Home / Recensione libri / Recensione: “Cancella il giorno che mi hai incontrato” di Leisa Rayven

Recensione: “Cancella il giorno che mi hai incontrato” di Leisa Rayven

Trama

Cassandra e Ethan. Quando sono sul palco insieme, a nessuno sfugge l’attrazione e la potente alchimia che si sprigiona tra loro appena si sfiorano o si guardano negli occhi. Una passione che toglie il respiro, davanti alla quale è impossibile restare indifferenti. Tanto che all’Accademia d’Arte di New York vengono scelti come protagonisti per lo spettacolo di fine anno, Romeo e Giulietta, la storia d’amore più famosa di tutti i tempi.
Però, una volta calato il sipario e smessi gli abiti di scena, il rapporto tra Ethan e Cassandra si rivela complicato e ingestibile. Lei è la classica brava studentessa, timida, ingenua e sempre pronta ad assecondare il prossimo pur di farsi accettare. Ethan invece è bello e dannato, con un volto da angelo ribelle a cui nessuna ragazza può resistere. Lasciarsi sembra l’unica soluzione per continuare a sopravvivere, anche se il dolore è devastante, soprattutto per Cassandra. Rimasta sola a New York deve ricominciare da zero partendo proprio da se stessa e dal suo cuore tradito. Mentre Ethan, baciato dal successo, è in tournée in giro per l’Europa.
Anni dopo, scritturati di nuovo per interpretare una coppia di amanti, Cassandra e Ethan si ritrovano sul palco ad affrontare i demoni del loro passato e il fuoco di quella passione che, nonostante il tempo, non ha mai smesso di ardere. Ma può un amore così intenso e lacerante finire davvero?

Recensione

Riapro la rubrica “Pessime traduzioni dei titoli dei libri stranieri”. Il titolo originale è “Bad Romeo” ed è assolutamente PERFETTO, nonché stuzzicante. Il titolo italiano (e qui sono sicura che anche voi, ovunque siate, riusciate a sentire il mio lungo sospiro d’afflizione) è “Cancella il giorno che mi hai incontrato”. Oltre alla cacofonia, si aggiunge il terribile difetto che questa frase non c’entra assolutamente niente con il libro!
Detto ciò… la storia inizia in modo scoppiettante. Già dalla prima pagina, il ritmo è energico, arrabbiato e divertente allo stesso tempo.
Leisa Rayven ci racconta la controversa storia d’amore e odio fra Cassandra e Ethan, dal POV di lei. Il libro è scritto sotto forma di diario e alterna in modo armonico presente e passato (sei anni prima, quando tutto è iniziato).
Questa caratteristica è davvero intrigante, e credo che l’autrice abbia dimostrato una grande abilità narrativa, poiché il passato e il presente si intrecciano in modo armonioso. Infatti, per ogni episodio narrato in una delle due “epoche” (passatemi il termine) ciò che avviene in una, in qualche modo viene richiamato nell’altra.
Conosciamo, nelle prime pagine, una Cassandra ormai diventata un’attrice molto apprezzata nel mondo del teatro, che dice parolacce con nonchalance, che usa gli uomini senza preoccuparsene troppo e che è incredibilmente arrabbiata (ed in parte intimorita) da Ethan, con cui dovrà lavorare a stretto contatto.
Il perché, lo scopriremo durante tutto il libro, esplorando il loro passato, di come si sono conosciuti alle audizioni per essere ammessi al Grove Institute, di come dal primo istante fra loro si sia creata un’alchimia unica ed indistruttibile.
Fra una lezione e l’altra, mentre si preparano ad inscenare un’incredibile “Romeo e Giulietta”, si avvicinano, lasciando cadere alcune difese, e facendo vedere come sono realmente. Quando non sappiamo chi siamo, è più semplice essere mille personaggi diversi, ma a volte troviamo chi è in grado di tirar fuori da noi stessi la nostra vera personalità, talvolta per farla fiorire, altre per distruggerla, pensando di farci del bene, oppure, inconsapevolmente.
Vedremo una Cassie completamente diversa da quella del presente, e la stessa cosa la noteremo con Ethan (con il legittimo dubbio che questo cambiamento sia davvero avvenuto in lui). Ho avuto l’impressione, che nel tempo i ruoli si fossero completamente ribaltati e mi sono chiesta se ci fosse una soluzione.

“«Cassandra, cara, a volte non ha senso provare a riparare qualcosa che si è rotto, bisogna ripartire da zero, costruire qualcosa di nuovo. Di più bello.»“

In questa scena, si trovano entrambi ad un ricevimento, ed uno dei due padroni di casa, mostra loro la sua collezione di bicchieri antichi. Potrà sembrare banale, ma è uno dei passi che preferisco, poiché, le parole pronunciate da quel personaggio le ho viste come una grande metafora “bicchiere-uomo”, che ci mostra come le imperfezioni possano darci valore aggiunto.
Le emozioni sono di casa in questo romanzo. Riderete, vi arrabbierete, vi sentirete frustrati. Più di tutto, vi sentirete eccitati. La tensione erotica, scorre in ogni riga di ogni pagina. L’elettricità che pervade quest’opera è accattivante ed avvolgente. Pensavo di leggere un qualunque New Adult, invece, mi sono ritrovata davanti a personaggi che crescono, maturano e ci legano in un vortice di passione travolgente.
Con ciò, non intendo dire che sia un romanzo erotico, in realtà non c’è molto sesso, ma è carico di desiderio, di attesa, di aspettative, di approcci. Si parla di sesso e sessualità in modo disinibito, demolendo lo stereotipo della verginella santarellina.
Durante la lettura, io non sono MAI riuscita ad arrabbiarmi con Ethan. Lui era consapevole del perché si comportasse in un certo modo e continuava a dirle che non doveva aspettarsi nient’altro che un “cattivo Romeo”, ma Cassandra pensava che si sbagliasse, continuando imperterrita a scavare in lui, alla ricerca di altre risposte.
Leisa Rayven ci lascia sul più bello. Un finale così aperto che di più non si può. Come la scritta “Continua nella prossima puntata…” nelle serie televisive. Per fortuna non dovrò attendere il seguito, perché sono incredibilmente curiosa di sapere cosa accadrà e come cambieranno le cose… e se l’amore supera davvero ogni cosa.

“L’amore è questo. Perdersi nell’altro. Essere strappata a ciò che conosci per essere solo ciò che senti. Non c’è da stupirsi se c’è chi combatte e muore in nome di questo sentimento.”

Combatteranno abbastanza per questo sentimento i nostri protagonisti?

Fiamme Sensualità hot

Recensione a cura di:

Nyha

Editing a cura di:

Maria

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione MM:”Assaporare l’oscurità “di Tibby Armstrong

          Titolo: Assaporare l’oscurità ...