Da non perdere
Home / Recensioni MM / Recensione: “Biancaneve e i sette angeli: una fiaba in chiave transgender” di Rhyss Ethan * Queeracconti #1

Recensione: “Biancaneve e i sette angeli: una fiaba in chiave transgender” di Rhyss Ethan * Queeracconti #1

 

♦ Traduzione a cura di Martina Nealli

Rhys Ethan, acquistabile qui ♦

 

trama-rfs-verde

Bianco ha un segreto. Lo ha confidato alla famiglia ma non è stato compreso. Quando incontra il Principe dei suoi sogni, però, capisce che non può più vivere nella menzogna. Per riuscire a realizzare il suo sogno, dovrà affrontare le sue paure più grandi.

I Queeracconti sono una serie di fiabe classiche rivisitate in chiave lgbtq. Biancaneve e i sette angeli insegna a combattere per il lieto fine, qualunque forma esso abbia.

Recensione verde

 Ci sono alcune tematiche, molto importanti, non semplici da capire e, figurarsi, da spiegare a un bambino.
Si sente spesso parlare di Transgender e se ne discute con tutta la semplificazione possibile, ma, suvvia, chi, a meno che non si tratti di un professionista, riesce a farlo senza rischiare di dire la cosa sbagliata al momento sbagliato?
Io credo di non riuscirci. Sono una mamma di due bambine, Rachele di 10 anni e Beatrice di 4. Io ne ho 33 e mi ritengo una persona di larghissime vedute, anche troppo a parer della mia famiglia, ma tant’è. Ci hanno dotato di un cervello e ognuno lo usa come gli pare. Ma, nonostante questo, davanti a certe domande di mia figlia maggiore non riesco a esprimermi come vorrei. Sono giunta alla conclusione che l’unica cosa che sono in grado di dire è: l’amore va dove vuole. Poco importa che sia tra due donne, tra due uomini o tra un uomo e una donna: non si ferma davanti al sesso o al colore delle persone. Una volta che decide il suo percorso, lo segue a spada tratta e puoi farci ben poco.
Ma questa non è una vera e propria spiegazione. Almeno non per quanto riguarda la parte “tecnica”.
Così, quando mi sono trovata davanti al post di segnalazione di questa favola, non ho aspettato nemmeno un minuto; il compra-con-1-click è partito all’istante. Il tempo di scaricarlo e mia figlia aveva già iniziato a leggere.
Premessa: io non l’ho letto. L’ho fatto volutamente perché non sarei stata obiettiva ma ci avrei messo del mio e, invece, voglio riportarvi ciò che Rachele, attraverso le sue emozioni, ha trasmesso a me.

Ero in cucina a preparare la cena e mi arriva lei, kindle in mano, e inizia a leggere un brano:

“Da qualche tempo ho questi sentimenti. Pensavo che non fossero importanti, che sarebbero passati. Così non è stato, anzi sono diventati ancora più forti. Questi sentimenti mi dicono che non sono un principe, e nemmeno un ragazzo. È come se abitassi il corpo sbagliato. Come se fossi dovuto nascere… femmina, ma qualcosa fosse andato storto e fossi nato nel corpo di un maschio.”

 Ecco, ha già centrato il primo punto. Mi sono sentita dire che Bianco si è trasformato in Bianca e che finalmente era felice.
Ha interrotto la lettura per cenare, si è messa il pigiama e si è fiondata nel letto per continuare e terminare la favola.
La mattina seguente mi ha raccontato, ovviamente, senza che io le abbia chiesto nulla. Ora vi riporto quello che mi ha detto.

“Mamma, grazie per avermi regalato questa favola, è bellissima. Lo sai che Bianco diventa Bianca? E lo sai che c’è un principe che si innamora di lui? E lo sai che la sua famiglia è felicissima? E poi, mamma, alla fine si baciano…”

 Tutta emozionata, con gli occhi lucidi, mi ha detto che è stata bellissima, molto più bella di quella palla di “Biancaneve e i sette nani!”
Alla fine mi ha chiesto di poter scrivere qualcosa su Amazon, perché vuole che continuino a tradurre queste favole.
Quindi ha scritto la sua prima recensione:

“Sono una bambina di 10 anni e ho letto questa favola sul kindle della mia mamma. Mi è piaciuta tantissimo, è bellissima e mi ha insegnato che posso essere chiunque ed essere amata da tutti per come sono. Maschio o femmina, ricca o povera. Continua a scriverli!”

 Quindi, che dire? È stato meraviglioso vederla leggere con tanta voracità, emozionarsi e, soprattutto, riuscire a capire quello che c’è dietro. Questa è la magia dei libri e di chi li scrive: trasformare tutto in un bellissimo sogno a occhi aperti.

Fiamme-Sensualità-Nulla NUOVA

Recensione a cura di: Daenerys

Editing a cura di: Aléthéia

Recensione: “Biancaneve e i sette angeli: una fiaba in chiave transgender” di Rhyss Ethan * Queeracconti #1
5 su 1 voti

baby.ladykira

Oltre ad essere l' Admin founder del Sito di Romanticamente Fantasy, sono una libraia ed adoro tutti i libri in genere, dai cartacei ai digitali. Oltre alla passione dei libri, sono una telefilm e film dipendente ^_^
x

Check Also

Recensione: “Tra finzione e realtà” di L. A. Witt (Serie gli Assi del motore vol. 3)

Grazie alla partecipazione al popolare reality show Wrench Wars, l’officina di Reggie ...

error: Contenuti di proprietà di RFS