Home / Otaku per passione / Recensione: “Full Metal Alchimist”

Recensione: “Full Metal Alchimist”

In un mondo immaginario dominato dai soldati e dal Comandante  Supremo, due bambini studiano l’Alchimia, pratica scientifica che agisce tramite cerchi alchemici e permette di fare cose strabilianti come creare armi, cambiare materia o creare fuoco dall’ossigeno.

Ma alla base dell’Alchimia c’è da rispettare la legge fondamentale dello Scambio Equivalente: per ottenere qualcosa bisogna dare qualcosa in cambio.

Ecco allora che, quando muore l’amatissima mamma, i due bambini non esitano a infrangere ogni  regola per richiamarla in vita. L’effetto sarà devastante! Oltre a non ottenere nulla, il più piccolo dei due fratelli perde il corpo e la sua anima viene legata a un armatura, mentre il più grande, vero protagonista della storia, perde un braccio e una gamba, che verranno sostituiti da arti meccanici.

I due ragazzi inizieranno così la ricerca della pietra filosofale per recuperare le loro “parti mancanti” ed Edward, il più grande, entrerà nell’Esercito come Alchimista di Stato con il grado di Maggiore, per potere sopravvivere e fare ricerche. Il suo cruccio infatti sarà quello di studiare e cercare un modo per far tornare il fratello umano, sentendosi schiacciato dal rimorso per l’alchimia errata effettuata.

Ma quello che li aspetta non solo sarà inaspettato, ma li porterà negli anni  a crescere e conoscere un mondo che non si aspettavano, fatto d’intrighi, morte e scelte incredibili. Entrambi conosceranno molte persone, alcune cattive, altre brave. Si faranno nemici a non finire e amici fidati e stimati. Oltre a interagire con vari membri dell’esercito di cui fanno parte, il personaggio che spicca di più è il Colonnello Mustang, che ha un piano segreto da realizzare…

Questa volta sono qua a parlarvi di un Manga e del suo Anime che ho conosciuto recentemente grazie a mia figlia.

Il manga differisce dalla serie a cartoni animati in quanto questa è stata effettuata prima che il manga venisse terminato, ma i disegni e il carattere generale dei personaggi rimane immutato.

Ma non sono qua a parlarvi delle differenze, che sebbene sostanziali, rendono entrambi i prodotti accattivanti.

Quello che mi sembra profondamente giusto è segnalarvi questa serie fantasy, adatta  anche e soprattutto a un pubblico adulto, dove i sentimenti la fanno da padrone e dove le emozioni riesco a catturare chi si addentra nel suo mondo.

Riusciranno alla fine i fratelli Elric a raggiungere il loro scopo?  A quale gioco starà giocando il colonnello Mustang? E chi sono i misteriosi nemici definiti Omuncolus?  In tutta la trama (sia fumetto che cartone) ogni domanda trova risposta, aprendo a sua volta altre domande in un gioco di scatole cinesi destinato a tenere incollato il lettore o lo spettatore. Le  emozioni si susseguono, fra risate, pianti e … domande, che stuzzicano e invitano ad andare avanti, maledicendo ogni momento in cui bisogna interrompere la storia perché la vita reale ci richiama alla realtà.

Vorrei aggiungere che il tema principale, oltre alla responsabilità dell’uso dei poteri acquisiti, al dover rispettare le regole, al porsi domande sull’etica e sull’animo umano con le sue debolezze,  è quello dell’amore fraterno e dell’amicizia capace di spaziare oltre ogni ostacolo, oltre ogni ragionevole situazione. Un vero Epic fantasy a tutto tondo come contenuti, ma con l’ambientazione tipica di un Urban Fantasy.

Aggiungo soltanto che presto potremo vedere nei nostri cinema il film tratto dal manga con attori in carne ed ossa, nella speranza (visto che è stato realizzato in Giappone, tremo fortemente) che sia stato fatto a regola d’arte, perché questa è una storia fantasy che meriterebbe  la scrittura di un libro… e la notorietà di Harry Potter.

Recensione a cura di: Laura

 

Recensione: “Full Metal Alchimist”
5 su 1 voti

In un mondo immaginario dominato dai soldati e dal Comandante  Supremo, due bambini studiano l'Alchimia, pratica scientifica che agisce tramite cerchi alchemici e permette di fare cose strabilianti come creare armi, cambiare materia o creare fuoco dall'ossigeno. Ma alla base dell'Alchimia c'è da rispettare la legge fondamentale dello Scambio Equivalente: per ottenere qualcosa bisogna dare qualcosa in cambio. Ecco allora che, quando muore l'amatissima mamma, i due bambini non esitano a infrangere ogni  regola per richiamarla in vita. L'effetto sarà devastante! Oltre a non ottenere nulla, il più piccolo dei due fratelli perde il corpo e la sua anima viene…

Score

Voto Laura 5

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Ilaria

x

Check Also

Recensione: “Kiss of Rose Princess”

Titolo originale : Bara jo no kisu Genere: commedia romantica, fantasy. Autore: ...

error: Contenuti di proprietà di RFS