Home / Recensione in Anteprima / Recensione in anteprima:”Chiamami con il mio nome” di Mariangela Camocardi

Recensione in anteprima:”Chiamami con il mio nome” di Mariangela Camocardi

 

 

 

 

Deryl Ashley, visconte di Brentwood, si reca a Dover ad accogliere Mabel, la sua promessa sposa, scoprendo che la nave su cui era imbarcata è colata a picco durante una violenta tempesta. Tra i pochi superstiti, fortunatamente, la sua fidanzata… o forse no? A bordo c’erano i baroni Montorsi, genitori di Mabel, e Melissa, la cameriera personale. Chiunque sia, la ragazza sopravvissuta ha perso la memoria a causa dello choc dovuto al naufragio e non ricorda nulla del passato, neppure la propria identità. Chi è dunque, Mabel Montorsi o Melissa Donati? Un interrogativo che non cesserà di opprimerla.
Un amore nascente, una domanda a cui trovare risposta e insidie imprevedibili ostacoleranno i piani del visconte, che si troverà combattuto tra l’onore e il sentimento.

 

Delizioso romanzo ambientato in quell’Inghilterra classica a cui ci siamo affezionati con Jane Austen con le sue ville di campagna e i suoi nobili dalle tradizioni inossidabili.

Il tema classico dello scambio di persona fa da padrone a una storia d’amore romantica e senza tempo.

Una giovane ereditiera proveniente dall’Italia, in viaggio su uno splendido veliero insieme ai genitori e a una cameriera con la quale è cresciuta, naufraga nel canale della Manica a causa di una tempesta. Sta andando incontro a Sir Deryl, suo promesso sposo. Ma chi incontrerà quest’ultimo nel momento in cui si troverà di fronte alla giovane donna sopravvissuta al naufragio?

Sarà Mabel Montorsi oppure Melissa la sua cameriera, che somiglia in maniera impressionante alla padrona?

Purtroppo la giovane non può rispondere perché ha perso la memoria… sarà necessario fidarsi e, considerando i modi affabili della ragazza e la sua innata grazia, Deryl permetterà a Mabel di conquistare il suo cuore e la sua stima in seno alla famiglia. Tutti le dimostreranno affetto, tranne la sorellastra di Deryl che cercherà di gettarle addosso discredito.

Grande ansia e dispiacere attanagliano il cuore della naufraga; si sente in colpa nei confronti del giovane promesso sposo perché ne è attratta ma vive con il dilemma di recuperare la memoria e perdere tutto in un colpo solo.

Proprio alla viglia delle nozze, un colpo di scena rivolterà la situazione contro la promessa sposa e tutto sarà perduto… oppure no?

I colpi di scena si susseguiranno, si formeranno nuove coppie e l’amore trionferà come nella migliore tradizione dei romanzi rosa storici.

L’inconfondibile penna della Camocardi ci regala una storia romantica e personaggi vivaci e di carattere impossibile da dimenticare.

Regalatelo e regalatevelo assolutamente!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Emanuela

Emanuela

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: La Memoria rende liberi di Liliana Segre e Enrico Mentana

“Un conto è guardare e un conto è ...