Da non perdere
Home / Recensioni MM / Recensione in Anteprima: “Aprire gli occhi” di Kora Knight (serie Upending Tad #5)

Recensione in Anteprima: “Aprire gli occhi” di Kora Knight (serie Upending Tad #5)

Care Fenici, Kiki oggi ci parla in Anteprima di “Aprire gli occhi” di Kora Knight (serie Upending Tad #5)

È venerdì sera, e Tad si ritrova a fare più o meno quello che si era aspettato: festeggiare con gli amici il compleanno di Breck in un night club.
Niente di stravagante, niente di inusuale.
Fino a che Scott e il suo gruppo di amici non si fa vedere al locale. Buffo che l’unica persona che Tad preferisce su tutti sia l’ultima che vorrebbe vedere. Ma ora che ha individuato il ragazzo dall’altra parte del locale, sembra non essere in grado di levargli gli occhi di dosso. Il che finisce per essere una pessima cosa. Sembra che Scott in pubblico, con altri uomini attraenti intorno, sia una questione molto diversa da quella a cui lui è abituato.
Mentre alcuni eventi disturbanti si susseguono, Tad se ne va prima di perdere la testa e, nonostante ciò, non riesce a ottenere l’attimo di respiro di cui ha bisogno. La situazione si evolve di male in peggio e la serata si conclude in un modo che non avrebbe mai immaginato.
Ma quando le cose tra lui e Scott arrivano a toccare il fondo, l’unica direzione rimasta deve essere quella di risalire verso l’alto. Se solo la vita di Tad seguisse quella regola. Purtroppo, la strada che ha percorso ultimamente non è stata così semplice.
Dopo una serie di questioni finalmente svelate, riuscirà Tad a trovare la forza per fare pace con il passato di Scott, così che possano indirizzarsi verso il futuro?

Il libro di cui vi parlo oggi è Aprire gli occhi, quinto volume della serie Upending Tad scritta da Kora Knight e pubblicata da Quixote Edizioni.

Care Fenici, una serie che per me era partita in sordina si è invece rivelata una chicca assoluta per gli amanti del kinky e del BDSM. Cinque novelle lunghe un centinaio di pagine l’una, ad altissimo tasso erotico, ma anche vere e profonde: Kora Knight è riuscita a stupirmi anche questa volta! Manca un solo capitolo alla fine della serie, e io, che ho appena finito questo, già non vedo l’ora di leggerlo!

Questo quinto volume è incredibile: dopo gli ottovolanti erotici a cui i protagonisti ci hanno abituati, questa volta i nodi della loro relazione vengono al pettine. E lo fanno in modo molto doloroso. Il lettore accorto sa che Tad e Scott stavano entrambi portando la loro relazione su un piano più alto, elevandola dall’aspetto solo carnale con cui era iniziata. Ma Tad non è pronto a venire allo scoperto, a confessare la sua attrazione per un uomo: si è sempre creduto eterosessuale, e fare coming out è quasi impensabile, per lui. Un po’ lo capisco, poveretto… La relazione con Scott è partita così velocemente che è comprensibile avere incertezze e ripensamenti.

Ma Scott non accetta questa sua insicurezza, perché vuole tutto, di Tad. Vuole poter dire che è il suo uomo, vuole poter uscire per locali con lui, baciarlo sotto gli occhi di tutti. Non può far altro che interrompere la loro relazione, quindi, quando capisce che lui e l’amante stanno andando in due direzioni opposte. Questa prima parte della novella è decisamente dolorosa e triste, e il lettore si trova assolutamente coinvolto da queste due emozioni che pervadono i protagonisti, perché tutto quello che era stato costruito crolla miseramente. Ma i lettori devono stare tranquilli: il lieto fine è dietro l’angolo, ci vuole solo un po’ perché Tad capisca e accetti un lato di sé che non aveva mai voluto vedere. Tad deve letteralmente aprire gli occhi: per vedere sé stesso, per vedere Scott, per vedere un futuro assieme e non limitarsi a guardare.

Questa novella parla molto di accettazione, e rispetto alle altre è quella più intimistica. Certo, il sesso c’è ed è parecchio, ma le parti importanti sono quelle in cui Tad e Scott capiscono di volersi veramente, e di non poter stare l’uno senza l’altro.

All’inizio della serie credevo che la divisione in sei novelle avrebbe penalizzato la lettura. Ora, giunti ormai quasi alla fine, mi sento di dire la Knight ci sta dando, un pezzettino alla volta, nuove e fondamentali informazioni sui protagonisti, che forse, in un libro unico, sarebbero state troppe. Esse ci permettono, adesso, di vedere a pieno Tad e Scott, il loro percorso, la complessità dei loro caratteri e della loro inusuale relazione.

Nota di merito per l’autrice che ha reso Aprire gli occhi più corale dei volumi precedenti, arricchendo la narrazione con personaggi conosciuti, ma fondamentali.

In attesa di scoprire se Quixote Edizioni tradurrà anche la serie spin off dedicata a Max, godetevi questo penultimo volume del viaggio alla scoperta di Tad: sono sicura vi piacerà tantissimo!

 

#1  Chi perde vince tutto

#2  Test di resistenza

#3  Sottomissione collaterale

#4  Un bene prezioso

#5  Aprire gli occhi

 

 

 

Kiki

x

Check Also

Recensione: “Soprattutto Viole” di Mauro Biagini

Care Fenici, oggi Ipanema ci parla di “Soprattutto Viole” di Mauro Biagini Leo ...