Da non perdere
Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Recensione: “Graffi sulla pelle” di Doranna Conti

Recensione: “Graffi sulla pelle” di Doranna Conti

Trama viola

Dopo un incidente che le ha portato via tutto, Valery ha visto infrangersi i suoi sogni.
Tutto ciò che le resta è l’amore per la danza che le ha trasmesso sua madre e la sua sorellina, affidata dopo l’incidente ai genitori del suo patrigno e che vorrebbe riavere con sé.
Costretta a cavarsela con le sue sole forze, accetta di lavorare in un locale notturno, senza immaginare cosa la aspetta.
Lì incontra i fratelli Walker.
Tom, attraente e gentile, è il facoltoso proprietario. Le offre subito il suo appoggio e nonostante il distacco di lei, non perde occasione per corteggiarla.
Matt, invece, è il classico tipo da tenere alla larga. Bello, arrogante e presuntuoso come pochi, si impegna fin da subito per renderle le cose difficili. Ribalta la sua vita senza chiedere il permesso, prendendo tutto quello che vuole.
Eppure l’attrazione tra loro divampa inarrestabile, come fuoco nelle vene, sempre più forte e sempre più pericolosa.
Il piacere sovrasta ogni cosa, rendendola schiava delle emozioni.
Passione e odio, estasi e tormento: una girandola di sentimenti dove, alla fine, niente è come sembra.

Recensione viola

Devo ammettere che il titolo rende molto bene ciò che viene narrato nelle sue pagine. Valery è una ragazza che, nonostante la giovane età, deve riuscire a restare a galla. La sua vita procede con un unico obiettivo, quello di dimostrare che può farcela, che nonostante le difficoltà economiche, lei è in grado di vivere, anzi, di sopravvivere alla vita di ogni giorno e che può prendersi cura della sorellina data in affidamento ai nonni paterni dopo la tragica morte di entrambi i genitori. Vorrebbe vedere avverarsi i suoi sogni collegati in modo indissolubile alla madre. L’autrice riesce a descrivere Valery e soprattutto le sue emozioni contrastanti in maniera impeccabile tanto da avermi più volte emozionata, mi sono immedesimata in lei e ho sofferto con lei. Spesso accade che personaggi di questo genere possano stufare il lettore che si domanda perché non si tiri su le maniche, non si rialzi per far sì che le cose possano cambiare. In “graffi sulla pelle” questo non è avvenuto anche grazie a Helen e Dean, amici di Valery che sin dall’inizio le stanno accanto e l’aiutano quanto possono. Sì, i due riescono a creare situazioni divertenti che ammorbidiscono la storia. Poi arriva lui, Matt, che con quel suo modo a volte dolce e gentile e a volte talmente arrogante da prendere a schiaffi dona a Valery nuove emozioni, un nuovo obiettivo e soprattutto una vita da vivere nella sua interezza. Ciò che mi è piaciuto molto è proprio il loro rapporto che mi ha confusa, tenuta sulle spine e che mi ha incuriosita a tal punto da leggere il libro tutto d’un fiato. Vorrei potervi scrivere molto di più su questa storia, ma vi andrei a togliere la possibilità, ma soprattutto, il piacere di conoscere questi personaggi fantastici. Sono certa che se seguirete il mio consiglio non ve ne pentirete!

Fiamme-Sensualità-hot NUOVE

Violenza-Nulla

Recensione a cura di:

Bettybu

Editing a cura di:

Fiordiluna

Acquistabile qui

Recensione: “Graffi sulla pelle” di Doranna Conti
5 su 1 voti

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

Unable to load the Are You a Human PlayThru™. Please contact the site owner to report the problem.

x

Check Also

Recensione: “Solo noi nell’universo” di Elle Eloise (How To Disappear Completely vol. 4)

Guardare la vita con l’occhio della cinepresa è come trasformare la realtà ...

error: Contenuti di proprietà di RFS