Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Recensione: “Il risveglio di Fahryon – Il suono sacro di Arjiam ” di Daniela Lojarro

Recensione: “Il risveglio di Fahryon – Il suono sacro di Arjiam ” di Daniela Lojarro

Trama

«Nulla è solo ciò che sembra»

Fahryon, neofita dell’Ordine dell’Uroburo, fugge dalla capitale del regno di Arjiam insieme ad Uszrany, cavaliere dell’Ordine del Grifo, per evitare di cadere nelle mani del potente nobile Primo Cavaliere del regno, il nobile Mazdraan, segretamente adepto della Malia, l’insidiosa magia legata al Silenzio e al Vuoto.
Tuttavia, durante la precipitosa fuga, il nobile Mazdraan cattura Uszrany; Fahryon, invece, è tratta in salvo da Vehltur, un misterioso Magh.
Mentre Uszrany, prigioniero del nobile Mazdraan, scopre sconcertanti segreti sulla storia del regno e impara a convivere con i fantasmi del suo passato, Fahryon, sotto la guida di Vehltur, inizia il cammino iniziatico che, prova dopo prova, la prepara al confronto con il suo avversario, il nobile Mazdraan.

Recensione

L’avventura di Fahryon e di Uszrany sta per giungere alla sua conclusione. Ma andiamo per gradi, quindi partiamo dall’inizio. Nel precedente romanzo avevamo lasciato Fahryon da un misterioso Magh, Vehltur e Uszrany nelle mani di Mazdraan, il primo Cavaliere. Quest’ultimopretende ancora il controllo sulla magia creatrice del mondo e si crede invincibile con la Malia che possiede. Fahryon dovrà iniziare un nuovo cammino per prepararsi al confronto con il nobile Primo Cavaliere. Uszrany, ormai, è completamente perso senza Fahryon e, quindi, anche lui dovrà lottare contro se stesso per uscire dal dolore causato dalla lontananza della sua amata.

«Da qualche tempo avverto come un sottile velo tra me e il Suono Sacro ma non saprei precisare quando questa sensazione sia effettivamente incominciata, perché solo qualche giorno fa un fatto me ne ha reso consapevole. Amahndyr piangeva disperatamente ed io ho pensato di calmarla con l’Armonia: l’unione con il Suono Sacro era perfetta come sempre. Il giorno seguente, invece, durante la contemplazione del rito del mattino, a un tratto ho notato che la mia comunione con il Suono Sacro era diversa, come se mi mancasse un gradino per raggiungere il pianerottolo.

Fra intrighi politici e lotte per il regno di Arjiam, vecchi e nuovi personaggi entreranno a popolare il vasto mondo creato dalla scrittrice. Un mondo di magia, in cui la musica fa da sfondo.

Gli occhi del drago la scrutarono, indagatori e implacabili poi, come delle fiere che avessero fiutato la pista di una preda, si gettarono su di lei. Fahryon, terrorizzata, scappò per sottrarsi ai fuochi seducenti
e sfolgoranti che volevano sondare la densa e profonda oscurità del
suo animo e che la inseguivano senza posa. Nell’istante stesso in cui
quegli occhi la ghermirono, Fahryon non riuscì più a distinguere il
mostro da sé e, come se per un attimo fuggevole fossero diventati
un essere solo, l’istinto violento dell’animale la pervase, facendo scorrere più velocemente il sangue nelle sue vene e accendendo in lei un intenso brivido di vitalità.

Fin dall’inizio sospettavo la presenza di queste epiche creature e, ora che le ho trovate anche in questo romanzo, sono molto contento. Ma non sono solo i draghi ad apparire, seppur poco, e a popolare questo romanzo. Una misteriosa aquila farà da “ponte” fra Fahryon e Uszrany.

«Dopo i doni che mi ha portato, andando e venendo da qui al mare o da qui alla capitale in un lasso di tempo assolutamente impossibile per una qualsiasi aquila, io credo che Klihjak sia dotato di magia, anche se non so spiegarmi perché lo sia solo in particolari occasioni», osservò Fahryon a voce bassa.

Il destino farà di nuovo il suo corso e permetterà a Fahryon e Uszrany di avvicinarsi.

Se mai ci sarà un domani, sarà perché tu lo hai reso possibile e se Lehjys o Thekmeyn dovessero opporsi alla mia decisione di fare della donna che ha ricomposto la Sintonia la mia compagna, non m’importerebbe assolutamente nulla: per te sono disposto a rinunciare anche al Dominio», la rassicurò.

Lo scontro finale si avvicina. Chi sarà a vincere? Fahryon o Mazadraan? E il tutto a quale prezzo?
L’autrice ha creato un fantasy degno di nota con personaggi reali. Mi mancheranno molto Fahryon e Uszrany.

Nulla è come sembra!

Fiamme-Sensualità-Lieve NUOVA

Asce-voto-1

Recensione a cura di:

Azrael

Editing a cura di:

Firma-Loveangel

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione in anteprima: Bacio Immortale di Aurora R. Corsini

DATA DI PUBBLICAZIONE: 22 Febbraio 2020 TITOLO: Bacio ...