Home » Recensione libri » Recensione: “Destiny (books of faerie 2#)” di Maggie Stiefvater

Recensione: “Destiny (books of faerie 2#)” di Maggie Stiefvater

Titolo: Destiny
Autore: Maggie Stiefvater
Serie: Serie “Book of Faerie” vol. 2
Edito da: Fanucci Editori
Genere: Young Adult, Fate, Paranormal Romance
Data di pubblicazione: 21 luglio 2011

James è un vero talento quando si tratta di suonare la cornamusa. È così bravo che ben presto è il suo stesso insegnante a rendersi conto che non ha più nulla da imparare, e che probabilmente si tratta del miglior suonatore di tutto lo Stato. Tuttavia, ci sono molte ragioni che rendono la Thornking-Ash la scuola perfetta per James: tanto per cominciare, ha il compito segreto di difendere i suoi studenti dalle mire di fate ed elfi. E poi c’è il vero motivo che lo ha spinto a iscriversi: la presenza della sua ex compagna di scuola Deirdre, Dee, di cui è ancora innamorato. Ma una fata di nome Nuala, che vuole succhiargli l’energia vitale, finisce per invaghirsi di lui, mettendo così a rischio il rapporto di James con Deirdre. Dee è al centro di un gioco mortale, e mentre James fatica a venire a capo dell’intricata situazione, Nuala lo segue di continuo, considerandolo una sorta di specchio della sua anima. Spera che prima o poi il suo affetto venga ricambiato, e che lui suoni per lei le sue bellissime musiche. Ma mentre James comincia a realizzare i suoi sentimenti per entrambe, Dee e Nuala stanno mutando e Samhain – meglio conosciuta come Halloween – si avvicina, con i suoi fuochi e i suoi riti, mortali per entrambe… E così James sarà costretto a salvare solo una delle due, e la scelta non sarà affatto facile.

Questo secondo libro della serie books of faerie non mi ha entusiasmato granché, o meglio, non così tanto come il primo. È sicuramente un bel libro, ricco di colpi di scena e di personaggi che finalmente tirano fuori il loro vero carattere ma poteva, secondo me, fare qualcosa di più.

Troviamo un James, quel suonatore di cornamusa così strambo e altruista che finalmente pensa prima a sé stesso e poi a Dee, almeno fino alla prima metà del libro,  poi il suo animo buono e compassionevole verso il prossimo prende il sopravvento.

James e Dee alla fine di tutte le vicende successe nel precedente capitolo, decidono di iscriversi alla scuola per musicisti freak, la Thornking Ash, una scuola per adolescenti sopra la media anche se il vero motivo che lo ha spinto a iscriversi è proprio lei, la presenza della sua ex compagna di scuola Deirdre, Dee, di cui è ancora innamorato.

James, dopo il terribile incidente e suo successivo salvataggio, è tornato ma non come prima… per potergli salvare la vita hanno dovuto impiantargli in testa una placca metallica e ricucito i polmoni.

Dopo, tutti gli avvenimenti pessimi che gli sono capitati, anche per lui c’è uno spiraglio di luce che si chiama Nuala. O meglio… così si fa chiamare la fata che ogni sedici anni muore bruciata e rinasce dalle sue ceneri come una fenice a Halloween, la notte in cui tutto è possibile ma senza ricordi. Peccato che lo scopo per cui lo avvicina è solo uno: succhiargli l’energia vitale… ma tra i due nascerà qualcosa di bellissimo: un amore che nessuno si sarebbe mai aspettato. Soprattutto lei!

Qualcuno all’interno della scuola non è chi dice di essere. L’insegnante Sullivan cosa vuole da James? Quel ragazzo anch’esso rinato dalle sue ceneri, che si scrive tutte le mani e le braccia per i suoi promemoria e che l’unico suo scopo è cercare di sopravvivere a quella demente di Dee che ha respinto il suo amore per correre tra le gambe di Luke? Perché è così buono e gentile? Quanto vorrebbe sbirciare nella vecchia vita del professore, ma qualcosa gli dice che verrà un momento anche per quello.

Ritroviamo inoltre Delia, la zia cattiva, crudele e doppiogiochista di Dee, colei che venne salvata in passato dalle fate e che ora le deve un favore. Loro non dimenticano. Le chiama e le uccide. Ma perché? Lei guarda le spalle a Eleanor la nuova regina e viceversa. La regina richiede sangue per sangue, ma qual è lo scopo? Tante domande si affollano all’interno di questo romanzo, ma soprattutto troveremo il re dei morti, un uomo con le corna e le enormi ali nere, colui che è nelle visioni di James e del suo compagno di stanza senza lasciarli in pace.

Le ambientazioni, come nel precedente libro della serie, sono molto suggestive anche se ambientate nella scuola stessa e sulle sue colline. L’autrice è stata in grado di caratterizzare molto bene i personaggi rendendoli quasi reali, personaggi in cui quasi sicuramente degli adolescenti riusciranno a immedesimarsi.

Mi è piaciuto tantissimo il personaggio di James: astuto, intelligente, sarcastico e ironico facendomi invece totalmente odiare Dee. Qui è una ragazzina insulsa che sa solo piangersi addosso e ferire, di nuovo, i sentimenti di quel povero suonatore di cornamusa, il più bravo di tutto lo stato.

Come detto in precedenza è un libro che consiglio di leggere per concludere la duologia, ma anche se non viene letto, si capisce chiaramente il finale del precedente essendo questo basato su un altro personaggio.

Buona lettura!

Titolo: Destiny Autore: Maggie Stiefvater Serie: Serie “Book of Faerie” vol. 2 Edito da: Fanucci Editori Genere: Young Adult, Fate, Paranormal Romance Data di pubblicazione: 21 luglio 2011 James è un vero talento quando si tratta di suonare la cornamusa. È così bravo che ben presto è il suo stesso insegnante a rendersi conto che non ha più nulla da imparare, e che probabilmente si tratta del miglior suonatore di tutto lo Stato. Tuttavia, ci sono molte ragioni che rendono la Thornking-Ash la scuola perfetta per James: tanto per cominciare, ha il compito segreto di difendere i suoi studenti dalle mire di fate…

Score

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione: ”La principessa d’Irlanda” di Elizabeth Chadwick

Titolo: La principessa d’Irlanda Autore: Elizabeth Chadwick Editore: ...