Home / Made in Italy autori italiani famosi ed emergenti / Recensione: “Come grilli e stelle” di Manuel Sgarella

Recensione: “Come grilli e stelle” di Manuel Sgarella

Trama

Un viaggio notturno da Milano a Barcellona. Davide e Nola hanno destinazioni diverse. Vite diverse. Provenienze diverse. Lui italiano ha appena terminato le scuole superiori, lei irlandese sta per finire l’università. Si incontrano nella cabina di un treno notturno. Entrambi fuggono dalle scelte per il loro futuro. Due anime in cerca di risposte, ma senza la possibilità di comunicare tra loro. Almeno, non in maniera tradizionale. Un incontro destinato a cambiare per sempre le loro vite. E noi cosa faremmo se incontrassimo l’amore e non potessimo parlarci?

Recensione

L’autore ci racconta che ‘Come grilli e stelle’, nato come incipit per il suo prossimo lavoro, ha parlato per lui diventando un’opera autonoma, e in questa sua disamina, quindi scelta mi trova pienamente d’accordo. Ci sono scritture che prescindono dalla lunghezza e dagli intrecci di una trama articolata, pronte a dare un messaggio, a parlare e comunicare per mezzo del cuore e dell’anima.

“Ogni grande viaggio ha la sua grande avventura.”

La chiave di lettura sta tutta nella citazione di cui sopra, un viaggio in treno che si trasforma in una metafora forse un po’ utopica, diventando il viaggio del protagonista stesso, un’avventura che apre gli orizzonti e le profondità del suo cuore. Un’esplorazione piacevolmente forzata della sua anima, che senza chiedere permesso lo travolge e stravolge.

“Incredibile: quando si perde momentaneamente un senso gli altri compensano questa mancanza. Il suo profumo e quella voce mi hanno preso lo stomaco e hanno rivoltato le mie fantasie.”

Narrato per mano dei due protagonisti, unici personaggi veramente palpabili nel romanzo, improvvisamente ciechi e sordi agli altri viaggiatori e al mondo che li circonda, il treno si trasforma in un guscio atto a proteggerli, estraniandoli del mondo e preservandoli da qualsiasi angoscia, paura e soprattutto dalle loro realtà personali. David e Nola casualmente si incontrano, si scontrano, si sentono, si vedono, decidendo in un muto consenso reciproco, di scegliersi.

Invento, creo, immagino. Una dedica e il mio treno è colmo di persone. E mi sento viva. Anche se non parlo. Il treno va, senza destinazione.
Nessun messaggio, nessun tentativo lento di seduzione. Solo due metà che non potevano più stare lontane per formare un intero.

Tra i binari, le città e le campagne che il treno attraversa, nel buio assoluto della notte, accompagnati solo dalle stelle che illuminano il cielo e dai grilli che sembrano cantare una melodiosa sinfonia tutta per loro, i due ragazzi esplorano le reciproche anime, unendo i loro corpi e prima di tutto il loro cuore. Un incontro esplosivo quanto silenzioso, perché a separarli c’è l’incomprensione dettata dal parlare due lingue diverse, che seppur sconosciute non divengono una barriera, ma fungono da trait d’union avvicinandoli e unendoli, come a significare che spesso le parole non servono, né sono necessarie. Sentimenti e passione trasudano con pudore e leggiadria, conferendo a questo amore inaspettato forse sibillino, un aspetto magico, come un sogno che però permeerà per sempre la realtà e la vita dei due protagonisti. Una scrittura semplice e senza pretese, diventa diretta e pungente, funge da corollario a questa incredibile occasione che nella vita, sarebbe auspicabile fosse offerta a ognuno di noi.

Fiamme Sensualità Lieve

Recensione a cura di:

LadyLightmoon

Editing a cura di:

Liz

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione: “Dolce e Letale (Valetti Crime Family Vol. 3)” di Willow winters

Buongiorno Fenicette oggi la nostra Aina ha recensito ...