Da non perdere
Home / Recensioni libri cult / Recensione: “Contratto di Passione” di Jennifer Probst (Marriage to a Billionaire #3)

Recensione: “Contratto di Passione” di Jennifer Probst (Marriage to a Billionaire #3)

Carolina Conte è innamorata fin da quando era piccola del migliore amico del fratello Michael, Max Gray. Ma benché adesso sia cresciuta, si sia laureata e lavori nell’azienda di Michael di cui Max è CEO, la sua famiglia continua a trattarla come il brutto anatroccolo di casa e Max sembra notarla appena. Finché, complice una conferenza con cena a seguire, Carolina e Max trascorrono insieme una notte di passione cui segue, per imposizione della famiglia, un matrimonio riparatore. Max si sente in trappola, Carolina è furiosa, il matrimonio inizia con una guerra… combattuta in camera da letto senza esclusione di colpi.

Contratto di passione è il terzo volume della serie “Marriage to a Billionaire” di Jennifer Probst. Ritorna la famiglia Conte e questa volta l’autrice si occupa della storia tra Carolina Conte, sorella di Michael a capo della azienda dolciaria di famiglia, e Max Gray, migliore amico di Michael e suo socio in affari.

Carolina da ragazza aveva la tipica cotta adolescenziale per l’amico del fratello maggiore, Max, che però non sembrava ricambiare in quanto provava per lei un semplice affetto fraterno. La ragazza decide un giorno di averne abbastanza di lui; ha sofferto già troppo nel vederlo volare di fiore in fiore come un’allegra ape operaia senza mai preoccuparsi di lei e dei suoi sentimenti, così si trasferisce da Bergamo a Milano dove va a studiare economia. Dopo aver finito i suoi studi è pronta per lasciare l’Italia e decide di trasferirsi negli Stati Uniti dove prende posto nell’azienda di famiglia. Lì c’è anche Max che diventerà il suo tutore nella ditta ma Carolina non fa una piega: non è più la giovane timida e  insicura che era una volta, adesso è una donna adulta pronta a vivere le sue esperienze sia in campo professionale che in quello sentimentale.

“Max era una stupida cotta di gioventù e lei non viveva più chiusa nella prigione della propria emotività. Era venuta in America con due obiettivi: dare prova del proprio valore ed esorcizzare il fantasma di Maximus Gray. Per adesso aveva fatto fiasco su entrambi i fronti”.

Stare lontano da lei per Max è difficile; non fa altro che provocarlo, è più disinvolta di come ricordava ed è una vera e propria tentazione ma lui non cede. Il rispetto che nutre nei confronti di Michael e, soprattutto, della famiglia Conte che lo ha cresciuto in casa propria come un vero figlio, è troppo forte. Lui non è il tipo da una relazione stabile e non è, e mai sarà, la persona giusta per Carolina. Tutto cambia quando i due si ritrovano a dover condividere un viaggio a Las Vegas: complice la città e la vicinanza imposta, Max capitola e i due si ritrovano vicini… molto vicini… anzi, molto ma molto intimi.

“Vediamo un po’. Che cosa può succedere?”. Carlina alzò una mano e iniziò a contare sulle dita. “Siamo tutti e due adulti consenzienti. Reciprocamente attratti. Sarebbe solo per una notte. E poi ci si metterebbe una bella pietra sopra. Qual è il problema? Perché io non lo vedo”.

L’indomani della loro prima notte insieme che, di comune accordo, avrebbe dovuto essere anche l’ultima (e qui non ci ho creduto nemmeno per un secondo: Carolina era troppo presa da Max… e come darle torto dato che il tipo trasuda fascino e sensualità da tutti i pori!), spunta la madre di Carolina pretendendo da Max un matrimonio riparatore che sconvolge le loro vite.

“Max aveva lasciato le tende aperte. La debole luce del giorno filtrò dai vetri, ricordandogli che la notte era ufficialmente finita. Guardò la donna sdraiata accanto a lui. Dormiva profondamente e il suo respiro era reso pesante dalla stanchezza. Che doveva fare adesso? Lasciarle un biglietto? Portarle il caffè? Discutere della nottata? Le possibilità erano infinite e lui, in quanto maschio, avrebbe certo scelto quella sbagliata”.

Questo è un libro che si fa leggere velocemente (ci ho impiegato due sere per terminarlo) grazie anche al tipo di scrittura dell’autrice: elegante e seducente.

È una storia dolce e carica di sentimenti; l’unica pecca dell’autrice riguarda la sua concezione dell’Italia (non siamo più negli anni ’30 quando i matrimoni combinati erano all’ordine del giorno… anche noi ci siamo evoluti e modernizzati).

Consigliato alle amanti del genere e a chi crede nel primo amore… quello che non si scorda mai.

A cura di:

 

Carolina Conte è innamorata fin da quando era piccola del migliore amico del fratello Michael, Max Gray. Ma benché adesso sia cresciuta, si sia laureata e lavori nell'azienda di Michael di cui Max è CEO, la sua famiglia continua a trattarla come il brutto anatroccolo di casa e Max sembra notarla appena. Finché, complice una conferenza con cena a seguire, Carolina e Max trascorrono insieme una notte di passione cui segue, per imposizione della famiglia, un matrimonio riparatore. Max si sente in trappola, Carolina è furiosa, il matrimonio inizia con una guerra... combattuta in camera da letto senza esclusione di…

Score

Voto Arya 4

Voto Utenti : Puoi essere il primo !

baby.ladykira

Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Recensione: “La notte dell’inganno” di Colleen Gleason (serie I Diari delle Tenebre #4)

Buongiorno Fenici, oggi Maljka ci parla di “La notte dell’inganno” di Colleen Gleason ...