Home / Inediti in Italia / Recensione inedito: “Never Tear Us Apart” di Monica Murphy (Never Tear Us Apart #1)

Recensione inedito: “Never Tear Us Apart” di Monica Murphy (Never Tear Us Apart #1)

Trama

È incredibile come otto anni possano scomparire in un istante. Uno sguardo a Katie Watts e sono di nuovo un quindicenne, colui che ha rischiato tutto per salvare una ragazza terrorizzata dal suo perverso rapitore. Ora è cresciuta, è bella, tranquilla e composta mentre racconta la sua storia a tutto il mondo. Una storia che mi coinvolge, molto più di quanto crediate. Lei mi chiamava il suo angelo custode. Certo, ho rischiato la mia vita, ma per lei valeva la pena morire.

Ho bisogno di mettermi in contatto con lei. Solo per assicurarmi che sia al sicuro.

In qualche modo ci siamo riconnessi. Siamo diventati amici… ma voglio di più. Voglio che sia mia. E anche lei mi vuole. Lei sa chi sono? Ha capito? Non ancora. Ma lo farà. Nel frattempo, devo assicurarmi che qualsiasi cosa quell’animale le ha fatto sia passato.

Sì, è così, sto rubando dei momenti con lei. Li sto assaporando. Sapendo, temendo che presto scoprirà chi sono veramente. E tutto andrà in pezzi. Tutto perché quel mostro deviato e perverso ora sta seduto nel braccio della morte. Il suo rapitore. Un serial killer condannato.

Mio padre.

 

ATTENZIONE: questo libro tratta lo stupro di una bambina. Se la cosa vi disturba, per favore, non leggetelo.

 

Recensione

ARC ricevuta da Wordsmith Publicity e dall’autore attraverso NetGalley in cambio di un’onesta recensione

 

Non potevo pensare a un modo migliore di iniziare il mio anno di letture. Never Tear Us Apart è un libro bellissimo, stupendo, toccante ed emozionante. Un libro che spesso mi è venuto voglia di chiudere, eppure mi ha catturata fino alla fine. È stato difficile accettare che la storia di questo libro potrebbe essere reale, che tutte quelle cose orribili possano davvero succedere.

La storia di Katie ed Ethan mi ha spezzato il cuore e mi ha quasi spaventata. Sono una mamma e non riesco nemmeno a immaginare o contemplare che tali tragedie potrebbero succedere anche a me.

Mi piaciuto il coraggio che Monica Murphy ha avuto nello scrivere un libro che parla di abuso sui bambini con una tale delicatezza e bellezza, in un contesto dove bellezza e amore non esistono, dove dolore, paura e rabbia cancellano la gioia, la felicità e l’innocenza.

 

“Quando hai già affrontato la morte una volta, cosa ti rimane da temere?”

 

La storia è narrata dal POV di Katie e Will, che danno voce al passato, e dal POV di Kathrine ed Ethan, che danno voce al presente. L’alternarsi costante dei diversi punti di vista della narrazione rendono la scrittura fluida e accattivante. Ma la qualità di questo libro sta nelle sue emozioni, nella sua cruda realtà, nel modo in cui colpisce il cuore e la mente.

Ho pianto chiedendomi come possa un bambino, un essere umano, sopravvivere a un tale orrore, essere violato fisicamente, mentalmente e psicologicamente. Quanto è difficile perdere la propria innocenza quando si è solo dei bambini, e diventare adulti? Chi è quel mostro che può fare questo?

Katie ed Ethan sono la prova che sopravvivere e vivere una nuova vita è possibile.

Ho amato la forza di Katie, la sua determinazione nel superare le sue paure e nel non vedersi come una vittima, ma come una sopravvissuta. Il suo processo di guarigione è lungo, sembra durare una vita, solo per rendersi conto che non potrà mai guarire e dimenticare davvero, e che l’unico modo per andare avanti è di non permettere al suo passato di governare la sua vita.

 

“Non mi sono mai sentita veramente fortunata. Sono una sopravvissuta, è vero. Mai vittima, dio odio quella parola. Ma fortunata? La fortuna è per chi schiva un incidente d’auto per un pelo o vince la lotteria, o ottiene il lavoro perché il primo candidato si ritira all’ultimo minuto.” (Katie)

 

Ethan (Will) ha sperimentato un altro tipo di orrore, ma non per questo meno brutale. Per sopravvivere ha sepolto Will e cambiato nome. Ma questo non può cambiare il passato, non cancella quello che è successo.

Katie ed Ethan condividono un legame così profondo che nessuno può capire, eppure molto comprensibile. Loro sono la forza uno per l’altra, sono la luce in un mondo buio, oscuro, in un’esistenza che a malapena riesco a immaginare.

 

“Queste sono due persone così profondamente devastate quando sono sole, che hanno senso solo quando sono insieme.” (Monica Murphy)

 

A margine della storia di Katie ed Ethan troviamo un’altra realtà: per la stampa loro sono un obiettivo, un bersaglio. Perché l’essere umano è fatto così: curioso, affamato di sapere i dettagli più loschi, come se ci fosse qualcosa di bello o di divertente da sapere o vedere. Non so cosa ci sia di così irresistibile e affascinante, ma è un fatto innegabile.

Le vittime che sopravvivono a ogni tipo di orrore e violenza, vogliono solo dimenticare, ma la stampa è sempre lì per ricordare, per rendere glamour lo stupro, il rapimento, la violenza. Dov’è la linea di confine tra l’informazione e la curiosità morbosa?

 

“I ricordi possono sbiadire, ma non se vanno mai via veramente.”

 

Never Tear Us Apart mi ha lasciata con il cuore spezzato e la mente piena di domande.

Il finale è inaspettato, ma so che incontrerò ancora Katie ed Ethan.

Questo è il primo libro che leggo di questa autrice, non so se sia il suo solito genere, ma so che è un libro assolutamente da leggere.

Vorrei dire molte cose su questo libro, ma Never Tear Us Apart mi ha travolto emozionalmente, quando ho chiuso il libro mi sentivo stordita e senza parole, e allo stesso tempo piena di speranza e fiducia, sicura che anche nei momenti più bui della propria vita c’è sempre una luce a guidarti e un angelo custode a proteggerti.

“Ora posso sembrare ridicola, ma trovo davvero la forza nelle parole. Nelle parole scritte. I libri, le poesie e le canzoni. Dal momento che non mi sono mai sentita di avere forza, mi piace cercarla in altri posti. In questo modo mi sento veramente forte, almeno per un po’.” (Katie)

 

 

Blurb_NUOVO

 

Crazy how eight years can disappear in an instant. One look at Katie Watts, and I’m a fifteen-year-old again–the one who risked everything to save a terrified girl from her twisted kidnapper. She’s grown-up now–beautiful, quiet, composed–and telling her story to the world. A story that involves me in more ways than you can imagine. She used to call me her guardian angel. Sure, I risked my life, but she was worth dying for.

I need to make contact with her. Just to ensure that she’s safe.

Somehow we reconnect. We become friends . . . but I want more. I want to make her mine. And she wants me too. Does she know who I am? Has she figured me out? Not yet. But she will. In the meantime, I need to make sure that whatever hold that animal had on her is gone.

So, yeah, I’m stealing these moments with her. Savoring them. Knowing, dreading, that she’ll soon find out who I really am. And everything will fall apart. All because of that twisted, perverted monster sitting on death row. Her kidnapper. A convicted serial killer.

My father.

WARNING: This book deals with the rape of a child. If this thing disturbs you, please don’t read it.

 

Review_NUOVO

 

ARC Received from Wordsmith Publicity and the author through NetGalley in exchange for an honest review

 

There was no better way to start this new year. Never Tear Us Apart is a great book, amazing, emotional, touching. A book at some point I’d have rather closed, and yet held me captive until the end. it was hard to accept that the story of this book can be real, that all those horrible things happen in real life.

Katie and Ethan stories have broken my heart and almost scared me. I’m a mom and I can’t even start to imagine that such tragedies can possibly happen also in my life.

I loved Monica Murphy’s courage to write a book about child abuse in such a beautiful way, in a context where beauty and love don’t exist, where pain, fear and anger erase joy and happiness.

 

“When you’ve already faced your death once, what do you have left to fear?”

 

The story is narrated from Katie and Will’s POV, who give voice to the past, and from Katherine and Ethan’s, who give voice to the present. The constant switch between POVs made the writing fluid and engaging. But the quality of this book lies in its emotions, in its cruel reality, in the way it touches your heart and mind.

I cried asking myself “How can a child, a human being, survive to such an horror, to be violated physically, mentally and emotionally? How hard is it to lose your innocence when you’re only a child and grow an adult? What kind of monster can do this?”

Katie and Ethan are the proof that survive and live a new life is possible.

I loved Katie’s strength, her determination to overcome her fears and not to see herself as a victim but as a survivor. Her healing process is long, it seems to take forever only to realize that she can’t truly heal and forget, that the only way to move on it’s to not allow the past to rule her life.

 

“I’ve never felt truly lucky. I’m a survivor, yes. Never a victim– God, I hate that word. But lucky? Luck is for those who narrowly miss a car accident or win the lottery, or get a job because the first candidate backed out at the last minute.” (Katie)

 

Ethan (Will) has experienced a different horror but not less brutal. To survive he has buried Will and changed his name. But this doesn’t change his past, doesn’t delete what happened.

Katie and Ethan share a bond so deep no one can understand and yet very understandable. They are each other strength, the light in a dark world, in an existence that I’m barely able to imagine.

 

“These are two people who are so deeply broken when they’re alone, that they only make sense when they’re together.” (Monica Murphy)

 

At the side of Katie and Ethan’s stories there is another reality: they are a target for the media. Because the human being is like this: curious, starving to know all the darkest details, like there is something good or funny to know and see. I don’t know what is so compelling about this, but it’s undeniable, fascinating.

But the victims have survived every kind of horror, they only want to forget, but the media are always there to remember, glamorizing abduction, rape, violence. Where is the line, the border, between information and morbid curiosity?

 

“Memories may fade, but they never really go away.”

 

Never Tear Us Apart has left me with a broken heart and the mind full of questions.

The end was not what I expected, but I know that I will meet Katie and Ethan again.

As this is the first book of Monica Murphy I read, I don’t know if it’s not a conventional romance for her, but I know that is definitely a MUST READ book!

I would like to say so many things about this book, but Never Tear Us Apart is emotionally overwhelming, and when I’ve closed the book I felt dizzy, speechless, with a broken heart. At the same time, however, I was full of hope, trust and confidence that even in the darkest times of your life there is always a light to guide you and an angel to protect you.

 

“Now I just sound ridiculous, but I really do find power in words. Written words. Books and poems and songs. Since I’ve always felt like I have no power, I like to look for it in other places. That way I do feel strong, at least for a little while.” (Katie)

Fiamme-Sensualità-Nulla NUOVA

Recensione a cura di:

Jewel69

Editing a cura di:

LadyLeonor

 

 

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione inedito: “Bound by Flames” di Jeaniene Frost (serie Night Prince #3)

Care Fenici, oggi La Min ci parla di “Bound ...