Da non perdere
Home / Recensioni MM / Recensione in Anteprima: “Le frecce e i dardi dell’amorosa fortuna” di Ari McKay (serie Avvocati Innamorati #2)

Recensione in Anteprima: “Le frecce e i dardi dell’amorosa fortuna” di Ari McKay (serie Avvocati Innamorati #2)

Care Fenici, oggi Kiki ci parla in Anteprima di “Le frecce e i dardi dell’amorosa fortuna” di Ari McKay (serie Avvocati Innamorati #2)

Gli avvocati di successo Dane Coulter e Cal Monroe sono rivali in tribunale e amici nella vita privata. Ma potrebbero essere qualcosa di più?
Cal ha da sempre una cotta per Dane, che però non è dichiarato e fatica persino ad ammettere di essere gay. Suo padre, un omofobo violento che controlla la famiglia con il pugno di ferro, obbliga Dane a fidanzarsi con una donna. Lui acconsente per mantenere la quiete e proteggere la madre, ma per Cal è la goccia che fa traboccare il vaso.
Non può permettere che l’amico faccia un errore che potrebbe rovinargli la vita, e solo lui conosce un modo infallibile per fargli ammettere cosa si cela nel suo cuore. Ma confessare i propri sentimenti gli si potrebbe ritorcere contro, incrinando in modo irreparabile il loro rapporto. Toccherà comunque a Dane scegliere se vivere la vita che vuole suo padre oppure rinunciare a tutto quello che ha per essere felice tra le braccia di Cal.

Il libro di cui vi parlo oggi è Le frecce e i dardi dell’amorosa fortuna di Ari McKay, secondo volume della serie Avvocati innamorati, pubblicata in Italia da Dreamspinner Press.

Care Fenici, eccoci al secondo volume di questa serie di piccole novelle a sfondo legale ambientate nello studio newyorkese Caldwell e Monroe. Nel primo capitolo avevamo letto la storia degli avvocati Erik e Kevin, questa volta tocca niente meno che a uno dei fondatori, Cal Monroe, che dovrà combattere contro un nemico crudele per conquistare il cuore dell’uomo di cui è innamorato, l’avvocato Dane Coulter.

Come per il precedente volume anche questa volta mi sono trovata di fronte a un testo molto corto, circa 80 pagine, ma sviluppato benissimo. Ho delle perplessità per alcune scelte delle autrici (Ari McKay è lo pseudonimo dietro cui scrivono da oltre un decennio Arionrhod e McKay) ma il romanzo scorre velocissimo sotto gli occhi di chi lo legge.

È uno scontro tra due colossi dell’avvocatura, quello di cui ci narrano le McKay: Cal Monroe ha suo studio legale nello stesso palazzo che ospita la Coulter&Coulter, studio antico e prestigioso guidato con pugno di ferro dall’iracondo Randolph Coulter. Incapace di trattenere la sua omofobia, Randolph insulta Cal in pubblico, e per questo perde clienti e credibilità. Il vecchio avvocato è un uomo spietato, nel lavoro e in famiglia, dove pretende che tutto vada esattamente come vuole lui. Nulla deve essere fuori posto, e a farne le spese sono la moglie e i figli. Quello che soffre più di tutti è il figlio trentenne Dane: avvocato come il padre, lavora assieme a lui e ne viene costantemente bullizzato. Non ha mai voluto rivelare la propria omosessualità alla famiglia a causa del padre dichiaratamente omofobo, e ora si vede costretto a sposare una donna che non ama, in un matrimonio completamente organizzato dal genitore.

Cal da tanto tempo è innamorato di Dane, ma non ha mai avuto il coraggio di dichiararsi, per paura di essere respinto da un ragazzo che deve ancora fare chiarezza dentro di sé. Non vuole affrettare un coming out che sarà doloroso e spiazzante, e attende al suo fianco regalandogli solo l’amicizia di cui ha tanto bisogno. Anche Dane prova dei sentimenti per lui, ma saprà ribellarsi al padre ed evitare di finire incastrato in una vita che non desidera? Saprà combattere per il suo amore?

In poche pagine le autrici riescono davvero a scrivere una storia completa, dall’inizio alla fine, non cadendo nell’errore di affrettare la narrazione.

I personaggi sono tutti ben caratterizzati e funzionali alla storia che si vuole raccontare. Cal è un principe senza macchia e senza paura che indossa anche il kilt, quindi non può non piacere. È un uomo che sa ciò che vuole e decide di combattere per ottenerlo. Per farlo dovrà sconfiggere Randolph, che altri non è se non il drago sputa fuoco che governa la città. L’unica perplessità che ho avuto durante la lettura è sulla figura di Dane, a cui, suo malgrado, non restava altro che il ruolo della principessa, che mal gli si addice. È un po’ “macchietta”, tanto per intenderci, bloccato nel ruolo di figlio maschio che non deve deludere il padre ma da cui teme di allontanarsi. Chi, al giorno d’oggi, accetterebbe un matrimonio imposto da un padre padrone, per di più nell’America dei diritti civili? Questa sua caratterizzazione, ai miei occhi, ha lasciato campo aperto allo scontro tra Cal e Randolph, vero cuore della storia. D’altra parte, nelle favole, ho sempre preferito la lotta con il drago al bacio con la principessa…

Consiglio questa breve novella proprio a tutti: anche se non ha la freschezza della precedente rimane una bella prova d’autore.

#1  L’impertinente aiutante di Babbo Natale

#2  Le frecce e i dardi dell’amorosa fortuna

 

 

 

 

Romanticamente Fantasy

Avatar
x

Check Also

Recensione in anteprima: “Guardia e Ladri – Serie Delitti e Disastri #2” di Rhys Ford

Buongiorno Fenici, oggi Lucia ci parla di “Guardia e Ladri – Serie ...