Home / Recensione libri / Made in Italy / Recensione: “Fahryon – Il suono sacro di arjiam ( Parte prima)” di Daniela Lojarro

Recensione: “Fahryon – Il suono sacro di arjiam ( Parte prima)” di Daniela Lojarro

Trama

«Esisterebbe la luce senza il sole? O il calore senza il fuoco?
Il Suono Sacro ha creato il Mondo e noi facciamo parte del Suo canto.»
Nel regno di Arjiam, Fahryon, neofita dell’Ordine sapienziale dell’Uroburo, e Uszrany, cavaliere dell’Ordine militare del Grifo, si trovano coinvolti nello scontro tra gli adepti dell’Armonia e della Malia, due forme di magia che si contendono il dominio sulla vibrazione del Suono Sacro.
Le difficoltà con cui saranno messi a confronto durante la lotta per il possesso di un magico cristallo e del trono del regno, permetteranno ai due giovani di crescere e di diventare consapevoli del loro ruolo e delle loro responsabilità in questa guerra per il potere sul mondo e sugli uomini.
Daniela Lojarro è nata a Torino. Terminati gli studi classici e musicali (canto e pianoforte), vince alcuni concorsi internazionali di canto che le aprono le porte fin da giovanissima a una carriera internazionale sui più prestigiosi palcoscenici in Europa, negli U.S.A., in Sud Corea, in Sud Africa nei ruoli di Lucia di Lammermoor, Gilda in Rigoletto e Violetta in Traviata. Alcuni brani che ha inciso sono entrati nelle colonne sonore di diversi film, fra i quali «The Departed» di M. Scorsese, «Il giovane Toscanini» di F. Zeffirelli e «I shot Andy Wharol» di M. Harron.
Si dedica anche all’insegnamento del canto e alla musico-terapia come terapista in audio-fonologia, una rieducazione della voce e dell’ascolto rivolta ad adulti o bambini con difficoltà nello sviluppo della lingua oppure ad attori, cantanti, commentatori televisivi, insegnanti, manager per sviluppare le potenzialità vocali.

Recensione

Siamo ad Arjiam. Il romanzo inizia con una visione di Xhanys, compagna di Mazdraan, con la quale scopre che quest’ultimo non la ama come lei crede, ma invece ha intenzione di servirsi di lei per arrivare ad avere il controllo del Suono Sacro, principio che con la sua vibrazione ha creato il Mondo. Si tratta di una rivelazione nel fantasy. Fahryon, una neofita, soccorrerà Xhanys, che vuole impedire a Mazdraan di mettere le mani sulla figlia per poter controllare il Suono Sacro.

«Secondo Xhanys, il nobile Mazdraan vuole servirsi della figlia per dominare la vibrazione del Suono Sacro del Mondo, quindi lui non dovrà mai averla e deve credere che la neonata, consegnatagli dai suoi uomini, sia sua figlia.»

Da questo momento il destino inizia a fare il suo corso guidando i personaggi principali, a loro insaputa, verso il cammino del fato. Ognuno dovrà compiere delle scelte. È un romanzo basato sulla magia e sull’anima delle persone. Il tutto è circondato dal mistero, che caratterizzerà tutto il romanzo, svelando piano piano il puzzle che si va disegnando. La trama è molto avvincente e coinvolgente e i personaggi sono descritti bene.

«La tua Armonia è… ancora incompleta, Fahryon», disse con voce ansimante e appena percettibile. «Ogni albero è contenuto nel suo seme, ma il seme ha bisogno di trovare il terreno giusto per mettere radici, della luce del sole per germogliare, dell’umidità dell’acqua per crescere e dell’aria per vivere… Ti sarà offerto un dono: accettarlo o rinunciarvi… da questa scelta dipenderà il tuo cammino che, solo quando gli opposti saranno riuniti, là dove tutto ha avuto inizio, sarà compiuto. Ma… Fahryon… non… non tradire il cammino: le vie per la Conoscenza sono tre e tu sei ancora libera di scegliere quella che ritieni giusta per te. Cuore, mente e anima: ognuno conduce al Mistero dell’Armonia. Ricorda però, che in ognuno di loro c’è il suo opposto, nel quale può trasformarsi perdendo l’equilibrio: il cuore, se sarà solo passione sfrenata e istintuale, negherà l’Amore; la mente, se prevarrà la superbia dell’intelletto, disprezzerà il Mistero; l’anima, se diventerà esaltazione, si crederà uguale al Principio del Tempo e del Mondo. È il Mistero del Suo equilibrio che devi cercare».

Dopo la nascita della bambina di Xhanys, gli eventi iniziano a “sbrogliarsi”. Ad intervenire ci saranno Tyrnahan, Magh Anziano del Conclave, e Uszrany, Cavaliere del Grifo. Questi ultimi, insieme a Fahryon, saranno i tre personaggi principali che dovranno affrontare la visione di Xhanys e cercare di impedire a Mazdraan il raggiungimento del suo obiettivo.

Così la Sintonia, che si reggeva sulla perfetta unione degli opposti, si era scissa in due forme opposte di magia: l’Armonia che attingeva alla vibrazione del Suono e della Luce; la Malia che la negava scegliendo il Silenzio e l’Oscurità.

Riuscirà Mazdraan a ottenere il controllo sulla Malia? Uszrany e Fahryon riusciranno a compiere il loro cammino?

Mazdraan non nutriva più il benché minimo dubbio che avrebbe come sempre ottenuto ciò che desiderava: l’Armonia di Tyrnahan, sua figlia e, grazie a lei, il controllo assoluto sul Suono Sacro.

Concludo dicendo che ogni volta che compariva Mazdraan volevo entrare nel libro e fargli provare le peggiori pene dell’Inferno e so che ancora non è finito. Non vedo l’ora di leggere il seguito!

Fiamme-Sensualità-Lieve NUOVA

Asce-voto-1

Recensione a cura di:

Azrael

Editing a cura di:

Aléthéia

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione:”Signore della morte” di Chiara Mineo – Serie Neubourg Series

  Titolo: Signore della morte Autore:Chiara Mineo Editore:Self ...