Home / Dark Romance / Recensione: “Destroy Me (Lethal Men Vol. 2)” di Anya M. Silver

Recensione: “Destroy Me (Lethal Men Vol. 2)” di Anya M. Silver

Trama

Questo è un romanzo M/M e M/F contente scene di violenza, linguaggio e tema forte, abusi fisici e psicologici.
È pertanto sconsigliata la lettura a un pubblico sensibile.

Jay e Sibylle, due vite diverse, due destini intrecciati, un’amicizia profonda.

Jay non ha più scelta.
Jay non è più libero.
Jay è morto.

Faber est suae quisque fortunae.
“Siamo artefici della nostra sorte”, così recita un vecchio adagio latino.
Ma cosa succede quando è il destino a decidere per noi?
Cambiare vita, cambiare identità.
Ciò che per molti è un sogno, per Jay è un incubo.
Un incubo di nome Kynk, lo spietato criminale che lo ha privato di tutto, persino di se stesso.
Il ragazzo spensierato si ritroverà catapultato nel cuore più antico, cupo e seducente di New Orleans, la sua prigione, la sua salvezza. Fra inaspettate amicizie e tra vecchi e nuovi pericoli, l’ombra sinistra di uno spietato serial killer aleggia come una coltre di fumo nero, minacciando un equilibrio già precario.

Sibylle ha una scelta.
Sibylle è libera.
Sibylle è… viva?

Ogni prigionia è diversa dalle altre, l’inferno è diverso per ognuno.

L’inferno di Sibylle ha due occhi neri come la pece e un animo tormentato, oscuro.
I ricordi del suo tremendo passato hanno aperto una voragine nel suo cuore e sceglierà di privarsi della libertà pur di ritrovare il suo angelo custode, perduto da anni.
È davvero questo ciò che desidera? Riuscirà a ritrovare Deacon?
Oppure perderà se stessa durante il cammino?

Jay e Sibylle.
Kynk e Rev.

Vittime e carnefici.

Ma chi sono le vittime e chi sono i carnefici?

Recensione

Ho appena finito di leggere il libro e ho l’adrenalina a mille, oltre a essere super mega sicura che per diventare autrici bisogna passare il corso di sadicità!
In questo secondo libro conosciamo nuovi personaggi che entrano a far parte della vita di Jay, infatti Kynk scappa con lui e lo porta a New Orleans dal fratello Kai (sono innamorata di lui, è dolcissimoooooo) per tenerlo nascosto, gli fa cambiare identità e pensa che staranno nascosti lì per un po’ fino a quando non si saranno calmate le acque. Jay, con il nome di Matt, trova lavoro in una gelateria, conosce i colleghi e ne diventa amico, infatti Davina e Colin lo aiutano inconsapevolmente ad avere una vita normale, conosce anche l’assistente di Kai, Josiah e il suo amico Draven, uno spasso di ragazzino, divertente, ironico, dolce e con un gran segreto…
All’inizio sembra andare tutto bene, poi iniziano di nuovo degli omicidi a cura di “The Knife”, un serial killer che uccide ragazzi tra i venti e i trent’anni, biondi, carini e gay, dopo averli torturati, quindi sono tutti allarmati. Davina conosce un nuovo ragazzo. Conosceremo il vero nome di Kynk (bellissimo) e la sua infanzia, capiremo che, sì, lui ha un’anima nera, ma in fondo in fondo è anche un bravo ragazzo. Jay a fine libro conosce anche Xavian, il capo di Kynk, e prevedo che non finirà molto bene (ecco perché ho parlato di sadicità all’inizio… è finito il libro e io non so cosa succede!).
Sinceramente mi sono fatta un’idea su chi potrebbe essere The Knife e spero vivamente di sbagliarmi… lo spero proprio (Anya non farlo, ti prego!).
In parallelo, leggiamo anche come procede la prigionia di Sibylle con Rev. Allora, se all’inizio del libro pensavo che le cose fra loro si mettessero al meglio, dopo aver saputo la verità mi sono ricreduta: dopo che lui è rientrato dal “lavoro” e ha violentato analmente Sibylle, perché quella sera a lui andava di fargli il …. non mi piace, assolutamente non mi piace, posso capirlo ma no, lui no.
E giusto perché Sibylle non è ancora troppo scioccata, leggiamo di un agguato da parte dei russi che, sparando all’impazzata, riescono ad entrare in casa ma hanno la peggio, soprattutto l’unico che rimane vivo per circa cinque minuti. Eh sì, perché prima lo picchia Rev per avere notizie, e questo non parla ovvio, poi interviene Samael (personaggio mooolto interessante) che lo tortura un po’ ma questo muore (non ci sono più gli uomini di una volta -_- ).
Dopo tutto questa adrenalina violenta i nostri amici han voglia di sesso e qui Kendra dimostra molta umanità. infatti stuzzica Rev in maniera che non vada da Sibylle, che è stata mandata in camera per non assistere alla tortura del russo. I due ci danno dentro come pochi e Samael, dopo aver finito con il russo, si unisce alla coppia e hanno un menage a trois. La giovane fanciulla, però, è curiosa, così curiosando assiste al rapporto e la cosa la sconvolge perché è gelosa (oddio): voleva essere al posto di Kendra, eh sì, nonostante odi Rev se ne è innamorata (sindrome di Stoccolma? Io non credo…). Giusto per darle il colpo di grazia, Rev le racconta chi ha ucciso i suoi genitori (…stardissimo, anche se avrei fatto lo stesso, con un padre simile… brrr) e la nostra Sibylle crolla definitivamente e, udite udite, lui… eeehhh vi piacerebbe saperlo vero? Bene, leggete il libro!
Anche in questo secondo romanzo Anya si è superata, pagina dopo pagina riesce a tenere il lettore incollato al libro, ha creato un mondo violento ma nel contempo reale, vittime e carnefici che in realtà non lo saranno più ma si invertiranno i ruoli (secondo me).
Kynk è un killer con un cuore grande (per chi ama, ovvio), sa di avere una zona buia che prende il sopravvento ma sa anche amare per proteggere le persone a lui care (vedi Josiah, Isabeau e Bau).
Rev… beh, lui non mi piace tanto, lo capisco perché ciò che il padre di Sibylle gli ha fatto e fatto fare a lei è imperdonabile, ma non riesco a capacitarmi del perché si sia vendicato anche su di lei che all’epoca era una bimba e l’abbia fatta diventare vittima due volte. Kendra e Samael mi piacciono un sacco e credo che mi daranno delle soddisfazioni nel prossimi libri. Sono una coppia interessante: lei killer fredda e razionale, ma penso innamorata di Samael; lui freddo (un iceberg penso sia più caldo), quasi senz’anima, ma sarà quello che ci farà piangere di più come storia (sempre a mio parere) e che aiuterà Sibylle in futuro.
Altro non saprei cosa dirvi, forse ho già svelato anche troppo, quindi cosa aspettate ad andare a conoscere Kai, Josiah e Isabeau? Immergetevi anche voi nella vita di questi spettacolari killer con il cuoricino d’oro  molto ben nascosto, al prossimo libro allora… Buona lettura.

Fiamme-Sensualità-Super-Hot NUOVA

Asce-voto-5

Recensione a cura di:

Tayla

Editing a cura di:

Firma Rubina

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione: “The Wicked Diaries” di Barbara Caprio

Iris è una donna in apparenza normale. Peccato ...