Home / Recensione libri / Recensione: Keltor (The Guardian Archives #1) di Jennifer Sage

Recensione: Keltor (The Guardian Archives #1) di Jennifer Sage

 

Keltor è un Guardiano della Luce, anche se vive prevalente­mente nell’Ombra, tormentato dal suo passato. Il suo mondo, quello dei Guardiani, è una realtà oscura che coesi­ste con la nostra. Dietro il caldo velo delle nostre vite, una guerra si combatte tra i demoni e i Guardiani che proteggo­no l’umanità al meglio delle loro possibilità, credendo ancora in noi come razza.
C’è una persona, però, un Custode, che ha in sé il potere di aiutare una o l’altra fazione in guerra. Con l’abilità di dan­neggiare la Luce o l’Oscurità e senza alcuna consapevolezza di come dovrebbe farlo, Liz è quasi una pedina senza spe­ranza. Una pedina che sta per trovarsi priva della capacità di opporsi alla forza più grande che abbia mai incontrato.
Un Guardiano che ha perso il cuore secoli fa. Una donna che non ha mai conosciuto veramente il proprio. Le leggi vietano che possano trovare rifugio uno nell’altra. E leggi ben diverse che impediscono loro di separarsi.
Una decisione deve essere presa, una che potrebbe riportare indietro dai sette inferni il più crudele dei demoni. I Guar­diani sono tra noi… e questo in particolare è il frutto proibi­to.

Serie The Guardian Archives:
1. Keltor;
2. Ratha;
3. Dante: Parte prima;
4. Dante: Parte seconda;

Buongiorno Fenici,
qualche settimana fa ho scoperto la serie “The Guardian Archives” di Jennifer Sage, la prima cosa mi ha colpito è la cover, ok di solito non mi lascio trascinare nella lettura di un romanzo dalla copertina, ma questa ha catturato la mia attenzione, tanto da farmi leggere la trama, che mi ha davvero colpito, quindi mi sono detta, il libro deve essere mio. Devo confessarvi che mi sarei data una botta in testa da sola per il fatto che mi fosse sfuggita.

Fin dalle prime pagine ho trovato alcune analogie con un’altra serie che ho letto, non vi dico quale perché vorrei che leggeste il libro; a mio avviso ne vale la pena.
Poi man mano le similitudini sono scomparse dalla mia mente ed è rimasta solo questa meravigliosa storia. Come molte di voi sanno, spesso capita di trovare concetti, trame o particolari simili ad altri scritti e a volte tutto ciò mi infastidisce altre no. In questo caso, non mi ha disturbata (va beh lo confesso, sono poche le volte che mi lascio contrariare quando leggo libri che sembrano un po’ tutti uguali, sono un tipo adattabile).

I due protagonisti sono meravigliosi a loro modo, Keltor è un guardiano della luce e oltre a combattere il male, è un super figo irlandese che, per la maggior parte della sua vita da custode, ha sia combattuto per la salvezza degli umani che per vendetta.

Vedete, prima di essere trasformato in un guardiano dalla divinità del bianco, la Pura, lui era un semplice mortale che amava, in seguito la sua famiglia è stata uccisa dai demoni… Quindi, il suo carattere è diventato il più scontroso fra tutti i suoi fratelli guardiani. Ha sofferto molto e di conseguenza il suo carattere si è inasprito, fino a quando non incontra Liz.

Liz è una custode (ma molto di più in realtà e questo dovrete scoprirlo leggendo il libro), che fino all’età adulta non ne era consapevole. I custodi sono esseri umani con la capacità di combattere contro il male, ma è altrettanto vero che, con il libero arbitro, possono essere portati dalla parte del male. Ecco perché appena nasce un custode, fin dalla tenera età, cosa che non è successa a Liz, costui viene affidato alla cura di un maestro. Lei, pur avendo sofferto molto da piccola, non ha mai perso il sorriso e la voglia di vivere. Quindi, quando viene attaccata da un demone, e non sa ancora difendersi, pensa di essere pazza o di trovarsi in un sogno. Ma così non è! Beh avrà materiale per i suoi romanzi, visto che è una scrittrice.

Incaricato di proteggere la custode è proprio Keltor, e tra i due si accendono subito scintille, infatti diventano compagni. Non sarà facile per loro combattere quest’attrazione (ma poi figuriamoci se può mai succedere). Però prima di poter arrivare a un lieto fine ce ne saranno di ostacoli sul loro cammino.

Troveremo delle scene di sesso molto hot ma, a mio avviso, mai volgari, quindi preparatevi.

Nel complesso il libro mi è piaciuto molto e posso solo consigliarvi di leggerlo, ho scoperto una vera chicca e un’autrice molto brava, quindi proseguirò nella lettura della serie e degli altri suoi scritti. Siete pronti? Perché avrete altre mie recensioni. Per chi ha già letto il romanzo, poiché uscito un po’ di tempo fa, mi aspetto un vostro commento. Sono curiosa di sapere se vi è piaciuto come alla sottoscritta, e, per chi non l’ha letto, fatelo!

Per ora vi saluto a presto.

 

 

 

 

 

 

Claudia

Avatar

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Borrowing Blue – Serie: Made Marian #1” di Lucy Lennox

Blue: Quando il mio ex entra nel bar ...