Home / Recensioni libri cult / Recensione ” Il Gioiello di Atlantide” di Gena Showalter (serie Atlantis #2)

Recensione ” Il Gioiello di Atlantide” di Gena Showalter (serie Atlantis #2)

Grayson James, agente segreto in missione nel Regno di Atlantide, deve rintracciare il Gioiello di Dunamis, un potente talismano che garantisce a chiunque lo possiede immensi poteri e la vittoria su tutti i nemici. Per impedire che cada nelle mani sbagliate è autorizzato persino a distruggerlo. Ciò che non immagina è che si tratta di una donna, bellissima, appassionata e sensuale. E quando lo scopre, si rende conto che distruggerla è l’ultimo dei suoi desideri.

«Colui o colei che mi possiede in un dato momento porta davanti a me i suoi concittadini e i suoi nemici e mi ordina di indicare i traditori. La prima volta che mi sono rifiutata di farlo, ho dovuto assistere mentre un uomo veniva ucciso in modo atroce. Ho cercato di mentire, di proteggere la gente, ma non posso: la menzogna mi devasta per una ragione che non capisco e le parole si congelano nella mia gola. A volte ho dovuto ammettere cose che non volevo confessare.»

«Mi dispiace.» Gray allungò una mano verso di lei; avrebbe voluto trovare parole più forti e convincenti per esprimerle la propria solidarietà.

«Ho desiderato tante volte che punissero me, invece degli altri. Avrei potuto sopportarlo, ma nessuno voleva fare del male a colei che conosceva le risposte desiderate.»

Ancora una volta ci ritroviamo nella mitica Atlantide creata da Gena Showalter. Aver fermato gli uomini che si erano introdotti attraverso il portale in “Il Guardiano di Atlantide”, purtroppo non è bastato. L’uomo a capo dell’operazione si è lasciato dietro una traccia molto pericolosa. Un libro scritto nell’antichità, “Il Ra-Dracus”, che racconta la creazione di Atlantide e le origini di ogni razza, di cui vengono svelate sia le caratteristiche che i punti deboli. Non solo, il libro accenna anche all’esistenza del mitico Gioiello di Dunamis.

Una gemma così preziosa e potente da poter essere usata per predire il futuro, indicare chi mente e chi dice la verità. Chi lo possiede può distruggere qualsiasi nemico e sconfiggere qualsiasi esercito”

 Ora il libro si trova in mano all’OBI, Otherworld Bureau of Investigation, specializzato in missioni su altri mondi, che ha mandato uno dei suoi migliori agenti a recuperare il gioiello o, in caso ciò sia impossibile, a distruggerlo.

Grayson James, l’agente incaricato, ha appena scoperto che la facile missione che i suoi capi gli hanno ventilato, è ben lontana dall’essere tale. Non appena giunto su Atlantide, infatti, è stato braccato da un Drago, un Vampiro e un demone; dopo due giorni è riuscito a liberarsi dei primi due, uccidendoli, ma il demone sta per raggiungerlo.

Grayson è a corto di idee e in un territorio che non conosce. Ma ecco che nella sua mente risuona la voce sensuale di una donna che, con precise indicazioni, riesce a salvarlo. La ragazza dice di non avere un nome proprio e che, se vuole, può chiamarla “Jewel”.

È disposta ad aiutarlo a trovare il mitico gioiello, a patto che lui la liberi dalla sua prigione. Intrigato da quella voce suadente, desideroso di vedere di persona la giovane e di ricompensarla per l’aiuto, Grayson accetta di farsi guidare fino a lei. Ed è così che si ritrova di fronte al palazzo di Marina, la Regina dei demoni, dove assiste a una strana cerimonia che vede come protagonista la giovane che è venuto a salvare. Riuscire a liberarla, anche se dopo un’aspra lotta, non è poi così difficile, anche perché Jewel si rivela piena di risorse. Ma da quel momento in poi, per i due giovani ci sarà solo una fuga infinita: sono infatti braccati da tutte le razze di Atlantide, che cercano di catturare la ragazza, mentre per Grayson, che è stato morso da un vampiro e ferito da un demone, iniziano straordinari cambiamenti.

Grayson nel suo lavoro ha visto tante cose strane e quando una voce misteriosa irrompe nella sua mente mettendolo in guardia sulle sabbie mobili che ha di fronte, in un primo momento crede di essere diventato matto; poi, quando la stessa voce gli salva la vita e lo porta finalmente fuori dalla foresta che stava tentando di attraversare, non può più aver dubbi. La curiosità e la gratitudine lo porteranno a tentare di salvare questa ragazza piena di spirito, che a tratti sembra così triste. E di motivi per essere triste, Jewel ne ha davvero tanti: fin da bambina le sue straordinarie qualità ne hanno fatto un’ambita preda. Figlia di una sirena e di un padre che non ha mai conosciuto, dopo la morte della madre per mano di umani che hanno valicato il portale, la sua vita non è stata altro che un passaggio da una prigionia a un’altra. Tanti sono infatti coloro che l’hanno chiamata schiava e ne hanno sfruttato le doti. Costretta a indicare i nemici del padrone di turno, incapace di mentire per non cadere in preda a dolori atroci, ha visto morire moltissime persone a causa dei segreti che ha svelato.

E ogni volta che ha tentato di fuggire o di rifiutarsi, i suoi carcerieri, ben consapevoli del suo buon cuore, hanno punito degli innocenti. Anche perché una profezia dice che se lei venisse uccisa morirebbero anche tutte le razze.

Tenuta sempre in lussuosissime prigioni, in solitudine, è riuscita ugualmente a mantenere il suo spirito e la gioia di vivere e questo grazie a Grayson, che lei ha visto nelle sue visioni fin da bambina, seguendone la crescita, guardandolo interagire con le tante ragazze che hanno fatto parte della sua vita, e desiderando con tutte le sue forze di poter essere al loro posto.

La loro attrazione è forte, ma un segreto custodito da Jewel potrebbe compromettere tutto; Marina è sempre sulle loro tracce con un nuovo alleato, il re dei vampiri, Layel, che abbiamo già conosciuto e che a ogni incontro si rivela sempre più un personaggio complesso e affascinante, e molto meno cattivo di quanto voglia far credere.

C’è molta azione in questo libro: incontriamo molte delle razze di Atlantide e facciamo la conoscenza dei Ninfi, affascinanti creature che saranno i protagonisti del prossimo capitolo della serie. L’atmosfera fra i due protagonisti è sempre carica di desiderio e sensualità; la scrittura è scorrevole e rende la lettura molto piacevole. Tutti i personaggi sono ben delineati, e per quanto riguarda il protagonista una piccola curiosità: se siete amanti dell’autrice, il personaggio di Grayson vi sembrerà stranamente familiare. Avrete come la sensazione di averlo già incontrato e, infatti, andando avanti nella lettura, troverete sempre più particolari che stuzzicheranno la vostra memoria, in particolare il nome di Jorlan, suo cognato, il marito della sorella Katie. Questo perché lei è la protagonista di “Il guerriero di pietra”, altro libro della Showalter, ed è anche il motivo per cui Grayson ha scoperto l’esistenza di altri mondi che usano la magia e ha lasciato la polizia per diventare un agente dell’OBI, unico fra i suoi fratelli a sapere che Jorlan viene da un altro mondo. E detto questo non posso che consigliarvi di farvi un giretto nelle foreste di Atlantide in compagnia delle sue straordinarie creature per passare qualche ora in completo relax. Ma un appunto lo devo fare: per gran parte del libro Grayson è ignaro della vera identità di Jewel, e così sarebbe stato anche il lettore; e allora perché una sinossi così spoilerosa?

recensione a cura di

Recensione ” Il Gioiello di Atlantide” di Gena Showalter (serie Atlantis #2)
Vota qui L\'articolo.

Grayson James, agente segreto in missione nel Regno di Atlantide, deve rintracciare il Gioiello di Dunamis, un potente talismano che garantisce a chiunque lo possiede immensi poteri e la vittoria su tutti i nemici. Per impedire che cada nelle mani sbagliate è autorizzato persino a distruggerlo. Ciò che non immagina è che si tratta di una donna, bellissima, appassionata e sensuale. E quando lo scopre, si rende conto che distruggerla è l'ultimo dei suoi desideri. «Colui o colei che mi possiede in un dato momento porta davanti a me i suoi concittadini e i suoi nemici e mi ordina di…

Score

Voto di Lucia63 3.5

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Kiki

x

Check Also

Recensore per un giorno: “IT” di Stephen King

Un viaggio illuminante lungo l’oscuro corridoio che dagli sconcertanti misteri dell’infanzia conduce ...

error: Contenuti di proprietà di RFS