Recensione: “Come vento d’inverno” di Rhoma G. (Tempeste Vol. 02)

come-vento-dinverno-rhoma-g

 

trama-rfs-viola

Sharon ha sempre celato la sua vera natura. Si ritiene una persona impaziente, con un carattere burbero e una spiccata predisposizione alla menzogna. Una contraddizione vivente per chi, come lei, è dedita alla filosofia zen.

Con Andrew, tuttavia, sembra aver trovato il giusto equilibrio. Lui è il suo amore, il suo amico, il suo mentore nello studio di avvocati dove lavorano insieme. La loro vita di coppia, e di colleghi, scorre serena a Winnipeg, fino a quando una verità inconfessabile la distruggerà.

Per Sharon è il tracollo fisico ed emotivo, l’unica soluzione è fuggire. Gimli e l’inverno polare l’accolgono, offrendole riparo e inaspettate opportunità. Una fra tutte l’amicizia che sboccia per caso con Danny, Ranger dal cuore spezzato.

Basterà la distanza a far desistere Andrew dal proposito di riconquistare la donna della sua vita?

E Sharon riuscirà a sottrarsi ai ricordi e, soprattutto, ad un nuovo sentimento che piano piano sta crescendo dentro di lei?

Il vento d’inverno soffierà forte sulle vite dei protagonisti, curerà le ferite, intreccerà i destini, e accenderà nuove speranze spegnendo le vecchie.

recensione-rfs-viola

 

Quando un libro ti obbliga a restare incollato alle sue pagine e sembra proibirti di mollarlo anche solo per un attimo, nonostante tu sia oberata di impegni di lavoro che ti sottraggono il tempo per la lettura… significa una cosa sola.

Che il romanzo che hai tra le mani è una piccola sorpresa speciale.

Che poi, a essere sinceri, tanto sorpresa non è. Perché se due anni fa mi ero già innamorata dei protagonisti del primo libro, le probabilità che venissi conquistata anche da quelli del secondo erano obiettivamente alte. Mai prevedibile e scontata, ma comunque alta. E così è stato.

Sharon Master, la sorellina di Lucas che avevamo già conosciuto in precedenza, e Daniel King, l’ex marito di Ary, ultimo discendente della tribù pellerossa dei Chippewa, non potrebbero essere più diversi tra loro.

LEI è come un folletto irascibile con un bel caratterino di fuoco, nonostante i mille insegnamenti della filosofia zen cui si aggrappa con le unghie e con i denti. In fuga da una tremenda delusione d’amore, dopo aver scoperto che Andrew, l’uomo con cui aveva una relazione da ben due anni, era ufficialmente sposato con un’altra donna.

LUI è un Ranger reso insensibile dalle vicissitudini della vita, un orso rude e scorbutico, un gigante mal giudicato dal mondo intero per colpa di pesanti errori commessi in passato nei confronti dell’ex moglie e apparentemente impossibili da cancellare.

Potrebbe esistere una coppia più impossibile e sconveniente di questa? Probabilmente no.

Ma quando due anime ferite, svuotate e spente s’incontrano, il disperato bisogno di consolarsi a vicenda diventa la forza motrice capace di superare qualunque ostacolo.

Shari e Danny intraprendono, così, una strada che comincia con il classico “sesso senza complicazioni” tenuto segreto al mondo intero e basato sulla sola attrazione fisica – che, credetemi, è deliziosa e scoppiettante fin dai loro primi incontri, che sanno regalarci attimi dolcissimi e allo stesso tempo passionali, momenti catartici e al contempo rudi e selvaggi, proprio come piacciono a me. Perché Danny, quello scimmione rozzo e apparentemente insensibile che nessuno sa capire e apprezzare, vi stupirà con la sua tenerezza, con i suoi gesti e i suoi silenzi, proprio come ha stupito me.

Ed ecco che subentra un bisogno fisico sempre più prepotente, cui si mescola un affetto che profuma di fiducia, di profondo rispetto, di senso di completezza e di capacità di restituirsi reciprocamente il sorriso.

Potrebbe esistere una coppia più deliziosa di questa? Probabilmente no.

Perché alla fine, assieme alla felicità, arriva anche il sentimento più tenero e disarmante di tutti, capace di spiazzare loro e di donare il sorriso a noi che leggiamo e che ormai abbiamo a cuore il benessere e le emozioni di questi due ragazzi un po’ speciali, cui la vita ha ingiustamente giocato un brutto scherzo. Una vita crudele che purtroppo non ha ancora finito di metterli alla prova, perché questo loro amore così intenso, così fresco e genuino, verrà osteggiato nel peggiore dei modi da parenti e amici che dovrebbero rivelarsi alleati preziosi e invece non fanno altro che biasimarli, ostacolarli e minare il loro fragile equilibrio appena ritrovato.

Rabbia, tanta rabbia, e profonda frustrazione, sono i due stati d’animo che mi hanno stritolato lo stomaco, schiacciandolo in una morsa nell’ultima parte del libro, mentre Shari e Danny subivano passivamente altre assurde ingiustizie per colpa di troppa invidia e troppi pregiudizi. Almeno fino a quando ogni tassello delle loro toccanti vicende non è tornato al suo posto – con un finale che forse ho trovato un pochino troppo veloce – facendomi tirare un gigantesco e meritato sospiro di sollievo.

Meritato per me, ma soprattutto meritato per loro, due splendidi protagonisti che si sono già ritagliati un posticino nel mio cuore, accanto a quello di Ary e Lucas che, nonostante in questo libro mi abbiano parecchio deluso per certi loro comportamenti ottusi ed egoistici, restano comunque sul podio dei miei personaggi preferiti di questa bravissima scrittrice.

Fiamme-Sensualità-hot NUOVE

Recensione a cura di:

Nikky

Editing a cura di:

Gioggi

 

lascia-un-commento-rfs

Clicca G+ - aiuta a far crescere il sito

Recensione: “Come vento d’inverno” di Rhoma G. (Tempeste Vol. 02)
5 su 1 voti

Pubblicato Da:

Lucrezia
Prima di tutto lettrice. Lettrice curiosa principalmente di fantasy, fantascienza, thriller, ma non disdegno un bello storico - anche romance - o un bel libro in generale. Recensisco libri per RFS perchè la passione della lettura va condivisa. Nella vita impiegata amministrativa, giocatrice di ruolo e amante dei gatti.