Home / Recensione libri / Recensione: “La famiglia al numero 13” di S.D. Monaghan

Recensione: “La famiglia al numero 13” di S.D. Monaghan

TITOLO: La famiglia al numero 13
AUTORE: S.D Monaghan
GENERE: Thriller e suspense
EDITORE: Newton Compton Editori
COLLANA: Nuova narrativa Newton
PAGINE: 320
PREZZO: €9,90 (Cartaceo), €2,99 (E-book)
DATA DI PUBBLICAZIONE CARTACEO:  19 Marzo 2020
DATA DI PUBBLICAZIONE E-BOOK: 9 Aprile 2020

Tutti hanno dei segreti.
I loro sono molto pericolosi.

Mary è bella, ricca e incarna alla perfezione il ritratto di una donna felice. La sua splendida casa gode di una vista mozzafiato e il giardino è sempre in ordine. La sua vita sembra proprio perfetta. Ma dietro la porta di ingresso si nasconde una realtà molto diversa. Il marito, Andrew, le rivolge a stento la parola e trascorre le sue giornate da solo nel seminterrato, mentre suo nipote combatte con gravi disturbi del comportamento, che spesso provocano scatti d’ira imprevedibili. L’illusione di perfezione che Mary ha faticosamente costruito sta cominciando a sgretolarsi. Come se non bastasse qualcuno ha iniziato a inviarle messaggi anonimi, minacciando lei e la sua famiglia. E sembra conoscere i lati più nascosti della vita di Mary, quelli che lei si sforza di celare. Possibile che uno dei segreti dell’appartamento numero 13 sia in grado di mettere in serio pericolo lei e i suoi cari?
Ai primi posti delle classifiche in Inghilterra e negli Stati Uniti
«Incredibile! Mi ha completamente ipnotizzato fin dalle prime pagine.»
«Un titolo imperdibile per tutti gli amanti del thriller.»
«Colpi di scena a non finire e una conclusione magistrale.»

I segreti sono belli, solo se restano tali. (Tratto dal libro)

Ciao a tutti, amanti della lettura!

Con un misto d’incredulità e imbarazzo, devo confessarvi che questo nuovo thriller mi ha messo in crisi. Subito dopo averlo terminato, ho avvicinato le mani alla testiera e, per la prima volta in anni di letture, non è successo nulla!

Io, da sempre abituata a scrivere di getto, sono rimasta a fissare inebetita la pagina vuota per non so quanto tempo, preda di un assordante silenzio. E quando il mio cervello va in tilt, ci vuole un caffè! Il caffè aiuta sempre a schiarirmi le idee.

Ed è così che di fronte ad una tazza fumante, guardando Abito da sposa cercasi – ognuno ha le sue debolezze – ho ripreso in mano l’oggetto della mia crisi creativa e ne ho risfogliato le pagine, finché non mi sono venute in mente le parole di Sigmund Freud:

Nessun mortale sa mantenere un segreto: se le sue labbra sono serrate, parlerà con la punta delle dita, il suo tradirsi trasuderà da ogni poro.

Eccolo lì il filo conduttore di questo romanzo: il segreto!

Il segreto è infido e pericoloso, è qualcosa che noi conosciamo e che coinvolge un’altra persona, realizzando un’asimmetria nella relazione perché, possedendo quell’informazione, acquistiamo potere sull’altro. Un potere alimentato dal fatto che l’altro non sa che noi siamo a conoscenza di quel segreto e che potremmo usarlo contro di lui in qualche modo.

In questa cornice si inserisce la storia della nostra protagonista, Mary-Contrary; quando ho letto per la prima volta questo nomignolo con cui era chiamata in famiglia, ho pensato lì per lì a un innocente gioco di parole. Macché!

Mary è una personalità duplice – oserei dire disturbata – anche se lo nasconde, dietro a una bella facciata, agli occhi di tutto il vicinato dell’elegante quartiere dublinese nel quale abita col marito Andrew, un uomo tutto fumo e niente arrosto, e il nipote diciassettenne, un ragazzo geniale ma – per usare un eufemismo – difficile.

Anni di musica, letteratura e arte ci hanno insegnato che genialità e disturbi della personalità vanno spesso a braccetto. Vero è anche che crescere in una famiglia disfunzionale, con una madre che ti considera un errore, metterebbe a dura prova la sanità mentale di chiunque. Tuttavia, questo giovanotto è veramente insopportabile e l’atteggiamento accondiscendente degli zii non aiuta.

Ci sono diversi momenti nel corso della storia in cui potrebbe capitarvi di pensare: ma qualcuno di normale c’è? Rullo di tamburi… la risposta è no!

Come vi dicevo, Mary è la protagonista di questa storia, ma le sue vicende s’intrecciano quasi subito con quelle di Connor, da poco trasferitosi in un bungalow al numero 12, proprio dirimpetto alla casa di Mary, che abita invece al numero 13.

Connor fa lo psicoterapeuta, ma probabilmente ha sbagliato lavoro. I suoi pazienti sono personalità di spicco – o si spacciano per tali – vanno in analisi senza una reale convinzione, ed escono dal suo studio più arrabbiati che soddisfatti. D’altra parte Connor non assume degli atteggiamenti propriamente professionali nei loro confronti e ciò gli procurerà dei problemi.

Attenzione! Problemi seri, che rischiano di distruggere la sua vita e la sua carriera e che si aggiungono ad alcune accuse subite da Mary, eppure Connor reagisce come se tutto ciò non stesse capitando a lui. Se la vita potesse essere descritta con le previsioni meteo, quella di Connor riporterebbe la dicitura: spina dorsale non pervenuta.

Con mia grande delusione, questo romanzo ha uno sviluppo “caotico”; ci sono degli spunti interessanti e dei temi di spessore quali il potere relazionale del segreto e il riflesso che esso ha sulla psiche umana, ma l’intreccio della storia si dipana in modo frettoloso.

Un thriller dovrebbe tenere costantemente col fiato sospeso e lasciare a bocca aperta nel momento in cui rivela i suoi colpi di scena, mentre in questo romanzo mi sono trovata a dire: “Tutto qua?”

Anche la scelta stilistica dell’autore di scrivere in prima persona i capitoli su Mary, in terza quelli su Connor, non mi è piaciuta, l’ho trovata fastidiosa e mi disturbava durante la lettura, senza contare alcuni errori di sintassi che mi hanno fatto arricciare il naso.

Si tratta del primo lavoro di quest’autore e credo che nelle arti letterarie una seconda possibilità si debba concedere a tutti, perciò leggerò sicuramente un’eventuale prossima pubblicazione, in modo da poter sviluppare un parere a più ampio spettro.

Vedremo cosa ci riserverà il futuro.

Alla prossima

TITOLO: La famiglia al numero 13 AUTORE: S.D Monaghan GENERE: Thriller e suspense EDITORE: Newton Compton Editori COLLANA: Nuova narrativa Newton PAGINE: 320 PREZZO: €9,90 (Cartaceo), €2,99 (E-book) DATA DI PUBBLICAZIONE CARTACEO:  19 Marzo 2020 DATA DI PUBBLICAZIONE E-BOOK: 9 Aprile 2020 Tutti hanno dei segreti. I loro sono molto pericolosi. Mary è bella, ricca e incarna alla perfezione il ritratto di una donna felice. La sua splendida casa gode di una vista mozzafiato e il giardino è sempre in ordine. La sua vita sembra proprio perfetta. Ma dietro la porta di ingresso si nasconde una realtà molto diversa. Il marito, Andrew,…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Come non innamorarsi del capo (The Coffee Series Vol. 2)” di Whitney G.

      TITOLO: Come non innamorarsi del capo ...