Home / M//M / Recensione: “Dipingere il Cielo” Di Lily G. Blunt

Recensione: “Dipingere il Cielo” Di Lily G. Blunt

La passione comune per le arti crea un forte legame tra due timidi studenti universitari alla fine dei loro studi. Ben è affascinato dai dipinti nei quali Vinnie ritrae il palazzo dell’Università e, notando questo interesse, Vinnie invita Ben ad una mostra d’arte dove saranno esposti i suoi lavori. Grazie alla famiglia benestante, Ben acquista alcuni quadri di Vinnie e chiede all’artista un aiuto per la disposizione nel suo appartamento. Così inizia la loro storia, silenziosamente, in punta di piedi.
Un cielo stellato notturno…
Come scusa per avere più tempo da passare con lui, Ben chiede a Vinnie di fargli un ritratto. E l’arte li unisce e li fa innamorare, li fa capire, li accompagna. E la sera in cui Vinnie disegna un cielo stellato direttamente sul torace di Ben la loro relazione sembra prendere la piega del vero amore.

Ma ogni relazione ha i suoi alti e bassi, e quando la gelosia di Ben si insinua tra loro, a causa di un collega di Vinnie, quest’ultimo prende una decisione che cambierà il corso delle loro vite.
Ben e Vinnie si ritrovano così ad attraversare l’inferno, lontani l’uno dall’altro. Ma l’amore, quello vero, nato sotto un cielo stellato è sempre lì e aspetta solo che i due ragazzi abbiano fiducia l’uno nell’altro. Solo così potranno far diventare realtà i loro sogni d’amore.

C’erano una volta, in Inghilterra, due ragazzi che, dopo essersi incontrati, si innamorarono. Discutevano, si separavano per un po’, ma alla fine facevano pace e vivevano per sempre felici e contenti.
Fine.
Cosa? Questo non è nient’altro che il riassunto di uno qualsiasi dei romanzi gay che leggo! Beh, eccovi una storia vera. La mia storia… la nostra storia.
Lasciatemi però cominciare dall’inizio…”

Potevo farmi scappare un romanzo m/m con una copertina del genere? Direi proprio di no… Quando poi ho letto la sinossi ho desiderato davvero poter scrivere la recensione di un libro ambientato nel mondo dell’arte, mia compagna da sempre.
Inoltre era incredibile come l’immagine e la sinossi utilizzata fossero completamente corrispondenti l’una all’altra, come se l’autrice avesse visto la prima e deciso di scrivere il suo libro sulla base delle suggestioni che le aveva regalato.
Ed eccomi qui, allora, ad accompagnarvi nel mondo colorato di Vinnie e Ben.
Il romanzo inizia come tante altre storie che abbiamo amato, con l’incontro dei due protagonisti presso la scuola che hanno frequentato negli anni passati. Hanno infatti finito da poco i loro studi, e nell’attesa degli esami finali e delle mostre di fine corso, nasce in punta di piedi la loro intesa.
Vinnie è uno studente a fine corso della scuola di belle arti e, mentre cerca di sfondare come pittore, lavora in un negozio di articoli da disegno; Ben ha da poco finito gli studi in letteratura, scrive romanzi gay e lavora nell’impresa paterna con poca soddisfazione. Due ragazzi qualunque, quindi, con i problemi tipici dei venticinquenni che inseguono il loro sogno: sbarcare il lunario senza mai abbandonare la speranza di farcela. In questo i due protagonisti stanno immediatamente simpatici al lettore, si prova una sorta di affinità psicologica, un sentirsi “nella stessa botte” che aiuta l’empatia verso entrambi.
È Ben a provarci con Vinnie, che risulta essere, fin da subito, quello più chiuso e misterioso della coppia. Il romanzo, scritto in prima persona con il POV di Ben, fa arrivare al lettore tutta l’ammirazione che lui prova per il suo ragazzo, ma anche per la sua arte. Sono bellissime ed accurate le descrizioni che fa la Blunt dei quadri di Vinnie, e leggendo con attenzione si possono visualizzare le pennellate e tutti i colori, la forza del tratto o la cupezza del soggetto. Tanta attenzione viene data anche al lavoro di Ben, ed è bello vedere scritto nero su bianco come un autore trasferisca sulla carta le emozioni che prova nella vita di tutti i giorni.
A fare da corollario alla loro storia d’amore ci sono amici e familiari, primi fra tutti i fratelli di Vinnie, tutti inaspettatamente gay. Ecco, questa l’ho trovata una caratteristica un po’ eccessiva, anche perché i personaggi sono così ben caratterizzati che avrebbero potuto funzionare benissimo anche se eterosessuali. Credo che l’autrice li abbia caratterizzati così per poter scrivere le tante scene in cui interagiscono tra di loro nei locali gay, in amicizia, ma io avrei preferito un entourage di amici omosessuali. Che tre fratelli condividano le stesse inclinazioni sessuali mi sembra perlomeno difficile statisticamente…
Fino a circa il 60% del libro ho trovato questo volume innovativo e molto interessante. Non tanto per la storia d’amore (sempre quelle, leggiamo!) ma per l’ambientazione e la delicatezza che l’autrice riserva a tutto ciò che riguarda Ben e Vinnie. Il loro avvicinarsi a poco a poco, la timidezza e ritrosia che hanno entrambi, dovuta a traumi o esperienze passate, la difficoltà di entrare nel mondo del lavoro. E i quadri e gli schizzi di Vinnie sembrano accompagnare e far crescere la loro relazione.
Poi, inaspettatamente, dopo il 60% del libro, l’autrice inserisce alcuni accadimenti per rendere interessante la trama, per creare quel climax emotivo che tanto piace al lettore… e scade nel banale, nel trito e ritrito. Stereotipi classici per i gay romance che si sono visti e rivisti, ed una linea temporale che accelera bruscamente lasciando poco tempo al lettore per adeguarsi e capire cosa stia succedendo. Un finale un po’ veloce ma giusto, non melenso ma carico di pathos, legato all’arte anch’esso. Il cielo stellato che ha unito Ben e Vinnie, che li ha fatti innamorare e litigare, potrà, forse, farli stare insieme per sempre.
Dei due personaggi è Ben quello che mi è piaciuto di più, più solido, più forte, più sicuro di sé, anche nella gelosia che, ad un certo punto della storia, lo divora. Vinnie è quello con il carattere più difficile da digerire, sono i suoi silenzi ed i suoi misteri a creare tutti i problemi alla loro storia d’amore. Se amare significa affidarsi all’altro, Vinnie non è capace di farlo se non alla fine. E paga sulla sua pelle il prezzo più alto.
Le scene di sesso sono delicate e mai volgari, anche in questo guidate dai due ragazzi, che ci mettono molto tempo ad “ingranare”, e sono apprezzabilissime e giuste per un romanzo che è comunque molto dolce.
Ci tengo a far capire che questo libro è una vera e propria storia d’amore. Che si snoda attraverso l’arte di Vinnie e che attraverso di essa porta i protagonisti a capire chi sono e cosa vogliono veramente.
Sotto il cielo stellato si sono amati. Sulla pelle lo hanno dipinto. E con il cielo stellato saranno finalmente liberi.

Recensione a cura di:

Editing a cura di:

Recensione: “Dipingere il Cielo” Di Lily G. Blunt
Vota qui L\'articolo.

La passione comune per le arti crea un forte legame tra due timidi studenti universitari alla fine dei loro studi. Ben è affascinato dai dipinti nei quali Vinnie ritrae il palazzo dell’Università e, notando questo interesse, Vinnie invita Ben ad una mostra d’arte dove saranno esposti i suoi lavori. Grazie alla famiglia benestante, Ben acquista alcuni quadri di Vinnie e chiede all’artista un aiuto per la disposizione nel suo appartamento. Così inizia la loro storia, silenziosamente, in punta di piedi. Un cielo stellato notturno… Come scusa per avere più tempo da passare con lui, Ben chiede a Vinnie di fargli un…

Score

Voto Kiki 3

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...
x

Check Also

Recensione: “Per sempre – vol. 2 serie Mate” di Cardeno C.

Afflitto da tutta la vita da dolori e debolezza, Ethan Abbatt è ...

error: Contenuti di proprietà di RFS