Home / Recensione in Anteprima / Recensione in Anteprima: “Paper Kingdom” di Erin Watt (serie Royals #5)

Recensione in Anteprima: “Paper Kingdom” di Erin Watt (serie Royals #5)

Care Fenici, oggi Mumù in anteprima ci parla di  “Paper Kingdom” di Erin Watt

Dopo la terribile tragedia che si è abbattuta sui Royal, niente è come prima.
L’atmosfera in famiglia è più tesa che mai, e Easton, devastato dal senso di colpa per quanto è accaduto, si sente messo in un angolo. Suo fratello Reed ed Ella, sorella adottiva nonché sua migliore amica, sono ogni giorno più complici e innamorati. Gideon è a chilometri di distanza da casa, e i gemelli sono inseparabili persino nella drammatica situazione attuale. La leggenda dei fratelli Royal, belli e invincibili, sembra ormai un lontano ricordo. La forza dei Royal, infatti, esiste soltanto quando restano uniti, divisi sono dannatamente vulnerabili. Come Easton in questo momento. Facile preda delle brutte vecchie abitudini, si trova ad affrontare da solo lo shock più grande della sua vita: rischia di perdere parte della sua famiglia, e persino Hartley. La prima vera amica, dopo Ella. Un’amica che Easton voleva fosse qualcosa di più. Perché lei l’ha fatto ridere. Gli ha fatto credere in un futuro al di là dell’alcol, delle feste e del sesso.
Gli ha fatto desiderare di essere una persona migliore. Ora però la sua luce si è spenta, e lui non è disposto a perderla. Non può perderla. E non lo permetterà. Il più impertinente dei Royal dovrà quindi crescere in fretta e assumersi le proprie responsabilità: per la sua famiglia, per il suo futuro – e per l’amore della sua vita.

Sarò sincera. Aspettavo questo libro come le mie bimbe aspettano l’arrivo di Babbo Natale!

Ma potete darmi torto? Siate sincere, quante di voi riescono a resistere al fascino dei Royal? Da Callum, il capostipite, ai due gemelli Sebastian e Sawyer, un’unica persona divisa in due corpi, di certo ce n’è per tutti i gusti! Questo nuovo, entusiasmante, libro comincia lì dove si era concluso Paper Crown, ovverosia subito dopo l’incidente automobilistico che vede coinvolti da un lato i gemelli Royal e Laureen, la ragazza che condividono, e dall’altro Hartley, la giovane che è riuscita a fare battere il cuore di Easton.

Ricordiamo che i volumi della serie non sono autoconclusivi, ma concatenati fra loro. Nel primo la protagonista era Ella, spogliarellista per necessità, che scoprirà essere l’unica figlia di Steve, migliore amico di Callum e padrino dei cinque fratelli. La storia di Ella ci catapulterà nella vita di questa famiglia milionaria, la cui vera forza non risiede nel denaro, ma nell’unione fra i membri che la compongono.

Ma torniamo a noi. Quali saranno le conseguenze dell’incidente? È questa la domanda che ci perseguita dalla conclusione di Paper Heir. Hartley in seguito ad un’amnesia dovrà fare i conti con una nuova realtà piena di dubbi e incertezze, la sua mente ha cancellato i ricordi degli ultimi anni e non sarà affatto facile per lei mettere al posto giusto le varie tessere del puzzle. Quelli che si presentano all’ospedale come suoi amici, lo saranno veramente?  E al suo ritorno a casa dopo le dimissioni dall’ospedale riuscirà a farla riconciliare con la sua famiglia?

È questa, quindi, la realtà cui dovrà confrontarsi da ora in poi. I primi giorni saranno veramente duri per lei, dal momento che, almeno all’inizio, non può contare sull’appoggio di Easton, impegnato a fare ‘l’uomo di casa’. Ebbene si, con Gideon e Reed al college, e Callum in viaggio d’affari, in fondo i milioni non si fanno da soli, tocca proprio al povero Easton badare al resto della famiglia. Di certo i gemelli non gli rendono la vita facile, e come sempre, non riuscendo gestire la pressione delle responsabilità e le emozioni più profonde, preferisce risolvere tutto con il metodo che ritiene infallibile, scolarsi litri di alcool. I giorni in cui i gemelli si trovano in ospedale non sono affatto semplici, e poco importa che l’intera ala del Bayview General in cui si trovano sia pagata dai Royals.  È in questo frangente che vengono fuori tutta una serie di emozioni negative di Easton: paura del fallimento, paura di perdere il fratello, paura che non riuscirà ad aiutare Hartley.

Muoio dentro mentre cerco di non perdere il sorriso perché ho paura che se permetto all’oscurità gelida di uscire dalla scatola in cui sto tentando di confinaria, finirò per fare esattamente ciò che ha fatto mia madre.

Questa volta, però, Callum deciderà di imporsi come genitore e userà metodi veramente drastici. Tuttavia non sarà il bastone a mettere un po’ di sale in zucca a questo ragazzo, ma Hartley, deliziosa carota, che avrà bisogno del suo aiuto per risolvere i propri problemi. E come ogni cavaliere che si rispetti Easton riuscirà a tirarla fuori dai guai familiari.

 Lui è il mio sole, il mio calore, la mia stella polare. Il mio oriente. Io sono la sua anima, la sua ragione di vita, il suo amore. Il suo cuore.

Ho veramente apprezzato il modo in cui si sviluppa questa parte della storia; come nel precedente, l’autrice non si limita alla solita storia sole-cuore-amore, ma ci fa il dono di un racconto fluido, dalle mille sfaccettature, che penetra l’intimo più profondo dei vari personaggi non sempre evidente in questo genere di romanzi.

Se proprio vogliamo trovare un difetto a questo libro, posso dire che avrei preferito che si spendesse qualche parola in più sui gemelli, ma molto probabilmente, o almeno lo spero vivamente, l’autrice ci regalerà un nuovo volume dedicato ad entrambi.

Ho amato molto il finale, e sono sicura che anche voi lo troverete delizioso.

Per me è stato un piacere e un onore poter leggere in anteprima per voi questo libro.

 

Romanticamente Fantasy

Romanticamente Fantasy
x

Check Also

Recensione: Connessione persa (Urban love #1) di AE Ryecart

  Innamorarsi è stato facile, farlo funzionare è ...