Home / BDSM / Recensione: “Guardami, toccami, stringimi” di Tiffany Reisz

Recensione: “Guardami, toccami, stringimi” di Tiffany Reisz

Trama

Prima di diventare la più famosa dominatrice di Manhattan, Nora Sutherlin era solo una ragazza di nome Eleanor: profondi occhi verdi, poco incline alle regole, grande appassionata di scrittura. A sedici anni Elle ha già dovuto fare i conti con una madre ossessionata dalla religione e con un padre ben poco interessato a lei. L’educazione cattolica a cui è stata introdotta l’ha allontanata dalla chiesa, tuttavia lo sguardo magnetico di padre Stearns, ovvero Søren, su di lei è come un’epifania. Nonostante sappia che non sia lecito amare un sacerdote, Eleanor è divorata dal desiderio. Quando però si ritrova nei guai e rischia di perdere tutto quello che ha, è Søren a intervenire per salvarla. Per ricambiare tanta generosità, la ragazza giura di ripagarlo con la propria totale obbedienza: davanti a lei si spalancano quindi le porte di un mondo del quale Søren decide di rivelarle tutti i più intimi e inconfessabili segreti…

Recensione

Premessa: IO ADORO MRS. REISZ, quindi spero di essere il più obiettiva possibile, se non ci riesco, perdonatemi.

The Saint (titolo originale) l’ho aspettato da quando ho finito “Il ritorno” e speravo proprio che venisse tradotto, quindi appena uscito è finito nelle mie manine, dovevo sapere come continuava la storia di Nora e Soren (scusatemi se non nomino molto King, ma per me loro sono perfetti così). Invece in questo libro ho trovato “solo” Nora, che è andata in Baviera per adempiere ad una richiesta particolare di sua madre, e Nico la segue da Marsiglia per farle compagnia. Sono in un villino isolato nella Foresta Nera, e parlando Nico le chiede di raccontargli qualcosa di suo padre per vedere se si possono avvicinare, Nora acconsente ma gli dice che per parlare di King non può escludere Lui, loro tre sono una cosa sola. Così Nora inizia a raccontare di quando era una ragazzina di sedici anni, che frequentava la scuola cattolica e che già allora non ci pensava due volte a dire quello che pensava, e le visite dal preside erano frequenti.

«Santa Teresa è semplicemente in preda a un orgasmo».
«Mi scusi?». Suor Margaret aveva un’aria scandalizzata. «Insomma, per favore. Ha la testa gettata all’indietro, gli occhi chiusi e la bocca aperta. E l’angelo le sta configgendo dentro la freccia e lei è in fiamme. Sul serio, giungeva fino alle viscere? Mi prenoto anch’io. Voglio essere una santa, se me ne viene un po’ di questa roba».

Nora all’epoca era ancora Elle o Eleonor, non aveva un bel rapporto con la chiesa in quanto sua madre ne era ossessionata, infatti da giovane voleva farsi suora ma rimase incinta e dovette crescere la bambina, il padre è un delinquente che ruba macchine e deve soldi a persone pericolose, e non ci pensa due volte a mettere nei guai la figlia. Un giorno il prete della parrocchia si ammala, e vista l’età si ritira, e viene sostituito da Padre Marcus Stearns (Soren). L’incontro fra i due è catartico, da entrambe le parti, Nora da quel giorno inizia a frequentare la chiesa solo per poter parlare con Soren, iniziano a conoscersi, lei fa domande super mega imbarazzanti e lui imperterrito risponde senza problemi.

Quell’uomo, l’uomo più bello che avesse mai visto, quell’uomo che era l’incarnazione di ogni sua brama, di ogni desiderio e ogni sogno segreto di mezzanotte… Quell’uomo era il nuovo prete?
«Oh, mio Dio…», sospirò, «Sei proprio un cretino. Lo sai, vero?», gli fece lei.
Lui alzò un sopracciglio. Elle infilò le mani in tasca e lo guardò. «Un cretino?».
Lui inforcò la moto e lei gli si mise davanti. «Hai idea di quello che hai tra le gambe?», gli domandò. «Lo so bene quello che ho tra le gambe». Pronunciò quelle parole senza neanche l’accenno di un sorriso. Lei strinse gli occhi e si fece più vicina, con la ruota anteriore tra le ginocchia.
«Allora saprai che questa è una Ducati. Una 907 IE», precisò Elle.

Si instaura un bel rapporto, ma sempre tenendo le distanze anche se Elle lo provoca in maniera folle, ma la sera che lei finirà nei guai sarà lui a salvarla dal riformatorio, lui ed un suo amico, ma tale salvezza avrà un prezzo che lei accetterà mettendo però le sue condizioni.

«Il mio prezzo è questo: in cambio del mio aiuto, ti chiedo solo di fare quello che io ti ordino da questo momento in poi». «Fare quello che mi ordini?» «Sì. Dovrai ubbidirmi». «Da ora in poi?». Non riusciva a credere alle sue orecchie. «Tipo… per quanto tempo?» Søren la guardò ancora, «Per sempre». «Se ti concedo il per sempre», ribatté lei, sollevando il mento più in alto, «voglio qualcosa in cambio». «Mi sono già offerto di aiutarti in questo casino. Che altro vuoi?». Eleanor considerò le sue richieste. Lui sembrava aperto a suggerimenti: era un bene perché lei ce l’aveva, un suggerimento. «Tutto». «Tutto?», ripeté lui. «Come in…?» «Ogni. Cosa». Lo guardò di là dal tavolo, e stavolta era lei a non sbattere le palpebre. «Io ti do il per sempre, il minimo che puoi darmi tu è tutto».

Come possiamo vedere lei è innamorata persa di lui e lui cerca di mantenere le distanze, anche dopo questa richiesta lui non la toccherà fino ai vent’anni circa, nel frattempo le insegna a fare quello che le viene detto, studia, frequenta le scuole, ha una cotta per un altro e lì c’è un piccolissimo dubbio…
Lui si allontana ma alla fine i due poli continueranno ad attrarsi. Entrambi sono stati soli, abbandonati dalle persone che dovevano amarli per motivi diversi, Soren ha un passato ancora più pesante grazie a suo padre e un buon aiuto dalla sorellastra, ma nonostante tutto ha trovato la pace nella religione e con Nora e King, quindi loro sono due metà della stessa mela, e King è il di più che completa questa felicità. Non vedo l’ora di leggere gli altri libri per sapere come continua la storia di Soren, Nora e King spero di non dover aspettare troppo. Consigliato a chi ama il genere, e forse anche a chi finora non lo ha amato forse perché si fermava al fatto che Soren fosse un prete, qui tocchiamo tasti delicati e personali quindi ognuno deve trarre le proprie idee da solo.

«Ci sono tre eterne verità su di me che devi conoscere, Nico», esordì lei.
«Amo Søren. Appartengo a Søren. E tornerò da Søren».

Fiamme Sensualità super hot

Recensione a cura di:

Tayla

Editing a cura di:

Mytra

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione: “La lettera dell’amore perduto” di Debbie Rix

Italia, 1959. Rachael è una giovane vedova con una ...