Da non perdere
Home / Senza categoria / Recensione in Anteprima: “Gioco di specchi” di Charlie Cochet (serie Thirds #7)

Recensione in Anteprima: “Gioco di specchi” di Charlie Cochet (serie Thirds #7)

Buongiorno Fenici, iniziamo la settimana con la recensione in anteprima di Gioco di specchi di Charlie Cochet

Cover realizzata da MariHel

La vita per Dexter J. Daley non è mai stata semplice, ma lui ha sempre trovato il modo per risollevarsi, e con un sorriso sul volto. Sottratto dalla sua casa e dalle braccia del suo ragazzo e partner nei THIRDS, Sloane Brodie, Dex si ritrova in una situazione misteriosa e letale, tanto quanto il teriano che lo interroga. Dex scopre finalmente che ciò a cui ha sempre creduto in segreto è vero: la morte dei suoi genitori non è stata un incidente.
Scoprire tutta la verità sull’omicidio di John e Gina Daley mette in moto una serie di eventi che cambierà per sempre le vite di Dex e Sloane. Mentre segreti sepolti emergono in superficie e vengono rivelate delle nuove verità, l’amore che Dex e Sloane provano l’uno per l’altro viene messo alla prova, e in gioco c’è più della loro relazione. Come se districarsi tra omicidi e agenzie governative non fosse abbastanza, a Dex sta succedendo qualcosa di inspiegabile, e nulla sarà mai più come prima.

Il primo colpo gli fece vedere le stelle. Nonostante i suoi modi sofisticati, Mr. Wolf era un teriano e un esperto nell’arte del causare dolore. Quello fu subito evidente. Riusciva anche a fare male senza mettere fuori combattimento. Dopotutto, se voleva tirar fuori delle informazioni dal suo prigioniero, era cruciale avere un metodo di comunicazione. La cosa più affascinante era come riuscisse a gonfiare di botte Dex mentre continuava a sembrare impeccabile. Anche con il sangue che gli macchiava la camicia bianca, sembrava elegante. Dex lo avrebbe lodato, se avesse potuto parlare. I colpi al viso, il sopracciglio e il labbro spaccati, le fitte di dolore, il sapore di sangue all’interno della bocca, oltre a quello che gli gocciolava dal naso, non erano neanche la cosa peggiore di tutte. Era l’intruglio bollente che doveva essere stato preparato con qualcosa ad alto tasso alcolico, perché bruciava come un figlio di puttana quando Wolf lo applicava su una delle sue ferite aperte. Gli bruciava la pelle e, quando il teriano glielo mise sul sopracciglio, Dex gridò. Gli occhi gli si riempirono di lacrime a causa della fitta, ma lui le ricacciò via velocemente e strinse i denti, resistendo al dolore. Gli batteva forte il cuore e sobbalzò sulla sedia, prendendo grosse boccate d’aria. Gesù, se bruciava. 

Ho atteso con ansia questo nuovo capitolo, dopo che il precedente si è concluso in modo così adrenalinico e con un grosso colpo di scena, e ancora una volta sono rimasta meravigliata di come quest’autrice riesca sempre a sorprendere ed emozionare. Non appena apriamo le pagine di “Gioco di specchi” veniamo catapultati in un’atmosfera cupa e piena di pericoli. Dex si trova alle prese con un nuovo personaggio, che nonostante l’odio che può in un primo tempo suscitare, non ho potuto fare a meno di trovare estremamente affascinante. Wolf è un lupo teriano, ex agente del TIN, ora disposto a vendersi al miglior offerente; chi lo paga vuole qualcosa che dovrebbe essere in possesso di Dex e, per ottenerla, non esita a ricorrere alla violenza. Eppure, andando avanti nella lettura, scopriremo che è un personaggio molto particolare, con un senso dell’onore tutto suo, spietato, ma in grado anche di rivelarsi un inaspettato alleato.

«Sto cercando di avvertirti. Considera la tua prossima mossa con molta attenzione, Dex. Quelli che mi hanno assunto non esiteranno a spedirti tre metri sottoterra, proprio come hanno fatto con tuo padre. In realtà era quello il piano. Perciò il completo. Mi era stato ordinato di seppellirti dopo aver recuperato le informazioni. Detto tra me e te, sono piuttosto contento del risultato.»

Sono i personaggi, infatti, più che l’azione, il cardine di questo settimo capitolo: scopriremo molte cose anche su Sonya Sparks, uno dei soggetti meglio tratteggiati della serie, una donna che ha mille segreti e altrettanti piani, che rivela solo quando lo ritiene necessario; in questo libro, in modo particolare, passerete dall’odiarla al trovarla stupefacente. Certo non esita di fronte a nulla pur di ottenere i suoi scopi, anche se questo significa mettere in pericolo i suoi alleati o tacere importanti rivelazioni. Scopriremo però che in fondo ha un cuore anche lei, e la vedremo anche, inaspettatamente, innamorata.

Ma è il delizioso e simpatico Dex che in questo libro ci riserva le sorprese più grandi: il suo carattere solare è offuscato dalla dura esperienza, e dopo aver appreso la verità sulla morte dei genitori, non solo deve gestire le sue emozioni riguardo a ciò che gli è accaduto, ma deve far fronte anche alla crisi di Sloane che si trova a dover combattere contro i ricordi dei suoi anni nel Centro di Ricerca della Prima Generazione. Il loro amore viene messo alla prova come non mai, le informazioni che Dex ha appreso da Wolf e quelle parziali che Shultzon è disposto a condividere, spingono Sloane ad aver bisogno di riflettere, venendo ancora una volta meno al giuramento di gestire insieme tutti i loro problemi.

«No. Ho sanguinato per te fin dal giorno in cui ci siamo conosciuti. Il mio cuore è stato fatto a pezzi e rimesso insieme più volte di quante riesca a contare. Nonostante quanto mi hai ferito, sono sempre qui, ad aspettare che torni da me, e tu invece rifai tutto da capo. Pensavo che questa volta sarebbe stato diverso. Eppure, al primo segno di guai, te la fili? Così?» «Dannazione, non me la sto filando. Puoi solo…» Sloane cercò di allungare un braccio verso di lui, ma Dex lo spinse via. «Te ne stai andando, cazzo! Se questo non è filarsela, allora cosa diavolo è?»

Dex si sente tradito dal compagno e prova una sofferenza immensa nello stargli lontano, ed oltre a questo, strane crisi simili all’epilessia lo colpiscono senza motivo apparente, mentre il suo dolore innesca uno straordinario comportamento nei compagni di lavoro Teriani che sentono l’insopprimibile desiderio di confortarlo. Persino Ash non può fare a meno di essere gentile con lui, e di prendersela con Sloane che lo fa soffrire, e credetemi, questa è una parte incredibilmente divertente. Nella vita di Dex tutto sta mutando velocemente, l’omicidio della madre si rivela collegato a molti altri che si sono succeduti negli anni, un complotto abilmente orchestrato che ha tenuta nascosta una strabiliante verità. E per la nostra coppia preferita, i cambiamenti che si susseguono saranno davvero notevoli in molti sensi.

È un libro che pone al centro di tutto Dex e la sua famiglia, i suoi genitori biologici che hanno tentato con tutte le loro forze di fare la cosa giusta, e il sergente Maddock, che per amore dei suoi figli ha desistito dal proseguire un’indagine che avrebbe potuto lasciarli nuovamente orfani, ma che non si è mai arreso e ancora dopo anni è alla ricerca della verità. Per Sloane è un momento di grande incertezza: dopo aver fatto lo sbaglio di dare troppa importanza ad una delle tante mezze verità di Shultzon, scopre una volta di più di essere sempre stato un soggetto speciale, e questo gli causa un grande rimorso nei confronti del compagno che sa di aver ferito profondamente, ma riuscirà a farsi perdonare in un modo dolcissimo. C’è meno azione, ma i sentimenti e le emozioni dei personaggi vengono minuziosamente raccontati, pervadendo ogni pagina: l’amore che Dex prova per Sloane è intenso come il dolore per la loro breve separazione, così come il desiderio di proteggerlo che ha, dà il via ad un cambiamento assolutamente imprevisto, che rivela ancora una volta la maestria della Cochet nel sorprendere il lettore. È un libro in cui tanti segreti vengono finalmente alla luce, e non vi nascondo che sono molto curiosa di vedere cosa accadrà quando i loro amici e la famiglia verranno messi al corrente di ciò che sta succedendo a Dex: sospetto che si apriranno scenari molto intriganti. Anche se è un libro meno corale, abbiamo però potuto assistere al riavvicinamento di Seb e Hudson che adesso devono trovare il modo di sistemare il loro rapporto, il pericolo per loro non è ancora finito, un nemico è stato individuato, ma altri sono nell’ombra per impedire che Teriani e Umani possano dimostrare al mondo che l’amore può unire in modi inimmaginabili.  Ancora una volta questa serie mi ha lasciato entusiasta, riuscendo a rinnovarsi ad ogni capitolo, sia introducendo nuovi e interessanti personaggi sia con trame che non concedono al lettore un solo attimo di noia, e lasciano intravedere sempre nuovi segreti da scoprire.

 

30

Kiki

x

Check Also

rule 34

Recensione Serie Tv: CRIMINAL MINDS 14X03 – “RULE 34.”

La terza nuova puntata di questa stagione di Criminal Minds, incomincia con ...