Home / Recensione libri / Recensione: “Seduzione ed Estasi” di Sylvain Reynard (serie Gabriel’s Inferno #3)

Recensione: “Seduzione ed Estasi” di Sylvain Reynard (serie Gabriel’s Inferno #3)

Gabriel e Julia sono spiriti affini. Per lui, niente è più importante di quella giovane così timida e dolce, che già al primo sguardo ha rimarginato le ferite della sua anima, insegnandogli ad amare. Per Julia, il professor Emerson è il sole attorno al quale orbita la sua intera esistenza, la luce che ha dissipato le ombre del passato e che le ha mostrato la strada per iniziare una brillante carriera accademica ad Harvard. È stato quindi naturale unire i loro cuori nel sacro vincolo del matrimonio. E adesso è forte il desiderio di creare una famiglia, mettendo al mondo un bambino. Quell’idea dovrebbe aprirgli le porte del paradiso, invece Gabriel si sente sprofondare negli abissi dell’inferno: come potrà essere un buon padre, lui che da piccolo ha conosciuto soltanto dolore e abbandono? Per non condannare il figlio a un’esistenza priva di affetto, Gabriel deve superare il trauma della propria infanzia. E ha un unico modo per riuscirci: trovare i suoi veri genitori. Tuttavia incamminarsi in quella selva oscura di ricordi sarà molto più pericoloso di quanto lui non avesse immaginato, e Gabriel non rischierà solo di smarrire la «diritta via», ma anche di perdere per sempre la sua adorata Beatrice…

 

Che dire di questo terzo libro della serie? Le uniche parole che mi vengono in mente sono:“Bellissimo, stupendo e magnifico”.Ok, lo ammetto! Sono tutti sinonimi, ma che posso farci? Nella mia mente girano solo questi aggettivi e così voglio rendervi partecipi di questo.
Procediamo con ordine, fin dal primo libro i due protagonisti Gabriel e Julianne mi sono entrati nel cuore e mi è piaciuto molto leggere l’evoluzione della loro storia. Non mi riferisco solo alle vicende del loro amore, ma anche, e soprattutto, a quelle personali e psicologiche.
Gabriel in questo libro è una persona diversa dal primo, sa di essere stato egoista e crudele, ma grazie alla compassione e all’amore che trova in Julia riesce a risalire dall’abisso in cui la sua anima è stata per gran parte della sua vita. Julia d’altro canto è diventata più sicura di sé e non si trasforma più tanto spesso in un leprotto spaventato…
Per arrivare a questo i due protagonisti hanno dovuto affrontare entrambi i loro demoni personali e insieme sono riusciti a superare ogni difficoltà.
Il tema principale di questo terzo libro è il desiderio di Gabriel di diventare padre e si domanda spesso se sarà un ottimo genitore, visti i precedenti. Mentre Julia ha timore che un’eventuale maternità troppo affrettata possa frenare i suoi studi e la sua carriera.
La decisione di diventare genitori ha degli effetti differenti per loro, ci saranno momenti anche di tormento. Leggendo, provavo una sorta di empatia, non so ancora spiegarne il motivo mi sentivo così vicina a loro che mi sono trovata spesso a parlare da sola, dando dei consigli ai protagonisti. Vi sembrerà sciocco e dirlo apertamente mi farà apparire pazza, ma voglio condividere anche questo con voi.
Il libro però non si limita solo a questo, vedremo Gabriel impegnato nella sua personale ricerca delle sue origini e si scopriranno cose molto interessanti…. Inoltre, non mancano scene d’intensa intimità fra i due.
Oltre alle vicende dei protagonisti ho apprezzato molto anche come sono stati narrate le vicende di altri personaggi che hanno caratterizzato tutta la serie a partire da Paul, Rachel e Aaron, ma soprattutto ci saranno novità anche per il padre di Julia, Tom, e di quei personaggi che io personalmente non ho amato cioè Christa, Simon e Natalie.
Un aspetto che mi è piaciuto molto è l’utilizzo da parte dello scrittore della storia di Dante e Beatrice facendo riferimento alla divina commedia, vi confesso che ho imparato ad apprezzarla proprio quando ho cominciato a leggere il primo della serie, considerate che gli unici ricordi che avevo erano quelli della scuola, e non sono di certo i migliori.
In conclusione posso solo dirvi di leggere il libro e che non ve ne pentirete. Io, dal canto mio, sono tentata di ricominciare a leggerlo, non vi rielenco tutti gli aggettivi dell’inizio della mia recensione in quanto sarei ripetitiva, ma credetemi li penso ancora e ancora. Il mio giudizio è più che positivo e per ora vi saluto con le parole che Gabriel dice alla sua Julia “Ecco che appare la mia beatitudine” ed è così che per me è questo libro….

 

 

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...
x

Check Also

Recensione: Amami prima che vengano a prendermi: Un’intensa storia d’amore gay ai tempi della Seconda Guerra Mondiale di Giulia Amaranto

  Una notte, nel pieno della II Guerra ...