Home / Recensione in Anteprima / Recensione in anteprima: “Un bacio di tenebra”, titolo originale “Archangel’s Blade” di Nalini Singh (#4 serie Guild Hunter)

Recensione in anteprima: “Un bacio di tenebra”, titolo originale “Archangel’s Blade” di Nalini Singh (#4 serie Guild Hunter)

Quarto libro della serie Guild Hunter

Trama

Archangel's BladeLa testa mozzata marchiata da un caratteristico tatuaggio sulla guancia avrebbe dovuto essere un caso della Corporazione, ma gli istinti oscuri, affinati in oltre centinaia di anni, costringono Dmitri a prenderne il controllo. C’è qualcosa di contorto su questa morte, qualcosa che sussurra di secoli lontani … ma la necessità di Dimitri, di scoprire la verità non è nulla se paragonata alla violenta reazione nei confronti della cacciatrice assegnata per decifrare il tatuaggio.
Straziata da un brutale attacco che l’ha quasi uccisa, Honor non è neanche lontanamente pronta a trovarsi faccia a faccia con il seducente vampiro che è il braccio destrodi un arcangelo, e che indossa la sua crudeltà in modo così arrogante quanto la sua letale sensualità … lo stesso vampiro che è stato la sua segreta ossessione fin dal giorno in cui era abbastanza grande da comprendere l’inspiegabile, violenta emozione che scatenava in lei.
Mentre il desiderio si trasforma in una pericolosa ossessione che potrebbe distruggerli entrambi, diventa chiaro che il passato non può essere tenuto sepolto. Qualcosa è a caccia … e non si fermerà fino a quando non avrà fatto risorgere ancora una volta un incubo intriso di sangue…

Recensione

Rileggere un libro e accorgersi che ti eri scordata di quanto fosse bello e ti avesse colpito nel profondo la sua storia…
Archangel’s Blade (Titolo in italiano: “Un bacio di tenebra) è il quarto libro della serie Guild Hunter di Nalini Singh, ma il primo che si allontana dalla coppia Raphael ed Elena, per cominciare a farci conoscere in modo più approfondito le storie dei Seven, angeli e vampiri che si occupano della sicurezza personale dell’arcangelo e del loro capo: Dmitri. In questo caso il protagonista è lui.
È un libro pieno di contrasti, come lo è Dmitri e la sua lunga vita immortale di vampiro millenario. Per lui c’è stato un “prima” e un “dopo”, e la svolta che lo ha cambiato per sempre è stato il momento della sua trasformazione in vampiro, un cambiamento avvenuto contro la sua volontà.
Solo Raphael è a conoscenza del passato di Dmitri e della sua storia, questo ha forgiato tra i due un legame profondo, che ha dato origine alla lealtà assoluta che Dmitri nutre per l’arcangelo.
Il vampiro Dmitri è un essere spietato e cinico, ma questo è l’unico modo per poter mantenere il controllo su tutte le creature presenti nel territorio dell’arcangelo, immortali e non: far sapere loro che ogni trasgressione verrà punita in modo esemplare, perché tra gli immortali non sono ammesse debolezze.
È un essere abituato a utilizzare ogni mezzo a sua disposizione per raggiungere il suo fine, senza scrupoli, crudeltà e tortura compresi. È anche conosciuto per le sue straordinarie doti di seduttore; è una creatura sensuale e la ricerca del piacere carnale è una delle poche sfide nelle quali si diletta, ma non è una sua debolezza, anzi può diventare un’arma a suo favore.
Honor, la cacciatrice della Guild Hunter, è il suo nuovo obiettivo, la sua seduzione una nuova sfida. La donna all’inizio è in grado a malapena di riuscire a stare nella stessa stanza con Dmitri, dopo essere stata rapita per due mesi da un gruppo di vampiri e aver subito ogni tipo di abuso da parte loro. Ma non è più disposta ad accettare questa sua debolezza, e rifiuta che il trauma e i ricordi terribili la rendano vulnerabile. Combatte contro il suo istinto che le dice di fuggire e accetta di lavorare con questo vampiro che non lascia alcun tipo di dubbio sulle sue intenzioni verso di lei. Oltre a coinvolgerla in questo gioco pericoloso e sensuale, Dmitri vuole, e può darle, l’unica cosa che per lei conti: la vendetta, una volta scoperte le identità dei suoi rapitori.
Sì, perché lui sarà inumano e freddo, ma ha comunque un suo codice d’onore, rispetta l’innocenza delle vittime e non si tira mai indietro nel ricercare di dar loro una sorta di giustizia, naturalmente a modo suo.
La trama della storia che ha Honor e Dmitri per protagonisti, si svolge nel loro presente, ma ogni tanto veniamo trasportati indietro nel tempo, per conoscere la storia straziante di Dmitri uomo. Piccoli e brevi flashback, che trasmettono emozioni a volte tanto intense da mozzare il fiato. La maledizione di Dmitri credo sia proprio dover convivere con questi ricordi per tutta la durata della sua vita immortale; come non capire il motivo del suo profondo cambiamento?
Honor mi è piaciuta molto, il suo spirito combattivo, il suo orgoglio, il modo nel quale affronta le sue paure e lotta per cercare di ritornare a vivere e non solo sopravvivere a quello che le è accaduto.
Dmitri è uno dei miei vampiri preferiti, un personaggio intenso, complesso da accettare per il suo modo di essere, ma per questo, anche terribilmente affascinante.
Una delle cose che amo più in Nalini Singh è la sua capacità di trasmettere emozioni attraverso le storie dei suoi personaggi, è impossibile non sentirsi coinvolti leggendo i suoi libri; questa serie ci mette di fronte a momenti di una dolcezza incredibile, attimi di passione intensa, ma anche al loro opposto e questo permette, forse, di amplificare ancora di più i sentimenti positivi.
Non voglio fare spoiler, per cui dirò solo che non ho molto apprezzato la quadratura del cerchio che ha scelto di utilizzare l’autrice per la storia di Honor e Dmitri, mi è sembrata un po’ una forzatura, ma forse per lei era l’unico modo per mantenere la coerenza del vampiro.
Spero arrivi presto in Italia e vi consiglio di leggerlo, se poco poco eravate intrigate da Dmitri prima, potreste trovarvi perdutamente innamorate di lui, dopo la lettura della sua storia, ma non serve a nulla prendere il numerino, in quello Dmitri non è cambiato, quando ama non ha occhi per nessun’altra… e vi lascio la traduzione di un breve passaggio nel quale potete trovare il vecchio Dmitri.

“Mi amerai anche quando sarò grassa e ingombrante per il nostro piccolo?”

Appoggiò le mani sulla curva arrotondata del suo addome, sfiorandole con le labbra le  palpebre, la punta del suo naso, le sue labbra. “Ti amerò anche quando sarò polvere nel vento.”

Fiamme Sensualità super hot

Recensione a cura di: Ayliss72

baby.ladykira

baby.ladykira
Admin Founder del gruppo ROMANTICAMENTE FANTASY SITO
x

Check Also

Recensione: “Sunset Valley” di Connie Furnari

«Sei una bella puledra selvaggia da cavalcare, la ...