Home / Recensione libri / Recensione: “Codice d’onore” di Maureen Child

Recensione: “Codice d’onore” di Maureen Child

Trama viola

Come poteva immaginare il Marine Jack Harris che la ragazza ubriaca che aveva aiutato e ospitato la sera prima nella sua stanza d’albergo fosse la figlia del suo colonnello?
Per evitare uno scandalo non rimane altro che ricorrere a un matrimonio riparatore. Ma dopo un breve periodo di forzata convivenza, tra Jack e Donna qualcosa cambia…

Recensione viola

Quale giovane principessa dei giorni d’oggi non desidererebbe un principe azzurro pronto a salvarla dai guai? Ma Donna non è una donzella d’altri tempi, bensì una ragazza forte e indipendente che non si lascerà ammaliare facilmente dallo charme del bel Marine al servizio di suo padre.
Donna è una piccola combinaguai, domata solo dal suo orgoglio, ma che proprio non ci sta a sacrificare, sull’altare dell’onore, la vita sentimentale di uno sconosciuto, per quanto affascinante egli sia.
Jack Harris, prima le evita una figuraccia, impedendole di presentarsi ubriaca a un gala della marina (di cui suo padre è alto ufficiale), offrendole il suo letto e poi propone un matrimonio riparatore per salvare l’onore del suo colonnello… Donna scalpita, si oppone, ma alla fine è obbligata a cedere a quella che appare l’unica soluzione possibile. Jack sembra perfetto (forse questo è il suo unico difetto), rispettoso e garbato, nonostante la convivenza con una bella donna non lo lasci affatto indifferente… e la ragazza ne è letteralmente conquistata, desiderosa di condividere con lui un sentimento che mai ha provato prima di quel momento. L’intera storia, seppur molto breve, si articola proprio su questo fraintendimento, sulla voglia di entrambi di conoscersi, sovvertendo il naturale ordine delle cose. Jack e Donna saranno una coppia di sposi che impareranno ad amarsi giorno dopo giorno… sperando che l’orgoglio non ci lasci lo zampino.
Questo romanzo, dalla scrittura semplice e delicata, rientra perfettamente nel filone romantico della fiaba moderna, forse condita di qualche stereotipo di troppo, ma sempre in grado di farci sognare. I personaggi risultano essere convincenti e abbastanza approfonditi, per quanto la lunghezza dello scritto lo permetta.
Un classico romanzo del genere Harmony, ma che non disattenderà le aspettative, facendo nascere un sorriso convinto quando si volterà l’ultima pagina.
Consigliato a tutti coloro desiderino passare una serata in compagnia di un bel sogno d’amore, da sorseggiare come un buon bicchiere, ottimo per la stagione primaverile.

Fiamme-Sensualità-Lieve NUOVA

Recensione a cura di:

Fruttina89

Editing a cura di:

Aléthéia

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione: “La lettera dell’amore perduto” di Debbie Rix

Italia, 1959. Rachael è una giovane vedova con una ...