Home / Recensioni libri cult / Recensione cult: “Bound To Darkness – Serie The Midnight Breed #13” di Lara Adrian

Recensione cult: “Bound To Darkness – Serie The Midnight Breed #13” di Lara Adrian

Care Fenici oggi Lucia vi parla del libro “Bound To Darkness – Serie The Midnight Breed #13” di Lara Adrian

Carys Chase è abituata a farsi da sola le proprie regole e lasciare che il suo cuore le mostri il cammino, senza tenere conto di quello che gli altri pensano. Femmina rara della Razza, una Daywalker che può stare lunghi periodi di tempo esposta al sole, testarda e bellissima, Carys è una delle più potenti della sua classe. Vive con passione e ama senza limiti, soprattutto quando si tratta del letale guerriero della Razza e campione di arti marziali miste, Rune.

Imbattibile sul ring, Rune vive in un mondo brutale di sangue, violenza e morte. Si è fatto un buon numero di nemici tanto dentro che fuori l’arena e i suoi segreti sono oscuri e turbolenti come il suo passato. Solitario e pericoloso, è sopravvissuto grazie a pugni e zanne e non ha permesso che qualcuno gli si avvicinasse troppo…. fino a Carys. Ma quando gli scheletri sepolti nell’armadio del suo passato risorgono nel presente, Rune deve scegliere tra tradire la fiducia di Carys o coinvolgerla in una battaglia in cui nessuno dei due ha qualche speranza di uscirne vincitore.

Dare, Gideon e Savannah avevano smesso di raccogliere informazioni su Riordan non appena erano venuti a sapere che il guerriero Brock era arrivato prima dell’alba da Atlanta con la sua straordinaria compagna. Le visite dalla coppia a Washington erano frequenti, a causa del lavoro di Jenna sulla collezione crescente degli archivi della Stirpe, ma la sua presenza presso il quartier generale era sempre un evento. Era anche più difficile per Lucan non rimanere a bocca aperta e stupito di fronte al miracolo genetico che rappresentava Jenna Tucker-Darrow. Nata umana e completamente mortale, solo quando fu attaccata dall’ultimo padre vivente della razza della Stirpe, un Antico ultraterreno, iniziò la sua incredibile metamorfosi. Invece di ucciderla, la creatura aliena innestò in lei un minuscolo pezzo di biotecnologia. Quel chip, che ancora oggi si trovava sotto la pelle della nuca di Jenna, conteneva i ricordi dell’Antico e il suo DNA. Quando attecchì dentro il suo corpo, il materiale genetico cominciò a trasformare la donna da Homo sapiens a qualcosa… d’altro. Insensibile a lesioni, malattie o età, Jenna era anche veloce e forte in modo disumano. Ma la sua trasformazione non si era fermata lì.”

Il libro di cui vi parlo oggi è Bound to Darkness di Lara Adrian, purtroppo inedito in Italia. Terzo libro dopo la svolta epocale avvenuta vent’anni prima, quando i Vampiri della Stirpe si sono mostrati al mondo.
Carys Chase e il suo gemello Aric sono figli di Chase Sterling e Tavia, i protagonisti del libro che ha concluso la serie principale ne “Il bacio ribelle”. Carys è una delle pochissime femmine della Stirpe, una donna forte e determinata, attualmente in lotta col padre che non vede di buon occhio l’uomo di cui si è innamorata. Rune, infatti, è un vampiro della Stirpe che lotta nella gabbia in crudeli incontri clandestini. Il suo passato è avvolto nel mistero, e la violenza ha sempre fatto parte della sua vita. È innamorato di Carys, ma nonostante la giovane lo desideri ardentemente e sia convinta di amarlo, il giovane vampiro si rifiuta categoricamente di creare con lei un legame di sangue. Da una parte se ne sente indegno, mentre dall’altra è terrorizzato che il suo passato venga alla luce, e che la giovane donna, bevendo il suo sangue, scopra cosa è stato costretto a fare fin da bambino per sopravvivere. Carys soffre per questa barriera che sente fra loro, è convinta di potergli perdonare ogni cosa, ma la verità è ben peggiore di quanto creda. Mentre lei tenta con tutte le sue forze di convincere la famiglia di essere in grado di vivere la sua vita come crede, per l’Ordine si profila all’orizzonte non solo una guerra con gli Atlantidei, guidati dalla loro vendicativa regina, ma anche una nuova organizzazione potente e spietata, “Opus Nostrum”, che ha nuove potentissime armi, e i cui adepti portano tatuato uno scarabeo sul corpo. E mentre gli avvenimenti incalzano, e i grandi guerrieri dei primi libri si apprestano a sferrare un attacco a sorpresa, per Carys ci sarà una scoperta spaventosa e la giovane guerriera dovrà lottare per salvare la sua vita e il suo amore.
Raramente un’autrice riesce a rinnovarsi, capitolo dopo capitolo, in modo così magistrale come è riuscita a fare la Adrian con questa serie strepitosa. Se i guerrieri di prima generazione erano straordinari, i loro figli non sono da meno. Carys ha preso da entrambi i genitori il meglio, la capacità di usare le ombre come nascondiglio, ereditata padre, ed una grande memoria fotografica che le permette di ricordare ogni cosa letta o sentita anche a distanza di molto tempo. All’inizio della storia la vediamo lavorare al museo con Jordana, ma durante la narrazione la vedremo diventare sempre più interessata a fare qualcosa di più, aiutando l’Ordine con le sue doti e la sua forza non comune. Testarda come il padre non si arrende, consapevole di essere innamorata di Rune, nonostante il giovane le celi molte cose e la escluda spesso, senza rendersene conto, dalle decisioni che prende. Pur sapendo che il suo passato non è uno specchio di onestà, è convinta che il suo animo sia nobile, e che ciò che ha fatto è stato necessario per la sua sopravvivenza. E quando Rune, pur celandole la sua identità, le rivela parte del suo passato, si rende conto di quanto il giovane abbia sofferto e si sia abituato a contare solo su se stesso. Rune è in fuga, il suo passato gli è alle costole e il giovane si guarda sempre alle spalle, ma questo non basterà a fermare l’uomo che ha reso la sua vita un inferno e ha distrutto innumerevoli vite. Non intende permettere che Carys venga toccata da quella parte della sua vita, e per questo, pur amandola, non intende permetterle mai di bere il suo sangue e creare un legame che le faccia conoscere ciò che cela nel suo animo. Ma nonostante le cautele, si troverà costretto a confrontarsi con il passato in una lotta all’ultimo sangue.
Un capitolo davvero bellissimo questo, con personaggi meravigliosi, strettamente legato al libro precedente Marked by Midnight in cui abbiamo conosciuto Nova, che qui ritroveremo assieme a Mathias e a moltissimi dei personaggi che hanno reso bellissima questa serie. Avremo così occasione di vedere prepararsi alla battaglia Lucan Dante, Nathan e Brock ed è stata davvero molto bello rivederli con le loro compagne della Stirpe ancora innamorati come il primo giorno.
È un libro pieno di colpi di scena, che conclude ciò che è cominciato in Marked by Midnight, dando a Nova una grande gioia e raccontando una storia d’amore incredibilmente sensuale e appassionata. Le scene erotiche sono tante e hanno grande intensità, e la trama regala momenti davvero emozionanti; è sempre bello vedere i malvagi perire in modo così spettacolare. La scrittura della Adrian ancora una volta convince, l’Ordine ha ancora tanti nemici e la guerra con gli Atlantidei è solo agli inizi, ma molte cose si stanno mettendo in moto, e nuovi amori sembrano sul punto di sbocciare. Ancora una volta sono rimasta deliziata da questa serie davvero stupenda.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è NewLaserie.png

  1. Il bacio di mezzanotte

  2. Il bacio cremisi

  3. Il bacio perduto

  4. Il bacio del risveglio

  5. Il bacio svelato

  6. Il bacio eterno

  7. Il bacio oscuro

  8. Il bacio di fuoco

  9. Il bacio immortale

  10. Il bacio rubato

  11. Il bacio ribelle

  12. Il bacio rivale

  13. Marked by Midnight

  14. Bound to Darkness

Emanuela

Emanuela
x

Check Also

Recensione: “Follia” di Patrick McGrath

Care Fenici Maljka ci racconterà un thriller psicologico:Follia ...