Home / Recensione libri / Recensione: “Blood & Roses: Caduta” di Callie Hard

Recensione: “Blood & Roses: Caduta” di Callie Hard

Zeth è riuscito nella sua missione impossibile.
Ma con Sloane, ha segnato la sua caduta.

Negli ultimi due anni, le giornate di Sloane Romera hanno girato intorno al solo obiettivo di ritrovare Alexis. Una volta liberatasi dell’incubo della scomparsa della sorella, Sloane era convita che tutto sarebbe stato più facile, che lei sarebbe stata più felice.
Ma la vita si diverte a prendersi gioco di lei: dopo aver raggiunto finalmente il suo obiettivo, Sloane presto scopre che niente sarà più facile nella sua vita, niente potrà tornare alla normalità… non quando si è innamorata di un uomo pericoloso, che forse non riuscirà mai a ricambiare i suoi sentimenti.

La vita di Zeth Mayfair, da sempre, è stata una lunga strada lastricata di distruzione.
Ma ora, per tenere accanto a sé l’unica donna sulla faccia della terra che il sicario abbia mai desiderato veramente, non gli rimane che imparare ad aggiustare le cose. Riuscirà a rimediare a un’esistenza intera di violenza?
C’è solo un ultimo ostacolo che Zeth è deciso ad annientare… con i suoi metodi. Charlie Holsan.

Nel libro precedente Sloane ha finalmente ritrovato sua sorella che, a discapito di ogni possibilità, sta vivendo la sua tranquilla (per così dire) vita matrimoniale con il suo bel biker. Scoperto il misfatto la nostra dottoressa fa le valigie e riparte per Seattle con Zeth e una bella dose di guai, rabbia e rancore verso sua sorella minore (giustamente).

In questo capitolo ritroviamo un Zeth più dolce, alle prese con un nuovo sentimento: la paura di perdere le persone care. Man mano che il libro scorre, Zeth si rende conto di non aver davvero chiuso il suo cuore al mondo, ma di averlo solo creduto, e, nel tempo, di aver creato una vera e propria famiglia di fortuna. I momenti con Lacey, sua sorella, sono esilaranti. Quest’ultima è un personaggio che mi ha incuriosito molto, con il suo terribile passato e il suo incerto presente, tanto da sperare di poter leggere un libro solo a lei dedicato.

Sloane, dal canto suo, affronta un vero e proprio dissidio tra ciò che sarebbe meglio volere e ciò che vuole davvero. Sa bene che scegliere Zeth, farlo entrare nella sua vita e accettare totalmente i sentimenti che ha nei suoi confronti, vuol dire intraprendere una vita piena di incertezze, sia emotive che non. È pienamente cosciente che una decisione del genere ha sempre un prezzo, primo tra tutti il suo lavoro. Sloane è una donna in carriera che ha studiato tanto e ha lavorato altrettanto per diventare il chirurgo di oggi e non vorrebbe mettere mai a repentaglio tutto quello che ha ottenuto con fatica e costanza per un uomo.

Zeth annuisce continuando a non sorridere, ma evita anche la sua consueta arroganza. “Bene. Dunque, ammettilo. Temi che io mi stanchi ti te.”

Trattengo il fiato. Sto camminando sull’orlo del precipizio; sembra quasi una trappola, e immagino che per certi versi lo sia. Rivelargli quell’informazione è come dargli il sopravvento. Ma che si fotta. Sono stanca di girare intorno alle cose con lui senza sapere cosa diavolo stia succedendo.
Avremmo dovuto affrontare questo argomento già da tempo. “Sì.” La mia voce non vacilla. “Ho paura che tu ti stanchi di me. Prima che portassi Lacey in ospedale, vivevi chiaramente una vita molto diversa da quella che hai condotto nelle ultime settimane. Quanto ci vorrà prima che scopare con una sola ragazza non sarà sufficiente per te? Ormai ogni volta che ti vedo è una sorpresa. Suppongo che un giorno smetterai di passare e quello sarà il momento. Il momento in cui ne avrai avuto abbastanza. Immagino che accadrà presto”

Zeth mi guarda e non reagisce. Non si muove di un millimetro. Quando ho terminato, si siede più dritto e mi dà le spalle, osservando il parco davanti a noi. Il fitto silenzio che segue mi fa venir voglia di vomitare. Ma poi aggiunge: “Non ho mai cercato qualcuno che fosse abbastanza Sloane. Ho sempre cercato qualcuno che fosse meno. E sono tentato di allontanarmi da questa situazione all’incirca cinquanta volte al giorno perché tu sei più di così. Sei troppo.”

Oltre alla parte sentimentale, l’autrice non ci risparmia colpi di scena e azione. Le scene erotiche, meno frequenti rispetto ai libri precedenti, si avvicinano al BDSM. Qualcosa che ho apprezzato rispetto ad altri libri di questo genere è il non dare delle giustificazioni sull’argomento. Zeth è un criminale, un uomo violento e con un passato oscuro, ma le sue inclinazioni sessuali prescindono da tutto questo, non c’è una ragione, semplicemente gli piace quello che gli piace. E, finalmente, anche Sloane riesce ad ammettere a se stessa che ciò che accade in camera da letto non determina chi sei al di fuori. Accettando questa parte di lei e iniziando a vivere i momenti con Zeth in maniera più libera, consapevole di essere una donna forte in ogni caso.

Rispetto ai volumi precedenti, questo capitolo l’ho trovato più introspettivo e concentrato sui sentimenti dei protagonisti, con un po’ meno azione; cosa che, comunque, non mi è dispiaciuta.

Come il libro precedente sono arrivata alla fine senza rendermene conto, ho girato pagina e invece di trovare il capitolo successivo ho trovato i ringraziamenti. È stato un trauma.

Lo stile schietto dell’autrice mi ha davvero ammaliata, Callie macina capitoli pieni zeppi di pensieri, avvenimenti e dialoghi senza difficoltà e senza creare confusione tra una cosa e l’altra. Ha una capacità innata di descrivere momenti e situazioni complessi in poche righe che mi stupisce ogni volta.

Una volta ti dissi che questa poteva essere una fiaba, se tu l’avessi permesso. E specificai quale sarebbe stato il mio ruolo. Ma se vuoi partecipare a questo evento…” Smette di parlare così a lungo che penso si sia addormentato.
Invece, gira la testa e mi sfiora i capelli con le labbra. “Se vuoi andare, Sloane… lo farò accadere. Per te posso cambiare personaggio. Per una notte sarò il Principe Azzurro.”

Bene ragazze, inutile dilungarmi tanto, a mio avviso è una serie a cui bisogna dare una possibilità, anche se non è il vostro genere solito. Io stessa all’inizio ero titubante, ma, volume dopo volume, mi sono ricreduta e ora mi sta piacendo molto. Callie Hart è davvero una scrittrice in gamba che seguirò sicuramente anche dopo questa serie.

Alla prossima lettura, Fenici.

Veronica.Lady Shanna

Veronica.Lady Shanna
Admin Founder Romanticamente Fantasy Sito. Mi piace leggere e grazie a quest'amore ho conosciuto tante splendide persone. Adoro quasi tutti i generi di libri... e anche per quelli che non sono i miei preferiti di solito tendo a non giudicarli prima di averli letti questo per avere una mia opinione personale e non lasciarmi influenzare da quanto sento in giro come commenti e recensioni. Infatti, tendo a prendere quest'ultimi come linee guida non come verità assolute...

Lascia un Commento

x

Check Also

Recensione “Connessione persa” di A.E. Ryecart serie: Urban Love #1

      Genere: M/M, Contemporaneo Editore: Quixote Edizioni ...