Home / Recensione libri / Recensione: Game Over di Kira Shell serie Kiss me like you love me #2

Recensione: Game Over di Kira Shell serie Kiss me like you love me #2

Dopo essere sopravvissuta a stento all’attacco di Player 2511, Selene decide di tornare a Detroit con la madre per riprendere le redini della propria vita e tentare di dimenticare Neil, i suoi occhi dorati e il suo atteggiamento contraddittorio. Nonostante ormai si sia resa conto di provare sentimenti profondi per lui, la ragazza ha infatti compreso che Neil non è in grado di lasciarsi amare da nessuno, tanto meno da lei, e che la sua psiche è segnata da cicatrici indelebili che non gli permettono di vivere una vita normale. Tuttavia, quando lo rincontra dopo qualche tempo, Selene si accorge di non poter fare a meno di Neil e di voler provare a stargli accanto lo stesso, nonostante le difficoltà. Il ragazzo si trova così a dover lottare contro se stesso e i suoi mostri nel tentativo di ricambiare Selene, seppure a modo suo. Come se ciò non bastasse, Neil è costretto a stare all’erta, perché Player 2511 è ancora in agguato e determinato ad avere la sua vendetta. Nessuno è al sicuro e la paura è tanta, perché la posta in gioco è la vita stessa… Il secondo volume della serie di Selene e Neil.

“Sappi che ti proteggerò sempre, proprio come farebbe la conchiglia con la sua perla.”
Buongiorno, Fenici!
Siete pronte per scoprire con me qualche piccola anticipazione su questo secondo capitolo della serie Kiss Me Like You Love Me?
Si parte, allora…
Selene sopravvive per miracolo all’attacco di Player 2511 e decide di rientrare a Detroit con la madre, per riprendere in mano la sua vita.
Infatti, è ormai tristemente consapevole che con Neil non ci può essere alcun futuro: il passato del ragazzo l’ha talmente segnato, da fargli addirittura negare l’esistenza dell’amore. Ma una piccola parte di lei ancora ci crede, crede in lui e soprattutto nel loro legame.
In occasione del compleanno del padre Matt, i due si rivedono a Coney Island e Selene si rende definitivamente conto di non poter fare a meno di Neil, di voler provare a stargli accanto, nonostante lui sia un indiscusso incasinato.
Il ragazzo si trova, invece, a lottare contro di sé, combattuto tra il desiderio di averla egoisticamente accanto e la necessità di proteggerla dal suo passato e, soprattutto, da se stesso. Lei è la sua bimba, il suo oltre e merita il meglio.
Saremo, quindi, testimoni di attimi in cui Neil ci sorprenderà con una dolcezza singolare, ma incredibile e momenti (tanti) in cui i suoi fantasmi avranno la meglio e lo vedremo al suo peggio: disturbato, indisponente, perverso e inquieto. Il buio sembra volerlo inghiottire, la forza di lottare per affrontare ogni nuovo giorno viene meno e la tentazione di mollare è sempre più forte. La sua mente è sempre più incasinata, ma non ne fa parola con nessuno, perché è consapevole che, con il suo passato, nessuno potrà mai comprenderlo… soprattutto Selene, dalla quale non vuole alcuna pietà. L’istinto lo attrae verso la sua bimba, ma la paura di rovinare la sua vita lo fa scappare.
Con un tempismo agghiacciante, Player 2511 fa un’altra mossa e colpisce nuovamente… dopo Logan e Selene chi sarà la sua prossima vittima?
Kira Shell conferma ancora una volta la sua bravura, caratteristica che l’ha resa una delle autrici dark romance più amate del suo genere. E ora, con questo secondo volume, mi è finalmente chiaro il motivo che ha spinto la scrittrice a dichiarare che non si tratta di una storia d’amore, ma di una storia con varie forme d’amore.
La verità è in questo romanzo, come nella vita reale, l’amore è ovunque nelle sue diverse forme: quello “ingenuo” di Selene, che vuole salvare il suo incasinato, quello “assoluto” di Neil che, cosciente di non poter garantire una vita normale alla sua bimba, decide di allontanarsi per garantirle un finale da principessa, l’amore “malato”di Kimberly verso il piccolo Neil, quello incondizionato di mamma Judith verso la figlia o quello “redento” del padre Matt, l’amore fraterno tra Logan e Neile, quello platonico tra Logan e Selene…
Come ho già detto per il primo volume, la scrittura è scorrevole e il buon ritmo rende la lettura davvero facile e veloce.
Che dire? Aspetto con ansia i prossimi due volumi della serie!

 

ladykira

ladykira
Admin founder RFS

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: “Borrowing Blue – Serie: Made Marian #1” di Lucy Lennox

Blue: Quando il mio ex entra nel bar ...