USA: ha tutto ciò che serve per catturare chi, come me, ama questo genere di lettura. L’ambientazione nella provincia americana, i personaggi classici, i buoni sentimenti, un caldo erotismo che non deborda mai nel sesso anatomico, una vena di mistero che diventa suspense: non gli manca proprio nulla per accontentare anche i palati più fini.

La storia raccontata è semplice: Georgia Ellars è una giovane infermiera che vive a Spokane, diventata mamma single dopo una notte brava con un uomo che non ha voluto prendersi le sue responsabilità di padre. Si trova quindi da sola a crescere la meravigliosa Rowen, bimbetta capace di illuminare la vita di tutti quelli che incontra. Nel periodo più buio e difficile della sua vita Gigi incontra Ben Coppersmith, un signore quasi ottantenne che adotta lei e la figlia, dando a entrambe affetto, risate e speranza. Purtroppo la loro amicizia per ragioni anagrafiche dura poco, ma lascia dietro di sé un segno tangibile: Gigi eredita la fattoria in cui Ben abitava a Prescott, paesino del Montana da cui se ne era andato dopo la morte dell’adorata moglie. Dice loro che hanno bisogno di un nuovo inizio, e che là lo troveranno.

Gigi, che è una ragazza determinata, coglie al volo questa occasione e parte con Rowen verso l’avventura. Non sa che ad aspettarla a Prescott ci sarà uno sceriffo burbero e arrabbiato, convinto che avrebbe dovuto ereditare lui la fattoria e che Gigi abbia truffato il vecchio amico comune…

Che forza questi personaggi! La Perry caratterizza benissimo Georgia, rendendola una giovane donna che sa quello che vuole, ma al contempo ha paura di meritarselo. È rimasta bruciata dall’enorme rifiuto del padre di sua figlia, e non crede molto negli uomini. Il primo incontro con lo sceriffo Jess Cleary non è dei migliori: dire che lui è ostile sarebbe riduttivo, perché fa davvero di tutto per non farla sentire benvoluta. Ma non passa molto perché lui riesca a vedere le cose sotto una luce diversa, ammettendo il suo errore e innamorandosi perdutamente di Gigi e di sua figlia. Jess è un uomo meraviglioso, uno di quei maschi da romance che fanno sognare, e che purtroppo esistono solo nei libri: possessivo quanto basta da essere protettivo ma non geloso. Bello da mozzare il fiato ma umile e onesto. Attaccato alla sua terra e alla sua gente tanto da volerla difendere a ogni costo. Gigi è testarda e decisamente femminista, e darà del filo da torcere a Jess, che cerca sempre di averla vinta, anche se poi con le sue ragazze è sempre un tenerone… Gigi e Rowan entrano nella sua vita come due comete, e lui inizia a seguire la loro scia e non le lascia più.

La loro storia d’amore si svolge tutta nella prima parte del romanzo, ma già da subito il lettore sapeva che tra Gigi e Jess sarebbe andato tutto bene. La Perry è brava a trasformare la seconda parte del libro in un giallo con i fiocchi, ben argomentato e risolto, che rende il libro corale presentando i personaggi che saranno i protagonisti degli altri volumi della serie, tutti uomini di cui voglio leggere le vicende quanto prima!

Mentre le pagine scorrevano veloci mi sembrava di leggere un libro scritto almeno dieci o quindici anni fa, uno di quegli indimenticabili che hanno un posto d’onore nel mio cuore e nella mia libreria. Un libro particolarmente equilibrato in tutte le sue parti, in questo aiutato dal pov alternato dei protagonisti che aiuta a farsi un’idea complessiva del contesto in cui si svolge l’azione.

L’ambientazione è deliziosa, e il Montana rurale sembra proprio quello dei film a cui siamo abituati: Prescott è il terzo personaggio della storia, con i suoi abitanti, le sue fattorie, gli uomini che lavorano fianco a fianco per il bene comune. Ben è uno di loro: percepisce il bene che Gigi e Ro possono fare a Jess, e spinge le ragazze tra le braccia dell’uomo che le amerà per tutta la vita. Perché tutti hanno bisogno di un nuovo inizio, per sperare, per credere e rinascere.

Non posso che consigliarvi La fattoria dei nuovi inizi, ricordandovi che è sì parte di una serie, ma che ogni volume è autoconclusivo, quindi può essere letto con serenità.

 

 

 

Romanticamente Fantasy

Avatar
x

Check Also

Review Party: “Pazzo d’amore – Serie Gansett Island #1” di Marie Force

Buongiorno Fenici, oggi con la recensione di Lucia partecipiamo al Review Party ...