Home / Recensione libri / Made in Italy / Recensione: “Io ti libererò” di Jessica Maccario

Recensione: “Io ti libererò” di Jessica Maccario

 

Era quella maschera a intrigare gli uomini, ancor più degli abiti sexy indossati. Per loro era un modo per riconoscerla, a lei serviva per nascondersi: anche se gli occhi restavano scoperti, lei con quella maschera si sentiva protetta. Protetta dagli sguardi degli altri, dall’invadenza delle loro mani. Come se sotto quella mascherata disegnata ci fosse ancora un po’ d’innocenza in lei.

Trama: Sally lavora al “The Secret Pub”, un locale con una clientela abituale, nascosto ai più. Fa parte di un gruppo musicale un po’ speciale, con un obiettivo ben preciso: divertire i clienti e rendere più piacevole la loro serata. Sally si esibisce con una maschera dipinta sul viso, un modo per nascondere la propria identità e sentirsi libera almeno per un giorno a settimana. Finché una sera, una pallottola passa a pochi centimetri da lei e una figura si dilegua nell’oscurità della notte. C’è qualcun altro che la osserva in mezzo alla folla, un uomo attraente di nome Sean, che dice di conoscere suo padre e la costringe a rivelargli la verità sul suo lavoro. Perché continua a seguirla? Che ruolo ha e perché sembra conoscere anche il suo assassino?
Mentre degli uomini le danno la caccia tra le vie di Londra, il pericolo si fa sempre più grande. Chi c’è a capo dell’inseguimento? Sally non sa più di chi fidarsi. È giusto affidarsi a uno sconosciuto da cui si sente attratta, al punto da svelargli il suo passato che per anni ha cercato di dimenticare?

Sally è una giovane donna con un passato di tossicodipendenza. Per quanto ne sia uscita del tutto, il suo rapporto con il padre è ancora fatto di mistero e bugie, mentre quello con se stessa risente ancora del poco rispetto che ha avuto per il suo corpo e per la sua anima negli anni bui della dipendenza.

Di nascosto dal padre, lavora come ballerina in un night club. Una notte, uno sconosciuto spara all’interno del locale spaventando a morte sia Sally sia le sue amiche.

Questo evento costringe Sally ad affrontare il suo passato, affiancata dal misterioso – e affascinante – Sean.

Ma distinguere gli amici dai nemici si rivela assai più difficile del previsto, mentre l’attrazione per Sean si fa sentire ogni giorno di più.

Sean avvertì subito il cambiamento. Aveva agito d’impulso, afferrandola prima che potesse di nuovo allontanarsi. E ora, sentire quella pelle sotto le dita e quel corpo vicino al suo alleviò ogni preoccupazione. Anche lei sembrava più rilassata, più fiduciosa. Si stava abbandonando a lui e questo, anziché creargli disagio, lo rassicurò. Ora non aveva più bisogno di fingere con lei.


Sally è ben caratterizzata nei suoi dubbi ma anche nella sua voglia di riscatto, una ragazza vera, con i suoi errori e le sue paure, ma con il coraggio di affrontarle.

Sean, intrigante addestratore di cani antidroga, le sta accanto come un’ombra, una presenza continua che desta emozioni contrastanti: protettiva o minacciosa?

Si sentì prendere il braccio e si ritrovò camminare al suo fianco. Sembravano quasi una normale coppia a passeggio in una qualunque domenica d’autunno. Mentre era appoggiata a lui, quasi aggrappata al suo braccio, una sensazione di calore le imporporò il viso. Era assurdo pensare di essere al sicuro solo perché lui le stava vicino.

Io ti libererò” è un romantic suspense, in cui la parte thriller è prevalente rispetto alla storia d’amore. Il legame che si crea tra Sally e Sean, costellato da insicurezze, dubbi e paure è presente in ogni pagina del romanzo, ma è la soluzione del mistero quello che costringe il lettore ad andare avanti, mentre amici sembrano nemici e nemici sembrano amici.

L’autrice, nel corso della narrazione, sfiora con delicatezza argomenti importanti come l’accettazione di se stessi, la fiducia, la capacità di ricominciare dopo anni di oscurità, ma anche la necessità di chiedere aiuto quando necessario. La trama, semplice, ma non per questo noiosa, diventa una scusa per approfondire la psicologia della protagonista, lasciando un messaggio importante per chiunque debba superare un periodo difficile.

La scrittura è fluida e scorrevole, rendendo il romanzo una lettura che accompagna piacevolmente per qualche ora.

Recensione a cura di:

Editing a cura di:

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Recensione: “La dodicesima clessidra” di Isabella Vinci

Titolo: La dodicesima clessidra Autore: Isabella Vinci Genere: Paranormal Romance Editore: Lettere ...