Da non perdere
Home / Recensioni MM / Recensione in Anteprima: “Briciola” di Stella Bright (serie Cardiffs Rugby #3)

Recensione in Anteprima: “Briciola” di Stella Bright (serie Cardiffs Rugby #3)

Buongiorno Fenici! Iniziamo l’anno nuovo con Lucia che ci parla di “Briciola” di Stella Bright (serie Cardiffs Rugby #3)

Siamo arrivati a Kian Hall, il n. 10 dei Cardiffs Rugby.
Il regista della squadra, colui che ha il compito di trasformare la meta o effettuare un drop con precisione, concentrazione, sicurezza quasi matematica. Un ruolo importante. L’amore che posto ha nella sua vita, lui che spesso ha fatto da Cupido, soprattutto per suo fratello Lawrence? Anche questa volta c’è di mezzo Thor, e siccome è un cane a lui non importa se gli umani che ama siano maschi o femmine, ci andrà di mezzo un uomo di cui si fida: il veterinario.
Sorpresa! Anche Kian Hall si scopre ben poco preoccupato se il proprio cuore finisce fra le mani del veterinario: un uomo, e non per essere curato… beh almeno non in senso medico.

Cavolo, Kian era il suo fratellino, e anche se aveva avuto l’intenzione di strozzarlo quando era neonato e urlava con prepotenza, l’aveva sempre tenuto d’occhio. Poiché Lawrence era più grande di soli due anni, sin da piccoli si erano sempre cacciati nei guai assieme: Kian era la mente e lui il braccio e, quando venivano colti in flagrante, Lawrence non si tirava mai indietro, anzi. Era il primo ad ammettere le proprie colpe e le proprie responsabilità in quanto fratello maggiore. Aveva sempre avuto uno spiccato istinto di protezione verso quello scricciolo del fratellino. Crescendo, i ruoli si erano invertiti e, specialmente negli ultimi anni, quello con più sale in zucca era stato proprio Kian. Con un moto d’affetto ricordò quanto il fratello avesse vegliato su di lui quando passava da una ragazza all’altra con una facilità impressionante; lo teneva d’occhio senza stressarlo, minimizzava prendendolo in giro, dicendogli che in fondo la vera puttana era lui che si concedeva senza riserve e restrizioni.

Che storia meravigliosamente dolce e divertente vi appresterete a leggere nelle pagine di questo libro, che mi ha davvero conquistato. Uno di quei libri che con leggerezza lancia messaggi profondi e pieni di buon senso, e ci presenta due uomini che sono riusciti a realizzare i propri sogni, riuscendo a fare il lavoro che hanno sempre desiderato. Kian, nonostante la sua corporatura minuta, quando era bambino, con la determinazione che lo contraddistingue, è arrivato a giocare in un squadra importante. Allenando il suo fisico e diventando un bravo giocatore di rugby, si è lasciato alle spalle il nome con cui lo chiamavano da bambino: Briciola. Un nome davvero difficile da abbinare a un ragazzone palestrato e tutto muscoli, di un metro e ottantacinque per novanta chili. Eppure qualcuno se lo ricorda, ed è in questo modo che dopo tanti anni in cui si sono persi di vista Kian e Chase si rincontrano. Chase, anzi, Ceasar Donovan è rimasto la stessa persona dolce e gentile di allora e, come tanti anni prima, quando raccoglieva ogni animale ferito e bisognoso di aiuto, continua a farlo grazie alla professione che si è scelto: il veterinario. Per una fortunata circostanza ha in cura Thor, il cane di Victoria, fidanzata del fratello di Kian, Lawrence. Non erano particolarmente amici al tempo, ma rivedersi li rende felici e, nonostante Chase non faccia nessun tentativo di nascondere che è gay, i due decidono di rivedersi.

Sono pochissimi i personaggi che ho amato come Kian, un ragazzo solare, sicuro di se stesso e del suo valore. Nella sua vita ha avuto molte ragazze, ma pensa di non essere in grado di amare profondamente, perché nessuna di loro è mai riuscita a fargli provare dei sentimenti duraturi. Da qualche tempo, preferisce frequentare le donne come amiche, lasciando da parte gli incontri di sesso fine a se stesso, che non lo soddisfano più. Quando Chase gli comunica di essere gay, non ha nessun pregiudizio, anzi, frequentandolo non può fare a meno di fargli domande anche imbarazzanti, non per curiosità, ma perché desideroso di capire e conoscerlo meglio. Ma quello che lo rende davvero unico è scoprire che Chase gli piace, ed essere baciato da un uomo per la prima volta non lo terrorizza, fa solo in modo che analizzi le sue emozioni. Scopre, così, in se stesso la volontà di continuare a frequentare una persona che lo fa stare bene, che lo rende felice, e che per la prima volta gli ha toccato il cuore, a prescindere dal suo sesso.

È bellissimo per una volta trovarsi di fronte a un personaggio che accetta l’amore come un dono prezioso, senza farsi troppe paranoie perché si è innamorato di un uomo, sentendosi assolutamente normale, lo stesso ragazzo che è sempre stato. Non che il loro rapporto sia del tutto privo di problemi, ma sono quelli che ognuno di noi può incontrare in una relazione: la gelosia per un ex, la paura di perdere la persona che si è scoperto di amare. Quanto sarebbe meravigliosa la vita se tutti i ragazzi potessero avere la stessa stima di se stessi, essere sicuri del loro valore e dell’amore delle persone che gli stanno accanto, poter amare chiunque senza paura di non essere capiti? Ed è infatti stranamente Chase il personaggio che a volte si pone qualche domanda, timoroso che amarlo possa mettere nei guai Kian, proprio lui che non si nasconde e ha sempre affrontato le sue preferenze sessuali con tranquillità e pronto ad affrontare le difficoltà e difendere le proprie idee.

È una storia romantica, dolce e divertente, scritta benissimo e piena di deliziosi personaggi che abbiamo imparato ad amare nei libri precedenti e che continuiamo a seguire con gioia. Ma ci sono anche, un piccolo e tenero anatroccolo, una cavalla che adora i complimenti, un cane che si presta volentieri come aiutante di cupido e, in più, un fratello maggiore che tutti vorremmo avere.  Forse troppo ottimista? Può darsi. Ma fa tanto bene al cuore godersi un libro in cui l’amore è più importante del genere e dei pregiudizi, e in cui le persone che ti amano sono pronte a sostenerti nelle tue scelte volendo solo che tu sia felice.

L’ottimismo matematico dovrebbe essere una materia obbligatoria da studiare in ogni scuola.

#1  Perché proprio a me

#2  Il tuo cuore blindato

#3  Briciola

ù

 

 

Kiki

x

Check Also

Recensione: “Fino a toccare il fondo” di Teodora Kostova

Care Fenici, oggi Lucia ci parla del nuovo libro di Teodora Kostova, “Fino ...