Home / Recensioni MM / Recensione in Anteprima: “Prime volte” di K.C. Wells

Recensione in Anteprima: “Prime volte” di K.C. Wells

Care Fenici, oggi Lucia ci parla in anteprima del nuovo libro di K.C. Wells, “Prime volte”

A Tommy Newsome è servito un po’ di tempo prima di rendersi conto di essere gay.

Crescere in una piccola cittadina della Georgia non lo ha preparato alla vita molto più libera da studente dell’università di Athens. Aggiungeteci gli insegnamenti della sua famiglia e della sua chiesa, e avrete un timido ragazzo che si sente un pesce fuor d’acqua. Tommy ha sempre lavorato nella fattoria del padre senza avere la possibilità di crearsi una vita sociale, sicuramente non come quella che i club di Atlanta hanno da offrire. E non si può dire che si senta a proprio agio quando ne ha un assaggio, visto che gli ammonimenti di Mamma risuonano ancora forti e chiari nella sua testa. Tutto questo cambia quando entra nel suo primo gay bar e posa gli occhi su Mike Scott. Quando non è al lavoro dietro il bancone del Woofs, Mike è impegnato come entertainer per adulti con il nome di Scott Masters. Vent’anni nel settore e il tempo che passa cominciano però a farsi sentire. Mike non ha mai avuto molta fortuna nel reparto relazioni ma, come sua madre ama ripetergli, se continui a pescare nello stesso stagno, è scontato che tirerai su sempre lo stesso tipo di pesci. Forse è proprio arrivata l’ora di un cambiamento.

Tommy le sorrise mentre lei versava dell’altro caffè. «Sì, certo. Sono contento, in un certo senso. Ultimamente sto pensando di dirlo ai miei.» Parlare dei suoi progetti a qualcun altro, in qualche modo, li rendeva più reali.

Bethany smise di riempire la tazza. «Davvero? Come pensi la prenderanno?»

Era una domanda che Tommy si era posto molte volte negli ultimi mesi. Durante il primo anno di università, non c’era stato neanche da chiederselo. Era troppo dannatamente spaventato. Ma adesso le cose erano diverse. Lui era diverso, specialmente da quando aveva posato gli occhi su Mike. Erano passati oltre due mesi da quella prima serata al Woofs, e diventava sempre più difficile ignorare le sensazioni che gli suscitava il muscoloso barista, con quei pettorali ampi e villosi, le braccia forti e possenti, e gli occhi così azzurri che Tommy aveva voglia di annegarci dentro. Il solo pensare a lui, gli scatenò un brivido lungo la schiena e un formicolio nelle palle. Con uno sforzo supremo, respinse quelle immagini deliziose e si concentrò sull’argomento presente.”

Cosa ho adorato di questo libro? Il lento, tenero evolversi del rapporto fra i protagonisti, cominciato con timidi sguardi da parte di Tommy, verso un uomo maturo e molto affascinante. Un ragazzo giovane deciso ad esplorare la sua sessualità, dopo aver preso coscienza di essere indiscutibilmente gay, e ammetterlo non è stato certo facile data la sua educazione.

Provenire da una famiglia estremamente religiosa e da un piccolo paese, in cui tutti si conoscono, non ha permesso a Tommy di pensare troppo ai suoi desideri fisici. Per anni i sermoni di sua madre e del pastore hanno risuonato nelle sue orecchie, descrivendo i gay come abomini agli occhi del Signore e solo dopo essersi trovato all’università, in un ambiente dalla mentalità meno ristretta, il giovane ha potuto prendere coscienza di quanto questo atteggiamento sia sbagliato. L’amicizia di Ben, un ragazzo molto popolare che vive con grande libertà la sua bisessualità, lo ha aiutato molto, e ora Tommy comincia a muovere i primi passi in locali dove può incontrare altri giovani come lui, e se i primi approcci non sono stati dei migliori, l’essere entrato al Woofs, un bar gay, gli ha permesso di conoscere Mike e i suoi amici baristi. I tre affascinanti uomini hanno preso subito in simpatia quel timido ragazzo che arrossisce con grande facilità, che sera dopo sera si mette seduto davanti alla sua Coca alla ciliegia, continuando a lanciare occhiata ammirate al maturo barista senza avere mai il coraggio di intavolare una discussione.

Per Mike, del resto, è normale trovarsi al centro dell’attenzione e i suoi ammiratori sono molti perché è vero che nei fine settimana è solo un barista ma il suo lavoro principale è recitare in film porno gay. Da ben vent’anni è una star del genere, e quasi tutte le sue storie d’amore sono finite per quel motivo. Ora è un uomo che si tiene lontano dalle relazioni, per questo, per quanto si senta lusingato dall’interesse di Tommy e venga costantemente pungolato dai suoi amici affinché faccia la prima mossa col suo timido spasimante, continua ad esitare. Finché la notte di Capodanno, accorgendosi che in Tommy qualcosa non va perché il giovane sta soffrendo, le cose cambiano e dopo qualche tempo il seducente Mike si sentirà fare una proposta davvero impossibile da rifiutare. Ma l’aver taciuto del suo vero lavoro non gioverà al loro rapporto.

Ci sono tante prime volte in questo libro davvero bello, la prima volta in cui Tommy si rende conto di voler essere se stesso e di non volersi più nascondere, e non importa se per questo avrà una delle più grosse delusioni della sua vita, e il dolore di sapere che i suoi genitori non saranno in grado di amarlo abbastanza da comprendere la sua sessualità. La prima volta di un ragazzo inesperto che viene raccontata in maniera dolcissima e piena di tenerezza dall’autrice che ci regala momenti davvero intensi ed emozionanti. Ma c’è anche la presa di coscienza di un uomo di quarant’anni che si rende conto di essere davvero innamorato, per la prima volta in vita sua, e che per questo dovrà prendere decisioni importanti.

È divertente vedere come Tommy reagisca di fronte a certe situazioni che lo sconvolgono. Ha una grande voglia di sperimentare, non riuscendo però del tutto a tacitare gli ammonimenti della madre che gli risuonano nella mente, ed è sicuramente interessante e insolito trovarsi sul set di un film porno e scoprire quanta poca sensualità ed erotismo vi sia. In questo l’autrice è stata davvero brava, riuscendo a far trasparire proprio le diverse sensazioni, la dolcezza e il piacere delle scene di sesso con Tommy, e la freddezza e la programmazione di quelle che Mike ha nel suo lavoro. Vediamo così che un attimo prima di buttarsi in folli amplessi, simulando una passione inesistente, gli attori parlano di sport, oppure scopriamo che alcuni di essi, pur recitando in film gay, e riscuotendo compensi molto elevati, sono assolutamente etero e si devono eccitare guardando dei video, ma anche che esiste qualcosa di così pericoloso come i film bareback (sesso senza protezione) che rendono molto di più ma che Mike odia perché mettono in pericolo la salute degli attori.

Sono due personaggi diversissimi quelli che l’autrice ha unito, un uomo smaliziato che ha fatto del sesso il suo lavoro e un ragazzo vergine che ha principi morali molto profondi e che mal riesce a separare il sesso dall’amore. Eppure la chimica fra di loro è straordinaria, e l’unica pecca nel loro rapporto e la menzogna che Mike porterà avanti per lungo tempo, ma nonostante questo, si finisce per perdonarlo, capendo in parte i suoi timori. Ho amato molto la loro storia, l’ho trovata dolce e divertente e le scene di sesso sono davvero ben scritte, così come belli sono i personaggi secondari, davvero interessanti, che rendono ancora più piacevole la lettura, aiutata come sempre dall’impeccabile traduzione fatta dalla Triskell.

 

 

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Recensione: STIRPE DI JORDAN L. HAWK

Tra il padre tiranno e il fratello dissoluto, ...