Da non perdere
Home / Recensioni MM / Recensione in Anteprima: “Seta” di K.C. Wells (serie A Material World #3)

Recensione in Anteprima: “Seta” di K.C. Wells (serie A Material World #3)

Buongiorno Fenici, oggi Kiki ci parla in Anteprima di “seta” di K.C. Well, terzo volume della serie “A Material World”

A Matt Dornig la sua vita piace così com’è. Fare l’escort gli fa guadagnare abbastanza soldi da poter vivere nella sua città preferita, New York, e lo fa da abbastanza tempo da conoscerne le regole: non darlo via quando ci sarà sempre qualcuno che pagherà per averlo; lasciarli sempre desiderosi di averne di più; mai, mai innamorarsi di un cliente. Lucas Sawyer sta per mettere in discussione tutte le regole di Matt. È un uomo bellissimo che non avrebbe bisogno di pagare per far sesso, eppure Matt sa di essere l’ultimo gigolò di una lunga serie. Lucas vive una vita che Matt può solo sognare, ma che non sembra renderlo felice: c’è qualcosa che non va sotto quell’aspetto composto e sicuro di sé. E Matt sa anche che il suo tempo con Lucas non durerà per sempre: gli escort hanno una certa data di scadenza quando si tratta di lui.

Quindi cosa accade quando l’uomo che non ‘vuole’ relazioni comincia a mettere in discussione la sua vita? Lucas sta per imbarcarsi in un viaggio alla scoperta di sé… E la vita di Matt sta per complicarsi.

Il libro di cui vi parlo oggi è Seta di KC Wells, terzo volume della serie A Material World pubblicata da Quixote Edizioni.

Care Fenici, il libro che ho appena letto è stato, sotto certi aspetti, deludente. I primi due volumi della trilogia scritta dalla Wells mi erano piaciuti tantissimo. Dolcemente piccanti e con una nota kinky molto frizzante, erano storie originali, dai protagonisti solidi e dalle trame divertenti.

Il concetto sottinteso dai titoli, legato al prezioso tessuto di cui si rivestivano i protagonisti, era parte integrante della narrazione. Il pizzo e il satin erano elementi imprescindibili dalle storie narrate.

Questa volta, invece, la seta di cui si parla potrebbe benissimo essere scordata dal lettore, senza nulla togliere alla narrazione. Sembra quasi che sia servita non da spunto, ma come forzatura. Peccato, perché la trama, di per sé, è povera e piena di cliché. Sugar Daddy, escort, colpo di fulmine, il ricco dai capelli grigi che si innamora del ragazzo bello e semplice ricordano troppo la trama di Pretty Woman in salsa male to male per essere interessanti. Una occasione persa, perché sul rapporto cliente/escort si poteva scrivere tanto senza essere ripetitivi.

Lucas e Matt sono i protagonisti di questa storia. Una volta tanto la copertina del libro rende loro giustizia assoluta. Cinquant’anni, capelli grigi, fisico imponente e bellissimo: Lucas Sawyer potrebbe avere il mondo ai suoi piedi ma, a causa di una rigidissima educazione e di una famiglia anaffettiva, non riesce a entrare in relazione con il suo prossimo. Sfoga quindi le sue voglie comprando il tempo e i servizi di giovani gigolò che si vendono su internet.

Cerca qualcosa? Il lettore non lo scopre, ma sicuramente il suo rigido mondo fa una capriola quando passa una notte con Matt.

Il secondo protagonista di questa storia ha ventisette anni, una famiglia amorevole alle spalle e un ristorante in cui lavora e di cui sa già prenderà presto le redini. Per arrotondare le sue entrate lavora anche come modello di intimo ed escort.

E qui mi sono chiesta: perché??? Va bene che la vita a New York è cara, ma tre lavori mi sembrano un po’ troppi, soprattutto quando a monte c’è un’impresa familiare comunque redditizia… Seconda stranezza di questo personaggio è il motivo per cui si prostituisce: non il bisogno, ma il fatto che gli piaccia farlo. Certo, guadagna benissimo a vendere il suo corpo. Ma direi che l’operazione di “indorare la pillola” questa volta è stata un po’ eccessiva. Mai un dubbio? Mai un ripensamento? Mai un cliente sgradevole? Mai una notte da dimenticare?

I due personaggi principali si incontrano grazie al mestiere più antico del mondo, ma appare subito evidente che il loro rapporto andrà oltre la mera relazione di domanda e offerta. Lucas è affascinato da questo ragazzo felice, emozione che lui non sembra aver mai provato.

I capitoli si susseguono caldi e piccanti, ma i rapporti sessuali sono lunghi ed estenuanti anche per il lettore abituato. La loro relazione evolve attraverso la crescita di Lucas, che è scontata e piena di cliché. L’uomo ha su Matt soprattutto un effetto rasserenante: riesce, anche solo per la differenza d’età e di esperienza, a dare al ragazzo quei consigli che gli servono a decidere cosa fare della sua vita.

Romanzo che credo piacerà a chi apprezza i protagonisti con grossa differenza d’età, che sono conosciuti, ormai, con il termine May-December Romance.

#1  Pizzo

#2  Satin

#3  Seta

 

 

Kiki

x

Check Also

Recensione: “Impronte d’amore” di M.J. O’Shea

Care Fenici, oggi Ipanema ci presenta “Impronte d’amore” di M.J. O’Shea Ad Austin ...