Da non perdere
Home / Recensione libri / Recensione: “Il Duca sbagliato” di Erica Ridley (serie I Duchi di Guerra #7)

Recensione: “Il Duca sbagliato” di Erica Ridley (serie I Duchi di Guerra #7)

Care Fenici, oggi Lucia ci parla di “Il Duca sbagliato” di Erica Ridley (serie I Duchi di Guerra #7)

La signorina Katherine Ross è una ricca ed eccentrica esponente dell’alta società che sa esattamente cosa non vuole: un marito. Dei figli. Un tête-a-tête a lume di candela con l’algido e insopportabile duca di Ravenwood. È convinta che il cuore dell’uomo sia fatto di ghiaccio… fino a quando non tocca di persona il suo petto cesellato. Un singolo errore di giudizio è quanto basta per mettere sottosopra le vite di entrambi…

Il duca di Ravenwood non è freddo e sprezzante: in segreto, è un romantico che ha sempre sognato di sposarsi per amore. Invece, gli tocca la signorina Katherine Ross, un cocciuto maschiaccio deciso a fare a pezzi il suo mondo attentamente ordinato. Lui non sa se baciarla o sculacciarla. Riusciranno i due a sopravvivere alla reciproca compagnia abbastanza a lungo da trasformare un compromesso in amore?

Ravenwood stava stringendo la mascella al punto che temeva di polverizzarsi i denti. La sua ‘immagine di santo’ era tra le cose più preziose che aveva. Un conseguimento del quale aveva ogni diritto di essere orgoglioso. Nei suoi ventotto anni di vita, non aveva mai dato alla società una sola ragione per guardare al suo modo di fare e al suo portamento con qualcosa che non fosse assoluto rispetto. In meno di un quarto d’ora, era riuscito a macchiare due reputazioni. Tutto perché si era andato a nascondere in una stanza tranquilla per avere un po’ di sollievo da quella stessa folla.

Si voltò lentamente verso la signorina Ross, aspettandosi di trovarla prostrata per la mortificazione. O magari che sorrideva soddisfatta, se i pettegoli avevano ragione a sostenere che ogni donna desiderasse in segreto diventare duchessa. La signorina Ross non pareva felice del colpo di fortuna che le era capitato inaspettatamente. Sembrava sul punto di mettersi a piangere. Al diavolo. La spina dorsale di Ravenwood scattò nella sua abituale posizione autoritaria. Un improvviso fidanzamento era l’ultima cosa che entrambi avessero avuto in mente, ma diventare la nuova duchessa di Ravenwood non era certo la fine del mondo. Per una persona come la signorina Ross, si sarebbe trattato di un gigantesco passo in avanti.

Con Il Duca sbagliato siamo giunti alla fine di questa serie, che ha visto portarsi a compimento il destino di cinque uomini, legati da una grande amicizia. Quattro di loro si sono arruolati e sono andati in guerra, tornando feriti e con l’animo devastato. Uno è stato anche creduto morto per molto tempo. Solo Ravenwood non è potuto andare con loro, il suo titolo di Duca e la mancanza di un suo erede diretto gli hanno imposto di fare il suo dovere in parlamento e lasciare partire gli amici senza di lui. Si è sempre rammaricato di questo, e spesso ha pensato che se fosse stato presente, forse le cose sarebbero andate diversamente, ma nonostante questo ha sempre tentato di rendersi utile e aiutare i suoi compagni. Ha pensato anche di rinunciare alla sua libertà sposando la fidanzata dell’amico, creduto morto, impedendo che suo figlio fosse bollato come un bastardo.

Ravenwood è un uomo pieno di qualità, ma esternamente da l’idea di un uomo freddo e sin troppo controllato, anche se questo suo atteggiamento serve come difesa di un animo sensibile. La sua infanzia, infatti, è stata terribile. Alla morte degli amati genitori lo zio paterno è diventato il suo tutore, e non ha mai perso occasione per far sapere al ragazzino che in caso della sua dipartita, sarebbe diventato un Duca ben più meritevole di lui.

Ora che l’amata sorella è sposata, Ravenwood è ancora più solo, il suo titolo e il suo potere lo isolano, e nessuno sembra rendersi conto di quanto amore in realtà lui abbia da dare.

Quando la sorella Amelia chiede il suo aiuto, per patrocinare una delle tante opere caritatevoli di Daphne, moglie del suo amico Blackpool, Ravenwood si trova costretto a presenziare ad una festa data nel museo di Katherine Ross, una dama alquanto originale, che il giovane Duca tenta sempre di ignorare. Non può esimersi infatti dal trovarla bellissima, ma lei è una donna molto lontana dal suo modello di decoro e rispettabilità. Katherine, infatti, è solita dare scandalo grazie ai suoi amici, artisti che lei tenta di rappresentare e che frequenta con grande sconcerto del ton. Ogni volta che si incontrano non possono fare a meno di punzecchiarsi. Eppure basta che vengano trovati soli in un magazzino, dove Ravenwood si era rifugiato in cerca di un attimo di solitudine, perché siano costretti a sposarsi.

Se Ravenwood in un attimo vede sfumare il suo sogno più segreto, sposarsi per amore e ritrovare la famiglia della sua infanzia, Katherine pensa di aver perso la cosa a cui tiene di più, la sua libertà. Le nozze affrettate non portano a nessuno dei due la felicità, e la prima notte è da dimenticare. Tutto sembra cospirare contro di loro, ma ben presto, Katherine si accorge che quell’uomo che sembra compassato e gelido, ha solo bisogno di avere spazio per se stesso. Tempo per coltivare le sue passioni segrete e quel suo meraviglioso giardino, che tiene sempre chiuso e che pochi hanno visto. E mentre lei tenta di creargli attorno una bolla protettiva che gli permetta di togliersi per qualche tempo la maschera che porta, lui ogni giorno di più, si rende conto che quella donna così appassionata in tutto ciò che fa, si sta rivelando la Duchessa che ha sempre voluto al suo fianco.

Romantico, dolce è ben scritto “Il Duca Sbagliato” è un bel finale per una serie che è stata molto discontinua. Se all’apparenza i personaggi dell’autrice avevano tutti buone potenzialità, spesso le trame poco avvincenti non li hanno aiutati. Su otto libri solo due o tre mi sono rimasti impressi e questo si è rivelato uno di essi. Un matrimonio imposto e due personaggi che imparano a conoscersi, rivelandosi ben diversi da quello che appaiono esternamente. Un uomo che nasconde il suo bisogno di essere amato, tutto dedito a dare un’immagine di rispettabilità e decoro, per essere degno di quel titolo, che il suo tutore gli ha fatto credere di non meritare. E una ragazza che ha sempre pensato di non sposarsi, perché terrorizzata da paure legate all’infanzia e che non riesce a superare, riescono a ravvivare una trama letta più volte.

Molto carino e sicuramente uno dei migliori di questa serie, che conta un’ulteriore piccola novella che al momento non è ancora stata tradotta in italiano.

#1  Il Visconte irresistibile

#2  Il Conte proibito

#3  Il Capitano irraggiungibile

#4  Il Maggiore incantevole

#5  Il Generale innamorato

#6  Il Pirata ammaliatore

#7  Il Duca sbagliato

 

 

 

Kiki

x

Check Also

Recensione in Anteprima: “Solo il tuo profumo” di AI Cudil (Serie Six Senses #4)

Care Fenici, oggi Kiki ci parla in anteprima di “Solo il tuo profumo” ...