Home / Recensione libri / Recensione: “La caduta dei tre regni” di Morgan Rhodes

Recensione: “La caduta dei tre regni” di Morgan Rhodes

Trama

Sono quattro  le pietre magiche, chiamate catalizzatori, che governano la magia e gli elementi : Aria, Acqua, Terra e Fuoco e che sono il fulcro vitale di questo nuovo mondo.
Ormai introvabili e  perse nel continente di Mytica, dopo essere state rubate da due guardiane rinnegate, hanno segnato con la loro  scomparsa la fine della magia e  l’inizio dell’era buia dei tre regni in cui esso è diviso:
Limeros: situato più a Nord  di tutti, è freddo e  inospitale ma soprattutto,  governato da un re dal pugno di ferro e dalle ambizioni sfrenate.
Paelsia: situato  a metà tra gli altri due regni, è quello che è rimasto più impoverito dalla perdita della magia. Arido e misero,  ha trascinato  nella disperazione  anche la popolazione ormai ridotta alla fame.
Auranos: situato a Sud, è il più ricco  e raffinato dei regni. Il suo re è un uomo buono, sebbene, in un certo modo egoista  e sotto la sua guida il popolo prospera felice.
Ma le cose sono destinate a cambiare e i rapporti fra gli stati a farsi sempre più tesi mentre un antica profezia sembra prendere vita e la vita di  tre giovani si intreccerà in maniera del tutto imprevedibile segnando il futuro dei tre regni.

Recensione

Questo racconto è indicatissimo per chi ama il genere Fantasy classico. Infatti i protagonisti sono re  e regine, principi e principesse, nobili cavalieri, eroi dalle umili origini, esseri magici che si tramutano in falchi e incantatrici. Narrato impeccabilmente, lo scrittore riesce subito a presentare i personaggi principali senza confusioni rendendone facile la lettura malgrado l’alto numero di protagonisti. Scritto in maniera semplice, ha il grosso pregio di riuscire a disorientare il lettore facilmente. Cerco di spiegarmi meglio.
Lo stile sembra quasi indirizzarsi ad un pubblico molto giovane, la semplicità della narrazione dà poi, anche l’impressione che sia un racconto già letto, quasi familiare. Ma proprio quando il lettore inizia ad annoiarsi pensando di sapere dove dirigerà il libro, lo scrittore  colpisce con eventi inaspettati e colpi di scena clamorosi, descritti anche in maniera dura rispetto al contesto nel quale ci si è mossi fino a quel momento, facendo sobbalzare il lettore giunto fin lì del tutto impreparato. Che Martin abbia fatto scuola??
Non mi stupirebbe, visto la facilità con cui alcuni personaggi che il lettore inizia a ritenere principali dopo alcune pagine, vengono eliminati senza alcuna pietà o preavviso. Peccato solo che malgrado la presenza di alcune scene “toccanti”, la scrittura semplice non riesce a far breccia nei sentimenti  e  la situazione narrata, per la quale  sarebbe normale emozionarsi o immedesimarsi, rimane “fredda” senza riuscire a coinvolgere come dovrebbe  il lettore. I personaggi sono ben descritti  ma non entrano nel cuore.
Questa è ovviamente un impressione più che personale e che, forse, sarà destinata a mutare quando i veri protagonisti saranno più familiari e definiti, essendo questo il primo libro di una serie nella quale, bisogna prima di tutto ambientarsi e imparare a conoscere ed amare  i personaggi principali con le loro sfaccettature.

Fiamme Sensualità Nullo

LaDamadelBosco

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

x

Check Also

Recensione in anteprima: “Scacco matto, Vostra Grazia” di Rebecca Quasi

Buongiorno Fenici oggi la nostra Emanuela ha recensito ...