Home / Emozioni in tartan / Recensione inedito: “Knight in Highland Armor” di Amy Jarecki – #1 serie Highland Dynasty

Recensione inedito: “Knight in Highland Armor” di Amy Jarecki – #1 serie Highland Dynasty

Libro 1 della serie Highland Dynasty

Trama

Addolorato per la morte della moglie, Lord Colin Campbell ascolta il pianto del figlio appena nato mentre scrive una lettera al re. Senza prospettive per un nuovo matrimonio, Colin richiede l’aiuto di sua maestà per trovare una matrigna. Non ha intenzione di innamorarsi mai più… la morte di una donna può causare molto più dolore della perdita di un intero contingente sul campo di battaglia.
Coraggiosa, intelligente e con la risposta sempre pronta, Margaret Robinson è molto contenta quando il padre riceve un messaggero inviato dal re… fino a quando scopre le notizie che porta con sé. Entro una settimana, dovrà sposare il famoso Cavaliere Nero… la vita che ha sempre conosciuto sta per finire.
Sin dal giorno del matrimonio la tensione comincia a crescere tra loro, peggiorando sempre di più… fino a quando un incidente riesce a renderli uniti. Non appena il loro amore comincia a sbocciare, arriva una terribile richiesta inviata dal Papa. Colin deve partire immediatamente per una Crociata.
Il loro amore ancora fragile è costretto ad affrontare la seduzione dell’inferno… Margaret viene indotta in tentazione da un capoclan con secondi fini… Colin si trova davanti al diavolo in persona. Sì, la guerra per la Cristianità potrebbe davvero rovinare i loro sogni per sempre.

Recensione

Nuova serie historical romance per Amy Jarecki, scrittrice che ho imparato a conoscere ed apprezzare per i suoi libri ambientati nelle Highlands.
“Knight in Highland Armor” è un buon romanzo di esordio, per il quale l’autrice ha scelto un momento storico particolare: non le solite battaglie tra clan o l’indipendenza della Scozia, ma le Crociate dei cristiani contro il popolo mussulmano.
Lord Colin e Margaret sono una coppia ben assortita, anche se all’inizio la loro storia è un po’ travagliata.
Lord Colin Campbell ha appena perso la moglie, la quale è morta mettendo alla luce il loro bambino. Come se non bastasse, l’uomo viene convocato per partecipare a un’altra Crociata in Terra Santa, è un combattente valoroso e troppo prezioso per la sua esperienza sul campo di battaglia perché si possa rinunciare a lui. L’uomo si vede costretto a dover scegliere in fretta e furia una donna che possa fare da madre al figlio, durante la sua lunga assenza. Non amore e romanticismo, ma semplice necessità.
Margaret non è senz’altro la donna che si sarebbe aspettato o avrebbe voluto. Giovane, bellissima, sveglia e poco incline a seguire i suoi ordini, se pensa sia meglio comportarsi in altro modo. È stata abituata da sempre ad essere presa in considerazione dal padre, grazie alle sue capacità nell’aiutarlo a gestire i loro possedimenti. È però anche molto giovane ed impulsiva e sogna un matrimonio nel quale trovare l’amore e sin dall’inizio quello chiamano il “Black Knight” è ben lontano dalle rosee aspettative della ragazza.
Mi sono divertita molto nel leggere i loro battibecchi e ho apprezzato la lingua tagliente di Margaret, il suo spirito e il coraggio. Nonostante sia sola e giovane, coinvolta in un matrimonio arrangiato, non si lascia intimorire dal marito. Non si lascia abbattere dalle delusioni e dalla freddezza di Colin e comunque tenta di aiutarlo per guadagnare la sua stima e approvazione.
Per Lord Colin nel giorno delle nozze voto: ZERO. Da far cadere le braccia o meglio indossare una bella cintura di castità, ma per fortuna l’autrice ha fornito anche il suo punto di vista in questa storia, e in parte lo si può perdonare. Il dolore per la perdita della moglie, e soprattutto il suo senso di colpa per l’attrazione che prova verso Margaret, aiutano a comprendere le sue reazioni e comportamenti, anche se la donna che è in me ha esultato quando il caro Colin ha ricevuto in testa la sonora “mazzata”, nel vero senso della parola, che lo ha aiutato a rinsavire.
Mi è piaciuto il momento storico scelto per questa storia, durante le Crociate, e la decisione dell’autrice di far sentire tutto il peso di quella realtà nella vita di Colin e Margaret, grazie al quale possiamo leggere un racconto nel quale troviamo, non solo, l’amore di una coppia all’apice della sua passione e sensualità, ma possiamo vedere come i due devono affrontare momenti difficile ed estremi, quasi insostenibili per entrambi, ma che rendono i loro sentimenti ancora più intensi.
Bel libro, consigliato a chi ama questo genere.

Fiamme Sensualità hot

Recensione a cura di: Ayliss72

Editing a cura di:Tayla

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione Inedito: “Bound by Flames” di Jeaniene Frost (serie Night Prince #3)

Buongiorno Fenici! Oggi La Min ci parla di ...